14°

26°

Arte-Cultura

Premiare il merito per rialzare il Pil

Premiare il merito per rialzare il Pil
0

 di Francesco Mannoni

 

La politica si è limitata a due schieramenti che s'insultano, a un pubblico che fa il tifo per l’uno o per l’altro e tutti avanzano pretese maggiori per ottenere di più. E se si ottiene, ciò avviene a danno del paese o di altri, perché per accontentarli, si fanno debiti astronomici nei quali ci ingolfiamo e non sappiamo come uscirne». 
Poche, precise pennellate, bastano a Piero Angela, scrittore e giornalista, volto televisivo fra i più noti dei migliori programmi scientifici della Rai, per rappresentare il quadro fosco della situazione italiana. E allora è naturale chiedersi, come fa lui in un saggio semplice, rigoroso e sempre equilibrato, «A cosa serve la politica?» (Mondadori, pp. 157, euro 18). «Oggi c'è un forte risentimento contro la classe politica - scrive Angela nell’introduzione - per i suoi troppi privilegi, per il malcostume diffuso, per i costi, l’arroganza, l’inefficienza, la corruzione». 
Con questo libro che arriva come un invito alla conoscenza reale dei fatti in questi giorni in cui la politica in Italia è al centro di proteste, indignazioni, speranze, paure e apprensioni per il futuro del paese, Angela fa il punto sul malcostume italiano e suoi tanti aspetti.
Cosa ha voluto evidenziare con questo saggio?
La direzione in cui mi muovo è esterna e di contorno a quella della cronaca politica quotidiana, perciò nel mio libro non sono mai nominati uomini politici né partiti. L’antefatto della politica è di creare ricchezza altrimenti non si può distribuire niente, e se si distribuisce senza aver prodotto, si fanno debiti e ci si trova nel grande deficit in cui l’Italia sprofonda. Se avessimo pensato più a creare ricchezza oltre che a distribuirla, non avremmo il debito pubblico che abbiamo, con tutti i guasti e preoccupazioni generali di tenuta del paese. Il debito pubblico è la grande voragine che la politica sembra aver scavato negli ultimi sessant'anni.
Per gli italiani è arrivato il momento di tornare a essere attente formichine dopo tanti anni da cicale?
Non è mica detto che uno debba essere più povero: basta produrre di più, attraverso la crescita e lo sviluppo di tutta l’imprenditoria, il lavoro che forma il famoso Pil. Se cresce il Pil, il metro di misura utilizzato dagli economisti per dare l’indice della ricchezza, le cose migliorano. Però, bisogna che il Paese abbia la capacità culturale, intellettuale e educativa necessaria, altrimenti non riesce a produrre. 
Sono questi i fattori base da cui partire?
Sono le cose alle basi di ciascuna politica, ma delle quali non dibattiamo mai. Ai dibattiti televisivi che abbiamo visto a centinaia in questi ultimi anni, si è mai sentito trattare su come applicare il merito nella società? Ciò vuol dire che se noi non ci preoccupiamo di mettere le persone giuste al posto giusto, a cominciare dalla pubblica amministrazione, è evidente che poi troviamo mescolati partiti, stato e governo che in Italia sono diventati la stessa cosa, mentre invece sono cose completamente diverse. Questo è un problema culturale, non è solo politico, manca la conoscenza, perché la gente deve capire in che mondo vive. Nel mio libro mi limito a indicare degli acceleratori là dove, senza spendere un centesimo e premiando il merito, la qualità può migliorare la macchina produttiva.
Al momento pare che l’Italia sia agli ultimi posti in tutto: lavoro, beni sociali, ricerca, sanità. Poco sostegno all’innovazione e all’intelligenza scrive lei: cecità o incompetenza di chi ci amministrava?
Un ragionamento diverso si può fare per la Sanità che in Italia è molto buona rispetto ad altri paesi, e si è scelto di farne una spesa sociale importante. Una delle maggiori voci del passivo, infatti, è proprio la sanità. Ma tutte le altre strutture sono davvero in declino: ricerca umiliata, un’educazione che nei test internazionali risulta in coda, un merito negato, un’assenza disperante di cultura scientifica, valori calpestati, assenza d’iniziative sul piano energetico, università agli ultimi posti nelle classifiche internazionali, pochissime iniziative per concorrere all’innovazione e all’eccellenza.
Una disfatta?
Sì, e potrei continuare dicendo che nella classifica degli indici di resa scolastica, all’età di quindici anni, gli studenti più bravi sono asiatici. Paesi partiti dal sottosviluppo si sono messi sul serio a lavorare, e oggi sono i primi della classe. Non è un problema di soldi, ma di qualità e di capacità. Uso spesso un’espressione: bisogna alzare l’asticella che la nostra situazione ha fatto scendere. I migliori, perché dobbiamo sprecarli a fare delle classi a bassa velocità? Bisogna agire perché quella che sarà poi la futura classe amministrativa e direttiva sia sempre in condizione di operare al meglio. Dobbiamo fare come al Coni: tutti imparano delle pratiche sportive, poi si sceglie il gruppo che va alle Olimpiadi. In America e in Francia ci sono delle università molto selettive, dove si forma tutta la classe dirigente. In Italia non c'è la ricerca dell’eccellenza, ci sono delle persone che diventano eccellenti per conto loro, ma perché come nel calcio, non si fa una selezione nei vivai? Ci impegniamo di più nella selezione dei piedi che in quella dei cervelli. 
Questo vale anche per le università?
Le università americane - piene di stranieri che insegnano, a cominciare dagli italiani -, sono atenei dove entrano gli studenti migliori e all’interno di queste istituzioni si formano le menti del paese. E' un sistema orientato a creare l’eccellenza, far crescere i bravi. Io me la prendo un po' anche con la Cultura con la «C» maiuscola, perché oltre che fare letteratura, musica, arte, bisogna capire il mondo in cui si vive per poterlo trasformare, scriverci sopra, altrimenti si è analfabeti. La nostra è una cultura monca: la parte più filosofica, letteraria, umanistica, giuridica, artistica va benissimo; ma la cultura deve essere qualcosa di più, perché vediamo che disastri crea una cultura non scientifica con una mentalità pre-tecnologica. 

A cosa serve la politica? - Mondadori, pag. 15718,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Nocciolini e Baraye stendono il Piacenza: 2-0. Un Parma concreto vola ai quarti

PLAY-OFF

Nocciolini e Baraye stendono il Piacenza: 2-0. Un Parma concreto vola ai quarti

Nocciolini: "Nel mio gol, cross da Serie A di Scaglia" (Video)Grossi: "Finalmente il Parma" Videocommento - Baraye: "L'importante è non mollare mai" - Oggi alle 15.30 il sorteggio, mercoledì l'andata. Passano Alessandria, Lucchese, Livorno, Lecce, Pordenone, Cosenza e Reggiana

play-off

Sondaggio: chi vorreste incontrare ai quarti? (Guarda la griglia)

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

8commenti

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

2commenti

gazzareporter

Scherzi a parte? No, via Montebello, strada dei parcheggi assurdi Foto

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

2commenti

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

anteprima gazzetta

Il voto a Parma, un "laboratorio" per tutta l'Italia

Nell'edizione di domani: bocconi avvelenati, scherzi pericolosi di ragazzini a Sorbolo e Traversetolo

tg parma

Ladri e vandali al Palaciti Video

Incursione nella notte al palazzetto. I malviventi mettono tutto a soqquadro , danneggiano uffici e spogliatoi poi fuggono con scarpette da ginnastica e tute

1commento

Traversetolo

E sotto il futuro Conad spunta un villaggio neolitico

Lo scavo sotto il Torrazzo porta alla luce 32 strutture e 4 tombe risalenti al V millennio avanti Cristo

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

19commenti

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

2commenti

visita

Trump dal Papa. Per Melania e Ivanka non solo Dolce Vita Gallery

SOCIETA'

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

SPORT

CALCIO

Due a zero all'Ajax: il Manchester United vince l'Europa League

formula 1

Gp di Monaco, è già sfida Vettel-Hamilton. E torna Jenson Button

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare