-3°

Arte-Cultura

Islam, ironia senza veli

Islam, ironia senza veli
0

Maria Pia Forte

Ricrediamoci: il mondo islamico non ha solo il volto truce e minaccioso che gli attribuiamo fin dai tempi dell’invincibile Saladino  e ancor più oggi col fondamentalismo religioso che ispira sanguinosi attentati. No, i musulmani non perdono occasione per sorridere, fare dell’ironia anche su se stessi. Ce lo dimostra il volume «Il sorriso della Mezzaluna» (Carocci), dove Paolo Branca, Barbara De Poli e Patrizia Zanelli (professori rispettivamente di Lingua e letteratura araba e Islamistica all’Università Cattolica di Milano, Storia e istituzioni del Vicino e Medio Oriente all’Università Cà Foscari di Venezia, e Traduzione Arabo-Italiano all’Università Luspio di Roma) alternano saggi e raccolte di amene barzellette coniate nei Paesi di cultura araba. Barzellette che oltre a divertire ci dicono molto sulla mentalità e i costumi di quelle società. «L’umorismo arabo - spiega il professor Branca - spesso sconfina nei campi interdetti dei bisogni fisiologici, del sesso, della politica e persino della religione ed è soprattutto un modo di scherzare sui paradossi e le contraddizioni dell’esistenza, oltre che una consolazione da ingiustizie e sopraffazioni purtroppo molto comuni in quei Paesi. Luoghi in cui, non a caso, fin dai tempi più antichi vittime predilette di aneddoti e pettegolezzi sono stati spesso i potenti, a partire da califfi e sultani, e i ricchi, specie se avari e scorbutici. Gli uomini di religione poi, imam o dotti islamici, sono una categoria bersagliatissima, quanto i rabbini nell’umorismo ebraico e preti e suore in quello nostrano. Non si prendono mai di mira, invece, Maometto e i suoi profeti e neppure Gesù; non si degenera mai, insomma, in espressioni blasfeme e dissacranti come invece avviene spesso in Occidente».  Dagli esempi citati nel libro, anche i rapporti fra i due sessi sono un tema ricorrente. Qual è il quadro che ne emerge?
«Lo stampo maschilista e patriarcale delle culture orientali impregna il loro humour: le donne sono dipinte come esseri troppo emotivi, irrazionali e rompiscatole. Non mancano, tuttavia, esempi di reazione femminile: donne che si prendono gioco degli uomini, mettendone in evidenza l’inclinazione ad essere spacconi e mammoni». Oltre che rompiscatole, le donne sono dipinte come intraprendenti e scaltre, dotate di pericolose armi di seduzione e dunque da tenere a bada. Lei scrive che le barzellette "riflettono i controversi e articolati rapporti tra i due sessi, sospesi fra tradizionale dominazione maschile e sotterfugio femminile".
«Sì, ma bisogna dire che la maggior parte di esse rispecchiano anche una quotidianità non molto diversa da quella di qualsiasi altra cultura, assumendo carattere universale». E la satira politica, quale spazio ha nei Paesi arabi, retti per lo più da regimi repressivi? Lei riporta alcune barzellette che denotano una certa libertà: alcune ironizzano persino sui kamikaze.
«Le barzellette non può controllarle nessuno. Ad esempio i vari presidenti egiziani, da Nasser a Mubarak, ricorrono spesso nelle barzellette di quel Paese, e un po' dappertutto la classe politica è vittima consapevole di una forma di dissenso o di critica che sfugge a ogni forma di restrizione. Ovviamente parlo delle barzellette orali: pubblicarle nei giornali con tanto di vignette o diffonderle via etere è assai più difficile. Barbara De Poli racconta come la censura abbia colpito i giornali satirici fin dall’epoca coloniale, e come si sia ulteriormente inasprita nei Paesi divenuti via via indipendenti con regimi autoritari. E’ emblematico il caso del settimanale 'Demain', che nel Marocco governato da un re, Hassan II, orientato alla democratizzazione è riuscito a vivere solo dal 2000 al 2003». In quali Paesi del Vicino e Medio Oriente e del Maghreb vige una maggiore libertà di sbeffeggiare il potere?
«Questa libertà è molto variabile a seconda dei periodi e dei temi: in Egitto le battute sul governo o sul presidente sono pane quotidiano, meno colpiti sono esercito e religione. In Marocco e in altre monarchie è rischioso prendere in giro i sovrani, altrove non si può pubblicare nulla che non sia antisraeliano o antisemita e contro gli Stati Uniti». I recenti rivolgimenti del Nord Africa hanno ampliato il margine di libertà degli umoristi? «Sì, moltissimo. I blog sono spesso arricchiti da vignette che fino a non molto tempo fa avrebbero procurato seri problemi ai loro autori». 

Il sorriso della Mezzaluna 
   Carocci, pag. 196,  € 18 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Una patente

Una patente di guida

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

3commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

anteprima gazzetta

Il caso di via D'Azeglio: "Il supermercato non deve chiudere" Video

Allarme povertà, la comunità di Sant'Egidio raddoppia il pranzo di Natale

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

politica

Bilancio del Comune, Alfieri attacca: "Cittadini spremuti?"

"Ci hanno detto che eravamo pieni di debiti, tasse e tariffe dovevano essere al massimo. Ora compare un tesoretto di 138 milioni di euro?"

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Calciomercato

Il Parma voleva Castagnetti. Ma era legato a Vagnati

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti