Arte-Cultura

Natale con il cappone in tavola

0

 Il cappone lo si ottiene castrando un galletto all’età di 60-70 giorni per essere poi allevato ed alimentato con cura e macellato a 7-8 mesi di vita. Il suo impiego è soprattutto nel periodo natalizio. La castrazione determina l’aumento del grasso soprattutto intramuscolare rendendo la carne così morbida e di sapore così delicato da far ritenere il lesso di cappone una pietanza tra le più raffinate. Per essere buono, il cappone, deve avere gli sproni corti, segno che non è passato d’ età, e con il grasso  visibile sotto la pelle, ben distribuito in strati regolari a riprova che l’allevamento non è stato forzato». 
Così recita uno dei «vangeli» del mangiar bene è cioè il  bellissimo volume «La cucina del pollaio» edito, per i caratteri di «Tecnografica», dalle delegazioni  parmensi dell’Accademia  Italiana della Cucina,  pietra miliare,  dal punto di vista  storico-culturale,  dell’enogastronomia.
Nella tradizione gastronomica parmigiana, specie in occasione delle festività natalizie, tra i lessi che vengono portati in tavola e nel cui brodo vengono immersi gli anolini, non può mancare certamente il cappone da gustare,  unitamente a gallina, lesso, lingua, cotechino e zampone, in compagnia di adeguate salsine casalinghe oppure con la piccante mostarda di Cremona.
Per ottenere un cappone supremo si seguiva una liturgia che un tempo, in campagna,  rappresentava, addirittura, un vero e proprio rito agreste  che si effettuava nel periodo estivo. Infatti, tra giugno e luglio, quando i galli erano particolarmente forti ed in carne e quindi potevano sopportare una tremenda amputazione, appositi personaggi, i «castradór» (uomini o donne), si recavano nelle corti con i loro attrezzi del mestiere e procedevano a mutilare alcuni galli della loro virilità. La castrazione dei galli era praticata dagli antichi greci (cappone deriva infatti dal greco «kopto» che significa tagliare) per evitare di tenere troppi galli nel pollaio che equivaleva a liti e a zuffe quotidiane per avere la supremazia sul pennuto harem.   
Inoltre la carne del gallo, col tempo, diviene più dura e meno saporita, mentre quella dei capponi si mantiene tenera. Nell’antica Roma era in vigore una disposizione che vietava  di allevare galline dentro casa, quindi si ripiegava con i capponi. Un tempo, il cappone, era un regalo natalizio destinato alle tavole delle persone illustri, basti pensare ai quattro capponi che Renzo portò in dono all’avvocato Azzeccagarbugli nei «Promessi Sposi». Pregiatissimi  i capponi piemontesi di Morozzo e San Damiano d’Asti. E, siccome una volta non si buttava via niente, coi genitali, creste e bargigli degli ex galli si faceva un gustoso sugo di frattaglie per condire il piatto più classico della cucina piemontese, i «tajarin»,  i quali,  per  divenire  sublimi, necessiterebbero di una paradisiaca  grattugiata  di tartufo  bianco d’Alba. 
I «castradór», solitamente persone anziane ed esperte in questo genere di «interventi chirurgici», si recavano nella corte a bordo di una sgangherata bicicletta al cui manubrio era attaccata una borsa con gli attrezzi del mestiere: un paio di forbici, stracci, una scatoletta con  aghi, per lo più ricurvi, e filo bianco. Adocchiati, con la collaborazione della «rezdora», i galli da sacrificare, i «castradór», entravano nel pollaio, afferravano la vittima e la portavano fuori. Dopo una breve «colluttazione», al povero gallo, che fino ad un attimo prima si pavoneggiava  tra il suo harem  mostrando la bella cresta rossa, veniva praticato un taglietto. Rapidamente, con una manovra sicura e dettata dall’esperienza, venivano estratti i «fagioli», dopo di che la ferita veniva cucita con ago e filo. 
L’ex gallo, un po’ frastornato, si  rotolava tra la ghiaia e nell’erba e poi, mestamente, riprendeva la strada del pollaio con la cresta notevolmente  abbassata. Il vitto che veniva serbato al neo - cappone era del tutto particolare. Infatti la «rezdora», ai capponi, preparava una mistura più nutriente; addirittura nelle corti dei ricchi le bestie venivano allevate a pane e latte affinchè le loro carni divenissero  prelibate per il pranzo natalizio.    
Lorenzo Sartorio 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti