-2°

Arte-Cultura

Usa, ignoranza in gonnella

Usa, ignoranza in gonnella
Ricevi gratis le news
1

Laura Pioli

Nella seconda città più ricca d'America, New Canaan, Connecticut, dove la gente non chiude le proprie case a chiave e lascia le macchine di lusso aperte nei parcheggi dei supermercati, ho incontrato una donna sposata con il gemello di un pittore di caricature di personaggi famosi americani, ossessionata da etichette e ordine all'interno della propria casa. Non scherzo quando dico che ho visto un'etichetta adesiva messa come confine tra una stanza ed un'altra, che cita a grandi lettere «Non oltrepassare. Da qui ci penso io».  Una cabina armadio con giacche messe in ordine di lunghezza, partendo da quelle senza maniche fino a quelle con doppio piumino incorporato. Una parete di cappelli messi in ordine di colore, dal più chiaro al più scuro. Una cucina organizzata secondo etichette, coltelli solo dove appare la scritta «coltelli», piatti di vetro solo dove si legge «piatti di vetro». Il frigo. Avreste dovuto vedere il frigo. Sulla destra solo yogurt e burro, con rispettiva etichetta sotto, sulla sinistra solo succhi. In alto solo cibi sott'olio, in basso solo verdure. Tutto perfettamente organizzato e stabilito in anticipo. Così come l'etichetta comanda. Ho incontrato un'altra donna, successivamente, a cui invece importa ben poco della casa. La sua casa è solo una conseguenza del suo essere: rispecchia perfettamente ciò che lei rappresenta. Nella seconda città più ricca d'America c'è anche l'eccezione. E questa donna lo è chiaramente. Sfatta, sempre spettinata, capelli da «mi sono appena svegliata ma li lascio così tutto il giorno», vestiti vecchi, usati, riciclati? Scarpe distrutte dal cane che ama mordicchiarle, un marito che ha solo camicie e pantaloni bucati ma che a quanto pare non rappresentano un problema. Straccione è bello. Lasciarsi andare gli piace. Una casa che grida al mondo chi sono loro. Sporca, peli di cane ovunque, letti sfatti, piatti sporchi, canovacci bucati e lasciati andare, mai cambiati.
Cosa ci fa una famiglia che arranca per arrivare a fine mese, che cucina solo la domenica sera e fa mangiare al proprio pargolo avanzi per tutta una settimana, in una cittadina composta solo da ville di milionari? Ho conosciuto poi una terza donna, che usciva urlando della propria casa, con un pezzo di legno conficcato nel dito anulare, mentre il marito cercava di calmarla e farla salire sul loro macchinone nero, in una corsa veloce verso l'ospedale.
La quarta donna a cui riesco a pensare, è quella dalla sciarpa azzurra di cashmere. E' arrivata a casa nostra giovedì pomeriggio, avvolta nella sua nuvola di profumo, mano nella mano con il suo marito perfetto, ex giocatore di football americano, e i suoi quattro figli calmi, educati, e ben vestiti. Mi ha stretto la mano in quel modo delicato, che pone però un certo distacco. Mi ha educatamente chiesto da dove vengo, cosa voglio fare nella vita, quali sono i miei interessi e qual è la mia opinione sulla politica italiana. Come se quest'ultima cosa avesse qualcosa a che fare con le precedenti domande. Donna che ti ascolta ma non è davvero interessata a quello che stai dicendo, sembra piuttosto persa a pensare a quali saranno i prossimi affari di stagione al centro commerciale, e a quanto è stata fortunata ad aver incontrato un uomo così bello che l' abbia sposata. E certamente a come sono belli i suoi figli. Arriviamo infine a due  categorie di donne con cui ho avuto a che fare nella cittadina classificata al secondo posto come la più ricca d'America: la giovane, età circa intorno ai vent'anni, quindi mia pari, e la signora anziana, intorno ai settant'anni.  Voglio partire dalla signora anziana, poiché una cosa che mi ha colpito particolarmente è che come tutte le signore americane della sua età che ho avuto modo di conoscere, anche questa graziosa figura dal cappello marrone scuro, non è del tutto naturale.  Si è sicuramente rifatta qualcosa in faccia, a prima vista direi naso e bocca.
La sua prima domanda diretta è stata se mi considero ormai americana o ancora italiana. Come se stando in un paese per solo un paio di anni si riuscisse a perdere del tutto la propria origine. «Mi considero italiana signora. O almeno questo è quello che dice il mio passaporto». La seconda è stata su come gestiamo il problema del fumo in Italia. Sembra proprio che queste donne non riescano a collegare due domande logiche tra di loro, prima una, poi magari una seconda che almeno abbia anche vagamente qualcosa in comune con la prima. Ma niente. Non se ne parla. Il cappello marrone scuro e piumato che indossa è sicuramente un dettaglio interessante, come anche il bastone a cui si aggrappa mentre cerca di raggiungere la sala da pranzo. Si siede e non aspetta nessuno. Inizia a mangiare.
La giovane invece, dal viso solare e paffuto, mi dice di essere una grande lettrice. Una cosa in comune. Finalmente. Ma quando poi esordisce dicendo che non sa bene in che continente sia collocata l'Italia, le mie braccia tendono un po' a cascare. Mi racconta che la sua vita è nell'Upper East Side e che è un'insegnante a Brooklyn. Che il venerdì sera le piace uscire con le sue amiche, e il sabato mattina lo passa poi a letto, cercando di far passare la sbornia. A Natale vuole andare in Australia (siamo certi che sappia dove si trova sulla cartina geografica? E meno male che fa l'insegnante..).
Ho avuto a che fare con parecchie donne in quattro mesi e mezzo di soggiorno americano, e una cosa che le accomuna parecchio è la loro «non cultura», per dirla in un modo carino. Ho conosciuto una donna a Seattle che abitava lì da quattro anni, ed era convinta che la libreria pubblica della città fosse il City Hall.
Una donna che era laureata ad Harvard, ma che non andava oltre a ciò che era davanti a suoi occhi. Quella donna ha solo un pezzo di carta in mano. Una donna che continua a sorridere e parla con accento civettuolo, una donna arrabbiata al supermercato, una donna straniera in un paese straniero.   Le americane danno ai loro figli un bicchiere di latte ogni sera prima di andare a dormire, e amorevolmente preparano loro   il pranzo al sacco ogni mattina. Forse non sono così diverse da noi: c'è un oceano in mezzo, ma forse non così tanta acqua che ci separa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • angelas

    15 Dicembre @ 15.21

    ma che articolo e'? una collezione di macchiette? E se lo e' che senso ha il titolo, che fa pensare il lettore che le donne nord americane sono tutte ignoranti?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

9commenti

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5