Arte-Cultura

Usa, ignoranza in gonnella

Usa, ignoranza in gonnella
1

Laura Pioli

Nella seconda città più ricca d'America, New Canaan, Connecticut, dove la gente non chiude le proprie case a chiave e lascia le macchine di lusso aperte nei parcheggi dei supermercati, ho incontrato una donna sposata con il gemello di un pittore di caricature di personaggi famosi americani, ossessionata da etichette e ordine all'interno della propria casa. Non scherzo quando dico che ho visto un'etichetta adesiva messa come confine tra una stanza ed un'altra, che cita a grandi lettere «Non oltrepassare. Da qui ci penso io».  Una cabina armadio con giacche messe in ordine di lunghezza, partendo da quelle senza maniche fino a quelle con doppio piumino incorporato. Una parete di cappelli messi in ordine di colore, dal più chiaro al più scuro. Una cucina organizzata secondo etichette, coltelli solo dove appare la scritta «coltelli», piatti di vetro solo dove si legge «piatti di vetro». Il frigo. Avreste dovuto vedere il frigo. Sulla destra solo yogurt e burro, con rispettiva etichetta sotto, sulla sinistra solo succhi. In alto solo cibi sott'olio, in basso solo verdure. Tutto perfettamente organizzato e stabilito in anticipo. Così come l'etichetta comanda. Ho incontrato un'altra donna, successivamente, a cui invece importa ben poco della casa. La sua casa è solo una conseguenza del suo essere: rispecchia perfettamente ciò che lei rappresenta. Nella seconda città più ricca d'America c'è anche l'eccezione. E questa donna lo è chiaramente. Sfatta, sempre spettinata, capelli da «mi sono appena svegliata ma li lascio così tutto il giorno», vestiti vecchi, usati, riciclati? Scarpe distrutte dal cane che ama mordicchiarle, un marito che ha solo camicie e pantaloni bucati ma che a quanto pare non rappresentano un problema. Straccione è bello. Lasciarsi andare gli piace. Una casa che grida al mondo chi sono loro. Sporca, peli di cane ovunque, letti sfatti, piatti sporchi, canovacci bucati e lasciati andare, mai cambiati.
Cosa ci fa una famiglia che arranca per arrivare a fine mese, che cucina solo la domenica sera e fa mangiare al proprio pargolo avanzi per tutta una settimana, in una cittadina composta solo da ville di milionari? Ho conosciuto poi una terza donna, che usciva urlando della propria casa, con un pezzo di legno conficcato nel dito anulare, mentre il marito cercava di calmarla e farla salire sul loro macchinone nero, in una corsa veloce verso l'ospedale.
La quarta donna a cui riesco a pensare, è quella dalla sciarpa azzurra di cashmere. E' arrivata a casa nostra giovedì pomeriggio, avvolta nella sua nuvola di profumo, mano nella mano con il suo marito perfetto, ex giocatore di football americano, e i suoi quattro figli calmi, educati, e ben vestiti. Mi ha stretto la mano in quel modo delicato, che pone però un certo distacco. Mi ha educatamente chiesto da dove vengo, cosa voglio fare nella vita, quali sono i miei interessi e qual è la mia opinione sulla politica italiana. Come se quest'ultima cosa avesse qualcosa a che fare con le precedenti domande. Donna che ti ascolta ma non è davvero interessata a quello che stai dicendo, sembra piuttosto persa a pensare a quali saranno i prossimi affari di stagione al centro commerciale, e a quanto è stata fortunata ad aver incontrato un uomo così bello che l' abbia sposata. E certamente a come sono belli i suoi figli. Arriviamo infine a due  categorie di donne con cui ho avuto a che fare nella cittadina classificata al secondo posto come la più ricca d'America: la giovane, età circa intorno ai vent'anni, quindi mia pari, e la signora anziana, intorno ai settant'anni.  Voglio partire dalla signora anziana, poiché una cosa che mi ha colpito particolarmente è che come tutte le signore americane della sua età che ho avuto modo di conoscere, anche questa graziosa figura dal cappello marrone scuro, non è del tutto naturale.  Si è sicuramente rifatta qualcosa in faccia, a prima vista direi naso e bocca.
La sua prima domanda diretta è stata se mi considero ormai americana o ancora italiana. Come se stando in un paese per solo un paio di anni si riuscisse a perdere del tutto la propria origine. «Mi considero italiana signora. O almeno questo è quello che dice il mio passaporto». La seconda è stata su come gestiamo il problema del fumo in Italia. Sembra proprio che queste donne non riescano a collegare due domande logiche tra di loro, prima una, poi magari una seconda che almeno abbia anche vagamente qualcosa in comune con la prima. Ma niente. Non se ne parla. Il cappello marrone scuro e piumato che indossa è sicuramente un dettaglio interessante, come anche il bastone a cui si aggrappa mentre cerca di raggiungere la sala da pranzo. Si siede e non aspetta nessuno. Inizia a mangiare.
La giovane invece, dal viso solare e paffuto, mi dice di essere una grande lettrice. Una cosa in comune. Finalmente. Ma quando poi esordisce dicendo che non sa bene in che continente sia collocata l'Italia, le mie braccia tendono un po' a cascare. Mi racconta che la sua vita è nell'Upper East Side e che è un'insegnante a Brooklyn. Che il venerdì sera le piace uscire con le sue amiche, e il sabato mattina lo passa poi a letto, cercando di far passare la sbornia. A Natale vuole andare in Australia (siamo certi che sappia dove si trova sulla cartina geografica? E meno male che fa l'insegnante..).
Ho avuto a che fare con parecchie donne in quattro mesi e mezzo di soggiorno americano, e una cosa che le accomuna parecchio è la loro «non cultura», per dirla in un modo carino. Ho conosciuto una donna a Seattle che abitava lì da quattro anni, ed era convinta che la libreria pubblica della città fosse il City Hall.
Una donna che era laureata ad Harvard, ma che non andava oltre a ciò che era davanti a suoi occhi. Quella donna ha solo un pezzo di carta in mano. Una donna che continua a sorridere e parla con accento civettuolo, una donna arrabbiata al supermercato, una donna straniera in un paese straniero.   Le americane danno ai loro figli un bicchiere di latte ogni sera prima di andare a dormire, e amorevolmente preparano loro   il pranzo al sacco ogni mattina. Forse non sono così diverse da noi: c'è un oceano in mezzo, ma forse non così tanta acqua che ci separa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • angelas

    15 Dicembre @ 15.21

    ma che articolo e'? una collezione di macchiette? E se lo e' che senso ha il titolo, che fa pensare il lettore che le donne nord americane sono tutte ignoranti?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Una patente

Una patente di guida

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

anteprima gazzetta

Il caso di via D'Azeglio: "Il supermercato non deve chiudere" Video

Allarme povertà, la comunità di Sant'Egidio raddoppia il pranzo di Natale

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

1commento

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

politica

Bilancio del Comune, Alfieri attacca: "Cittadini spremuti?"

"Ci hanno detto che eravamo pieni di debiti, tasse e tariffe dovevano essere al massimo. Ora compare un tesoretto di 138 milioni di euro?"

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Rugby

La partita delle Zebre anticipata alle 15

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

1commento

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti