-3°

Arte-Cultura

Ombre ambigue sul primo '900

Ricevi gratis le news
1

Sergio Caroli

La parola «notturno» non evoca solo il crepuscolo e l’oscurità della notte con il suo carico di inquietudini e turbamenti, ma un sentimento del tempo. E un sentimento del tempo che da una parte abbandona un’epoca trascorsa, l’Ottocento - con i suoi grandi eventi e i suoi grandi uomini, con le passioni nobili e generose del Romanticismo e del Risorgimento - ma lega quel passato a un’ansia vaga nell’avvenire, anima la prosa di «Notturno italiano - L’esordio inquieto del Novecento» di Lucio Villari, docente di Storia contemporanea nell’Università di Roma Tre (Laterza, pag. 200, euro 16).
Vi si tematizza l’idea del passaggio da un tempo a un altro e di sentimenti contrastanti e diversi : da una parte nostalgia, rimpianto o chiusura con il passato, dall’altra un’apertura, ma inquieta, della quale non si ha percezione esatta, ma che poi sfocerà nell’immane tragedia della Grande Guerra.
Professor Villari, fu la politica a risvegliare nell’ultimo decennio dell’Ottocento la storia italiana alle vicende dell’Occidente?
La fine dell’Ottocento ha risvegliato, credo, quella che poi sarà la croce e la delizia del Novecento, e cioè la lotta di classe, lo scontro fra capitale e lavoro, che non apparteneva al decennio precedente in modo così esplicito. L’ultimo decennio fa esplodere, non solo in Italia, quella che potremmo chiamare la «resa dei conti». E non mi riferisco solo agli sviluppi del socialismo e del marxismo teorico - parlo di Antonio Labriola e altri - ma agli scontri sociali culminati nelle stragi di Milano del 1898. Mi riferisco anche al fatto che l’idea di socialismo è assolutamente nuova nella storia della lotta politica in Italia. Affiderei quindi al socialismo e alla conseguente paura della borghesia la definizione del risveglio che caratterizza la fine del secolo.
Il primo decennio del nuovo secolo fu la diretta conseguenza del secolo precedente?
Quando uno immagina un passaggio di secolo - anche noi l’abbiano vissuto nel trapasso dal Novecento al Duemila - c'è un’attesa straordinaria di cambiamenti, tipica di tutti i passaggi di secolo. Assolutamente inquietante fu, ad esempio, il trapasso fra il Settecento e l’Ottocento con gli sconvolgimenti della Rivoluzione francese e dell’era napoleonica. Questi passaggi di secolo trasmettono al secolo nuovo tutte le vitalità, tutte le inquietudini, scientifiche, religiose e letterarie, tutte le presenze positive e negative proprie di ogni fine secolo. Io mi fermo al 1910, ma tutto ciò che avviene in quel decennio è la diretta conseguenza dell’ultimo decennio dell’Ottocento espansa grazie agli sviluppi dell’economia, della scienza, della tecnica. Si pensi a tutte le realizzazioni uscite da quegli anni estremamente fertili. Invenzioni come le automobili, gli aerei, la radio - cito solo pochi esempi - fanno entrare nei misteri della natura come non mai era accaduto. C'è il senso non di una frattura, ma è come la cerniera di una porta che si apre e il nuovo secolo si spalanca.
Lei restituisce alla sua grandezza la figura, oggi dimenticata, di Eugenio Torelli-Viollier, il fondatore e direttore responsabile, fino alla morte, del «Corriere della sera».
Direi che fanno di tutto per non ricordarlo. Persino nella testata del «Corriere» è scritto «fondato nel 1876», ma non dicono fondata da chi. Gli eccidi del generale Bava Beccaris a Milano hanno rivelato l’autenticità del liberalismo di Eugenio Torelli-Viollier, un uomo che credeva nei valori liberali, ma anche nel rispetto delle regole, dei lavoratori e della nascente democrazia. Questa visione liberale aperta egli la esprime già nel primo numero del «Corriere», che uscì il 5 marzo 1876, laddove dice: «io sono liberale, ma sono un liberale anche conservatore; credo che il compito del conservatore sia quello di conservare quello che stato dato all’Italia, cioè, l’indipendenza, l’unità, la libertà e l’arte. In grazie a questo è avvenuto un gran fatto: che Roma è stata emancipata dai papi che la tennero durante undici secoli, e in grazie a loro vediamo un fatto singolare che un cardinale paga la ricchezza mobile, che una chiesa protestante è stata costruita presso San Giovanni in Laterano».
Lei istituisce un parallelismo tra l’Italia alla vigilia della Grande Guerra e l’Atene rappresentata nel 425 a. C dal ventenne Aristofane nella commedia «Acarnesi».
Nella sua prima commedia il giovane intellettuale ateniese è colpito dalla contraddizione tra l’immagine della pace - che assimila all’eros, al godimento assoluto - e gli spiriti bellicistici scatenatisi nella guerra del Peloponneso. Anche l’Italia faceva parte di un’Europa in pace da quarant'anni, ma vi fermentavano spiriti bellicistici che eromperanno con violenza nel '14-'15. Il mio «Notturno» parte dalla considerazione che tutte le cose che avvengono quasi involontariamente porteranno al loro opposto: tutto quello che si è scoperto e inventato è come se si preparasse all’autodistruzione che poi ci sarà.  
Quali effetti ebbero sullo spirito pubblico degli italiani le roventi polemiche di Papini, Prezzolini, D’Annunzio e Marinetti?
Sono loro che hanno preparato il sentimento della morte proprio del nazionalismo italiano che porterà alla prima guerra mondiale. D’Annunzio un po' meno, ma tutti gli altri sono esaltatori della morte. Personaggi di un cinismo assoluto, c'e in essi una specie di uso letterario della politica, che è più pericoloso dell’uso politico della politica stessa. I politici possono essere cinici, questi sono dei cinici senza rendersene conto, confondono la realtà con la loro immaginazione.
Notturno italiano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daticc77

    24 Dicembre @ 21.46

    :)

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento