Arte-Cultura

Veronesi, solitudini di carta

Veronesi, solitudini di carta
0

 di Anna Folli
In Italia, quello dei racconti è un genere poco amato dai lettori e, di conseguenza, dagli editori. Speriamo che, a questa regola, faccia eccezione la raccolta di Sandro Veronesi che di lettori meriterebbe di averne davvero tanti. In «Baci scagliati altrove» (il titolo viene dal verso di una poesia composta dallo stesso Veronesi una ventina d’anni fa, «Elegia per un Sancristoforo») sono radunate quattordici storie scritte in epoche molto diverse e in parte già pubblicate. Nel loro insieme (anche se a volte in modo discontinuo) dimostrano in modo inequivocabile la qualità di uno dei più notevoli autori della letteratura italiana contemporanea, capace come pochi altri di raccontare con lancinante profondità piccole e grandi vicende di ordinaria sofferenza quotidiana. I racconti di Veronesi sono molto vari per i toni e i temi trattati. Ma è possibile rintracciare un filo conduttore che li lega strettamente l’uno all’altro: in ognuno di essi, infatti, esce prepotente il senso della morte e della sofferenza. A volte (da «Profezia» a «Morto per qualcosa», da «Quel che è stato sarà» a «Baci scagliati altrove») queste due realtà intimamente correlate assumono una tale rilevanza da diventare protagoniste della vicenda narrata. Altre volte, invece, la morte appare in chiaroscuro e quasi si insinua tra le righe in modo più lieve e smorzato ma ineludibile. L’altra presenza spesso incombente è quella del padre, a partire da «Profezia», il racconto che apre la raccolta e in cui più evidenti sono i riferimenti autobiografici. Quasi a rendere più sopportabile il proprio dolore, in «Profezia» Veronesi proietta nel futuro, ma senza lasciare alcun dubbio sulla realtà di un’esperienza già vissuta, la sofferenza per la lunga agonia e la morte del padre. E l’autore toscano è bravissimo nel rendere questa dolente figura paterna ormai allo stremo, eppure ancora vivo e combattivo, ancora «lui», con tutte le passioni e le idiosincrasie che il figlio ha amato o ha combattuto. Scritto come un fiume in piena che non può essere interrotto da alcuna interpunzione «Profezia» rappresenta forse il punto più alto e certamente il più coinvolgente della raccolta. Trasmette (ed è raccontato benissimo) il senso della fatica del figlio che accudisce il padre morente ma testimonia anche la potenza del loro legame, rafforzato dai tanti frammenti di vita condivisa. La figura paterna è centrale, ma questa volta in senso negativo, anche nel terzo racconto, «Quel che è stato sarà», in cui due ragazzi hanno avuto la loro esistenza distrutta dallo straripante ego dei loro padri. E l’esito drammatico della storia è la risposta abnorme di uno dei due figli alla necessità di essere diverso, di deragliare dalla strada che il padre ha già tracciato per lui senza tenere conto delle sue reali aspirazioni: «La faccia dell’aguzzino, in effetti, l’ha sempre avuta... - racconta il protagonista-narratore - Ma ce ne vuole prima di capire una cosa del genere riguardo al proprio padre. Per troppo tempo devi pensare col suo cervello, per troppo tempo è impossibile dubitare della sua parola. Così, quando vedi le cose come stanno, è già tardi, non puoi più agire, devi soltanto reagire». E’ invece la figura del fratello maggiore, Gino, che aleggia a distanza in «Un pesce rosso». Nel racconto il suo fascino sulle donne è forse all’origine del male di vivere di una ex fidanzata che, per curare la sua assenza, si rivolge al fratello minore. Padri, figli, fratelli: come già nei romanzi precedenti, la famiglia rimane al centro della narrazione di Veronesi. E forse nell’importanza che l’autore toscano le ha sempre dato nelle sue opere va cercato nel tentativo di trovare, attraverso i rapporti parentali, un antidoto alla solitudine: «L'uomo buono paga fino in fondo con la sofferenza solitaria di ogni volta in cui spera di non sopravvivere all’immensa responsabilità della cosa fatta – scrive Veronesi in “Il Ventre della macchina” - e invece sopravvive, ammutolisce e passa oltre. I dolori si dileguano, i pentimenti si confondono, i contorni del ricordo si dissolvono: e poi stordisce, e appaga, questo mistero di una vita tanto più grande di tutti i suoi pezzi messi insieme».  
Baci scagliati altrove -  Fandango, pag. 184,  13,00 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti