17°

32°

Arte-Cultura

Veronesi, solitudini di carta

Veronesi, solitudini di carta
Ricevi gratis le news
0

 di Anna Folli
In Italia, quello dei racconti è un genere poco amato dai lettori e, di conseguenza, dagli editori. Speriamo che, a questa regola, faccia eccezione la raccolta di Sandro Veronesi che di lettori meriterebbe di averne davvero tanti. In «Baci scagliati altrove» (il titolo viene dal verso di una poesia composta dallo stesso Veronesi una ventina d’anni fa, «Elegia per un Sancristoforo») sono radunate quattordici storie scritte in epoche molto diverse e in parte già pubblicate. Nel loro insieme (anche se a volte in modo discontinuo) dimostrano in modo inequivocabile la qualità di uno dei più notevoli autori della letteratura italiana contemporanea, capace come pochi altri di raccontare con lancinante profondità piccole e grandi vicende di ordinaria sofferenza quotidiana. I racconti di Veronesi sono molto vari per i toni e i temi trattati. Ma è possibile rintracciare un filo conduttore che li lega strettamente l’uno all’altro: in ognuno di essi, infatti, esce prepotente il senso della morte e della sofferenza. A volte (da «Profezia» a «Morto per qualcosa», da «Quel che è stato sarà» a «Baci scagliati altrove») queste due realtà intimamente correlate assumono una tale rilevanza da diventare protagoniste della vicenda narrata. Altre volte, invece, la morte appare in chiaroscuro e quasi si insinua tra le righe in modo più lieve e smorzato ma ineludibile. L’altra presenza spesso incombente è quella del padre, a partire da «Profezia», il racconto che apre la raccolta e in cui più evidenti sono i riferimenti autobiografici. Quasi a rendere più sopportabile il proprio dolore, in «Profezia» Veronesi proietta nel futuro, ma senza lasciare alcun dubbio sulla realtà di un’esperienza già vissuta, la sofferenza per la lunga agonia e la morte del padre. E l’autore toscano è bravissimo nel rendere questa dolente figura paterna ormai allo stremo, eppure ancora vivo e combattivo, ancora «lui», con tutte le passioni e le idiosincrasie che il figlio ha amato o ha combattuto. Scritto come un fiume in piena che non può essere interrotto da alcuna interpunzione «Profezia» rappresenta forse il punto più alto e certamente il più coinvolgente della raccolta. Trasmette (ed è raccontato benissimo) il senso della fatica del figlio che accudisce il padre morente ma testimonia anche la potenza del loro legame, rafforzato dai tanti frammenti di vita condivisa. La figura paterna è centrale, ma questa volta in senso negativo, anche nel terzo racconto, «Quel che è stato sarà», in cui due ragazzi hanno avuto la loro esistenza distrutta dallo straripante ego dei loro padri. E l’esito drammatico della storia è la risposta abnorme di uno dei due figli alla necessità di essere diverso, di deragliare dalla strada che il padre ha già tracciato per lui senza tenere conto delle sue reali aspirazioni: «La faccia dell’aguzzino, in effetti, l’ha sempre avuta... - racconta il protagonista-narratore - Ma ce ne vuole prima di capire una cosa del genere riguardo al proprio padre. Per troppo tempo devi pensare col suo cervello, per troppo tempo è impossibile dubitare della sua parola. Così, quando vedi le cose come stanno, è già tardi, non puoi più agire, devi soltanto reagire». E’ invece la figura del fratello maggiore, Gino, che aleggia a distanza in «Un pesce rosso». Nel racconto il suo fascino sulle donne è forse all’origine del male di vivere di una ex fidanzata che, per curare la sua assenza, si rivolge al fratello minore. Padri, figli, fratelli: come già nei romanzi precedenti, la famiglia rimane al centro della narrazione di Veronesi. E forse nell’importanza che l’autore toscano le ha sempre dato nelle sue opere va cercato nel tentativo di trovare, attraverso i rapporti parentali, un antidoto alla solitudine: «L'uomo buono paga fino in fondo con la sofferenza solitaria di ogni volta in cui spera di non sopravvivere all’immensa responsabilità della cosa fatta – scrive Veronesi in “Il Ventre della macchina” - e invece sopravvive, ammutolisce e passa oltre. I dolori si dileguano, i pentimenti si confondono, i contorni del ricordo si dissolvono: e poi stordisce, e appaga, questo mistero di una vita tanto più grande di tutti i suoi pezzi messi insieme».  
Baci scagliati altrove -  Fandango, pag. 184,  13,00 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, tutti i dati del 2016

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

22commenti

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

1commento

economia

Pomodoro, oltre 1000 assunti per la campagna Mutti

Nei 3 stabilimenti di Parma, Collecchio e Salerno, oltre ai fissi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

profitti

Samsung, utili record: sorpasso con Apple alle porte

GDF

Corruzione: 5 arresti a Lodi, in manette anche un vigile

SPORT

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

nuoto

Italia show ai mondiali: Detti oro e Paltrinieri bronzo negli 800 sl

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita