13°

31°

Arte-Cultura

La Pulzella immortale

La Pulzella immortale
0

Sergio Caroli

Seicento anni fa, il 6 gennaio 1412, nasceva Giovanna d’Arco. Arsa viva il 30 maggio 1431, cinque secoli dopo sarà proclamata patrona della Francia. Credevano di annientarla coloro che la condannarono, ma le hanno innalzato un monumento imperituro. In quale contesto storico si inscrisse l’epopea dell’intemerata giovane? Nel 1420 il Trattato di Troyes aveva concesso la duplice corona di re di Francia e d’Inghilterra al discendente di Enrico V di Lancaster e di Caterina di Francia. Dominando l’incertezza politica, quel progetto pareva non trovar più ostacoli. L’Inghilterra offre denaro e benefici a quanti lo appoggino. L’Università di Parigi si schiera «in toto» col re inglese e così numerosi vescovi e feudatari potenti, come i duchi di Borgogna e di Normandia. Quando, nell’ottobre 1428, gli inglesi assediano Orléans, il cuore del Paese, è a tutti chiaro che la nazione è ormai asservita. D’improvviso, nel marzo 1429, un’analfabeta guardiana di pecore si presenta al re Carlo VII. Dice di aver sentito voci celesti e di essere inviata da Dio per liberare la Francia. Convince il sovrano a riprendere la guerra. Di lì a poco ne comanda le truppe e in otto giorni libera Orléans. Persuade poi il re ad andare a Reims per essere incoronato. Feroce è però l’odio che la «pucelle» suscita sia negli inglesi che in tutta la consorteria politica, ecclesiastica e universitaria, che teme il fallimento del suo progetto. Allorché, Giovanna, catturata dai borgognoni e abbandonata dal re, è venduta per duemila pezzi d’oro, la consorteria passa alla vendetta. Accusata di aver indossato abiti maschili nonché di stregoneria e di eresia, la «pucelle», processata a Rouen da un tribunale ecclesiastico, è condannata al rogo. Papa Callisto III nel 1456 annullerà la sentenza. Nel 1920 Benedetto XV la proclamerà «santa». Françoise Michaud-Fréjaville, docente emerito di Storia medioevale all’Università di Orléans, è il massimo studioso vivente di Giovanna D’Arco.

Quali furono, professoressa, le doti militari della «pucelle»?
Di certo credeva più all’attacco di sorpresa che alla tattica vera e propria. Come mistica ha bisogno di pregare prima del combattimento, poi, sotto il simbolo del suo stendardo, va all’attacco, trascinando i suoi seguaci. Centinaia di pagine sono state scritte sulle sue doti di comandante. E' difficile distinguere quanto fosse dovuto alla buona preparazione dei cavalieri che la circondavano e quanto fosse invece il prodotto del suo genio di condottiero. Credo che essa sia stata capace di spingere i suoi uomini a realizzare, senza temere la sconfitta, ciò per cui erano stati educati dall’infanzia. Ma di volta in volta essa li ha rispettati e scossi. Certi non l’hanno affatto apprezzato. Per gli uomini d’armi, non se ne sa mai troppo. La prova ne è che a Patay (18 giugno 1429) tutti hanno offerto un’esemplare prova di «furia francese», Giovanna trovandosi alla retroguardia. Ma tutti le hanno riconosciuto la gloria del risultato. La disfatta inglese è stata totale. A Compiègne è stata la madre dei suoi soldati: ne ha protetto il rientro nella fortezza dopo aver inferto gravi perdite ai borgognoni. La sua cattura, insieme ad alcuni soldati - tra cui uno dei suoi fratelli - mostra che essa possedeva un autentico coraggio fisico.

Fu, il suo, un processo «staliniano» ante litteram?
Confesso che questa caratterizzazione è inadeguata, perché troppo datata nel tempo e nel contesto del XX secolo. Non si trattava di consolidare un’autorità tirannica inglese ma di denunciare e sradicare una temibile devianza religiosa, schizzando al contempo fango in quantità contro il nemico politico, Carlo VII, complice della colpevole Giovanna. Il processo, per un implacabile ragionamento, non poteva che sfociare in una condanna. Gli inglesi rimasero sorpresi dalla mitezza della prima condanna al carcere.

Come definirebbe il carattere di Giovanna, quale emerge dagli atti del processo?
Non si può che confermare tutto ciò che hanno detto e ridetto tutti i lettori del processo di Rouen: la maggior parte dei giudici furono duri, pressanti, cioè brutali, scaltri, terribilmente burocratici e pedanti, compresi del loro sapere e rigorosi sulle forme giudiziarie. Tuttavia certuni furono capaci di vedere il personaggio straordinario che stava davanti a loro ed alcuni se ne andarono per non doverla giudicare. Alla fine l’accusarono di esser stata credulona e presuntuosa, di aver avuto un progetto unicamente militare e di essersi intestardita in una via personale senza l’avallo della Chiesa militante (la gerarchia ecclesiastica). Giovanna reagì assai spesso con grande fermezza, ribattendo con frasi dirette, piene di buon senso e talora di scherno appena velato. Il suo coraggio è sorprendente e magnifica è la sua finezza nelle repliche. La sua convinzione personale appare evidente: crede profondamente in ciò che ha visto, detto e fatto. Essa non era però in grado di argomentare sulle questioni teologiche e disciplinari: le sono indifferenti. Si entra in una «impasse»: per lei le sue voci dicono il vero ed essa ha agito con giustizia; per i giudici o non sono affatto voci o sono quelle del Diavolo. In entrambi i casi Giovanna è nell’errore, «une erreur mortifère».

Quali, fra le tante versioni letterarie e filmiche del dramma di Giovanna, l’hanno maggiormente impressionata per aderenza al personaggio storicamente vissuto e per qualità artistiche?
In letteratura: «Jeanne d’Arc» di Charles Péguy ; poi «Joan of Arc» di Marc Twain. Nel cinema: «Le Procés de Jeanne d’Arc» di Robert Bresson.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza sulla Pietra di Bismantova: ferito 25enne di Parma

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

SEMBRA IERI

Sembra ieri: via Farini affollata di autobus (1998)

traffico

Autovelox: i controlli fra il 29 maggio e il 1° giugno

1commento

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

salso

Terme, via libera alla liquidazione

Autostrada

Incidente e traffico intenso: code in A1 e in A15 in serata

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover