12°

Arte-Cultura

Caproni, dolore senza lacrime

Caproni, dolore senza lacrime
0

A chi gli chiedeva quale tipo di poesia componesse, Giorgio caproni, del quale ricordiamo i cent'anni trascorsi da quel 7 gennaio 1912, a Livorno, rispondeva invariabilmente «non ho mai fatto il poeta di professione. Non ho  mai capito come lo si possa fare, giacché ho sempre pensato, in genere, che l'esser poeti sia, prima di tutto, una qualità fisiologica, non commerciabile, come l'avere un naso camuso o aquilino».
Dunque: prima di tutto la sincerità, quasi un dovere. Ed Emilio Cecchi, dopo aver letto le prime raccolte degli anni Quaranta «Come un'allegoria» ('36), «Ballo a Fontanigorda» ('38), ma specialmente «Finzioni» del '41 e «Cronistoria» del '43, scrisse: «Fra le giovani voci della nostra poesia moderna, quella di Giorgio Caproni è fra le più fresche e sincere, con una grande precisione di temi e di colori. A questo si aggiunge una sapiente agilità, una movenza, una leggerezza di sintassi, una disciplina continua di stile così perfettamente assimilate che in lui son divenute propriamente istintive». Il cammino era dunque tracciato sino da quegli anni lontani, o che a noi appaiono adesso tanto remoti, se non fosse che l'arte sottile  e magica dei versi ce li ripropone vicini, invece, e raccolti su di noi, sul nostro potere di riflessione. Come accade per la poesia di Bertolucci, di Betocchi, di Giudici: scrittori d'alta scuola che uscivano dal clima novecentesco fra tradizione e avanguardia, con gli occhi ben aperti, consapevoli della misura moderna dello stile non solo per lo stesso stile, ma per le virtù della memoria che in esso si specchia. E Caproni - che alla trepida precisione del piccolo quadro, dell'aneddoto o del ritmo cantabile non ha mai rinunciato - più di tanti altri suoi contemporanei ha saputo fedelmente interpretare lo spirito della poesia (l'immagine è di Giovanni Pozzi), cioè l'illuminante festevolezza del verso, anche quando esso, negli anni e noi più vicini, mutò dal canto alla saggezza di un cosciente nichilismo innestato sarcasticamente sul volto e le espressioni del «viaggiatore cerimonioso» e del «franco cacciatore» davanti al «muro della terra»: una terra sempre più aspra, inospitale e lontana. Era, ed è rimasto, il suo «Seme del piangere», ma senza lacrime, che riassume un suo particolarissimo Novecento (le lezioni di Saba, di Montale, Barile, Sbarbaro, del Rebora protonovecentesco sono più che mai evidenti, quasi citazioni) e quel timbro ironico e malinconico del vedere e del vedersi che ha il sapore del «congedo» come nella famosa poesia degli anni Sessanta, quasi una canzone, ma amara, che ripete l'addio al mondo con un sorriso, con una sfida, e con un grido. Però, come diceva Cecchi, ecco che la leggerezza della sua sintassi era diventata con il passare del tempo, delle emozioni e delle letture (Caproni ha tradotto con schietto talento Céline, Genot, Proust, Frénaud, Char) una tenace scrittura con il ritmo di una fantastica innocenza che sapeva penetrare nelle ferite e nelle crepe dell'esistenza con l'audacia di una rappresentazione del destino - il suo e il nostro - e con un discorso lirico rappreso: «no, speranze / più certe son troncate  sulle stanche / bocche dei morti». Un poeta sicuro, Caproni, fra tanti poeti fanciulli ansiosi, incerti: «Ma non m'arrendo. Ancora / non ho perso me stesso. / Non sono, come me stesso, / ancora solo. / E solo / quando sarò così solo / da non aver più nemmeno / me stesso per compagnia, / allora prenderò anch'io la mia / decisione. / Staccherò / dal muro la lanterna / un'alba, e dirò addio / al vuoto». Con i suoi versi «fuori dal sacco», secondo un'immagine che gli era cara e che spesso ripeteva anche quando veniva a trovare i suoi amici parmigiani, Caproni ha fatto, in fondo, del pensiero poetico come tale una lieve inquietudine, un disturbo e un memore spasimo che, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ci conforta e ci indirizza alla vita, la nostra e l'altrui, con una ancora fortissima emozione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Chiede i soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

parma calcio

Parma, lotta di nervi col Venezia. Lucarelli: "Attenzione alla Feralpi" Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

20commenti

tg parma

Pesticidi nel Po: dati preoccupanti, trovate anche sostanze proibite

Pubblicato un dossier Ispra

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

Ginevra, 126 anteprime La guida