19°

Arte-Cultura

Caproni, dolore senza lacrime

Caproni, dolore senza lacrime
Ricevi gratis le news
0

A chi gli chiedeva quale tipo di poesia componesse, Giorgio caproni, del quale ricordiamo i cent'anni trascorsi da quel 7 gennaio 1912, a Livorno, rispondeva invariabilmente «non ho mai fatto il poeta di professione. Non ho  mai capito come lo si possa fare, giacché ho sempre pensato, in genere, che l'esser poeti sia, prima di tutto, una qualità fisiologica, non commerciabile, come l'avere un naso camuso o aquilino».
Dunque: prima di tutto la sincerità, quasi un dovere. Ed Emilio Cecchi, dopo aver letto le prime raccolte degli anni Quaranta «Come un'allegoria» ('36), «Ballo a Fontanigorda» ('38), ma specialmente «Finzioni» del '41 e «Cronistoria» del '43, scrisse: «Fra le giovani voci della nostra poesia moderna, quella di Giorgio Caproni è fra le più fresche e sincere, con una grande precisione di temi e di colori. A questo si aggiunge una sapiente agilità, una movenza, una leggerezza di sintassi, una disciplina continua di stile così perfettamente assimilate che in lui son divenute propriamente istintive». Il cammino era dunque tracciato sino da quegli anni lontani, o che a noi appaiono adesso tanto remoti, se non fosse che l'arte sottile  e magica dei versi ce li ripropone vicini, invece, e raccolti su di noi, sul nostro potere di riflessione. Come accade per la poesia di Bertolucci, di Betocchi, di Giudici: scrittori d'alta scuola che uscivano dal clima novecentesco fra tradizione e avanguardia, con gli occhi ben aperti, consapevoli della misura moderna dello stile non solo per lo stesso stile, ma per le virtù della memoria che in esso si specchia. E Caproni - che alla trepida precisione del piccolo quadro, dell'aneddoto o del ritmo cantabile non ha mai rinunciato - più di tanti altri suoi contemporanei ha saputo fedelmente interpretare lo spirito della poesia (l'immagine è di Giovanni Pozzi), cioè l'illuminante festevolezza del verso, anche quando esso, negli anni e noi più vicini, mutò dal canto alla saggezza di un cosciente nichilismo innestato sarcasticamente sul volto e le espressioni del «viaggiatore cerimonioso» e del «franco cacciatore» davanti al «muro della terra»: una terra sempre più aspra, inospitale e lontana. Era, ed è rimasto, il suo «Seme del piangere», ma senza lacrime, che riassume un suo particolarissimo Novecento (le lezioni di Saba, di Montale, Barile, Sbarbaro, del Rebora protonovecentesco sono più che mai evidenti, quasi citazioni) e quel timbro ironico e malinconico del vedere e del vedersi che ha il sapore del «congedo» come nella famosa poesia degli anni Sessanta, quasi una canzone, ma amara, che ripete l'addio al mondo con un sorriso, con una sfida, e con un grido. Però, come diceva Cecchi, ecco che la leggerezza della sua sintassi era diventata con il passare del tempo, delle emozioni e delle letture (Caproni ha tradotto con schietto talento Céline, Genot, Proust, Frénaud, Char) una tenace scrittura con il ritmo di una fantastica innocenza che sapeva penetrare nelle ferite e nelle crepe dell'esistenza con l'audacia di una rappresentazione del destino - il suo e il nostro - e con un discorso lirico rappreso: «no, speranze / più certe son troncate  sulle stanche / bocche dei morti». Un poeta sicuro, Caproni, fra tanti poeti fanciulli ansiosi, incerti: «Ma non m'arrendo. Ancora / non ho perso me stesso. / Non sono, come me stesso, / ancora solo. / E solo / quando sarò così solo / da non aver più nemmeno / me stesso per compagnia, / allora prenderò anch'io la mia / decisione. / Staccherò / dal muro la lanterna / un'alba, e dirò addio / al vuoto». Con i suoi versi «fuori dal sacco», secondo un'immagine che gli era cara e che spesso ripeteva anche quando veniva a trovare i suoi amici parmigiani, Caproni ha fatto, in fondo, del pensiero poetico come tale una lieve inquietudine, un disturbo e un memore spasimo che, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ci conforta e ci indirizza alla vita, la nostra e l'altrui, con una ancora fortissima emozione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro