10°

22°

Arte-Cultura

Caproni, dolore senza lacrime

Caproni, dolore senza lacrime
0

A chi gli chiedeva quale tipo di poesia componesse, Giorgio caproni, del quale ricordiamo i cent'anni trascorsi da quel 7 gennaio 1912, a Livorno, rispondeva invariabilmente «non ho mai fatto il poeta di professione. Non ho  mai capito come lo si possa fare, giacché ho sempre pensato, in genere, che l'esser poeti sia, prima di tutto, una qualità fisiologica, non commerciabile, come l'avere un naso camuso o aquilino».
Dunque: prima di tutto la sincerità, quasi un dovere. Ed Emilio Cecchi, dopo aver letto le prime raccolte degli anni Quaranta «Come un'allegoria» ('36), «Ballo a Fontanigorda» ('38), ma specialmente «Finzioni» del '41 e «Cronistoria» del '43, scrisse: «Fra le giovani voci della nostra poesia moderna, quella di Giorgio Caproni è fra le più fresche e sincere, con una grande precisione di temi e di colori. A questo si aggiunge una sapiente agilità, una movenza, una leggerezza di sintassi, una disciplina continua di stile così perfettamente assimilate che in lui son divenute propriamente istintive». Il cammino era dunque tracciato sino da quegli anni lontani, o che a noi appaiono adesso tanto remoti, se non fosse che l'arte sottile  e magica dei versi ce li ripropone vicini, invece, e raccolti su di noi, sul nostro potere di riflessione. Come accade per la poesia di Bertolucci, di Betocchi, di Giudici: scrittori d'alta scuola che uscivano dal clima novecentesco fra tradizione e avanguardia, con gli occhi ben aperti, consapevoli della misura moderna dello stile non solo per lo stesso stile, ma per le virtù della memoria che in esso si specchia. E Caproni - che alla trepida precisione del piccolo quadro, dell'aneddoto o del ritmo cantabile non ha mai rinunciato - più di tanti altri suoi contemporanei ha saputo fedelmente interpretare lo spirito della poesia (l'immagine è di Giovanni Pozzi), cioè l'illuminante festevolezza del verso, anche quando esso, negli anni e noi più vicini, mutò dal canto alla saggezza di un cosciente nichilismo innestato sarcasticamente sul volto e le espressioni del «viaggiatore cerimonioso» e del «franco cacciatore» davanti al «muro della terra»: una terra sempre più aspra, inospitale e lontana. Era, ed è rimasto, il suo «Seme del piangere», ma senza lacrime, che riassume un suo particolarissimo Novecento (le lezioni di Saba, di Montale, Barile, Sbarbaro, del Rebora protonovecentesco sono più che mai evidenti, quasi citazioni) e quel timbro ironico e malinconico del vedere e del vedersi che ha il sapore del «congedo» come nella famosa poesia degli anni Sessanta, quasi una canzone, ma amara, che ripete l'addio al mondo con un sorriso, con una sfida, e con un grido. Però, come diceva Cecchi, ecco che la leggerezza della sua sintassi era diventata con il passare del tempo, delle emozioni e delle letture (Caproni ha tradotto con schietto talento Céline, Genot, Proust, Frénaud, Char) una tenace scrittura con il ritmo di una fantastica innocenza che sapeva penetrare nelle ferite e nelle crepe dell'esistenza con l'audacia di una rappresentazione del destino - il suo e il nostro - e con un discorso lirico rappreso: «no, speranze / più certe son troncate  sulle stanche / bocche dei morti». Un poeta sicuro, Caproni, fra tanti poeti fanciulli ansiosi, incerti: «Ma non m'arrendo. Ancora / non ho perso me stesso. / Non sono, come me stesso, / ancora solo. / E solo / quando sarò così solo / da non aver più nemmeno / me stesso per compagnia, / allora prenderò anch'io la mia / decisione. / Staccherò / dal muro la lanterna / un'alba, e dirò addio / al vuoto». Con i suoi versi «fuori dal sacco», secondo un'immagine che gli era cara e che spesso ripeteva anche quando veniva a trovare i suoi amici parmigiani, Caproni ha fatto, in fondo, del pensiero poetico come tale una lieve inquietudine, un disturbo e un memore spasimo che, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ci conforta e ci indirizza alla vita, la nostra e l'altrui, con una ancora fortissima emozione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

3commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

4commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

Politica

Addio a Giorgio Guazzaloca: strappò il Comune di Bologna alla sinistra nel 1999

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport