22°

Arte-Cultura

Nietzsche, lettere dall'abisso

Nietzsche, lettere dall'abisso
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
In una lettera a Georg Brandes del 20 novembre 1888 da Torino, Friedrich Nietzsche confessava: «Con un cinismo che passerà alla storia ora ho raccontato me stesso: il libro s'intitola “Ecce homo” ed è un attentato senza il minimo riguardo al crocifisso: termina con tuoni e folgori contro tutto quello che è cristiano o infettato dal cristianesimo, tanto da far perdere la vista e l'udito». Confessione preziosa, superba e orgogliosa tipica del carattere del grande pensatore, ma tipica anche di una situazione al limite del suo pensiero stesso: una condizione che precipitava, che rovinava verso l'atto finale. Il quinto e ultimo volume dell'«Epistolario 1885-1889» nell'edizione italiana condotta sul testo critico stabilito da Giorgio Colli e Mazzino Montinari per Adelphi, tradotto da Vivetta Vivarelli e corredato da notizie e note fitte e preziose di Giuliano Campioni e Maria Cristina Fornari, ci porta dentro questa ultima e devastata identità. Devastata non solo per «Ecce homo» e per il sospetto di «infezione» che il cristianesimo porta con sé, ma soprattutto per il segno tremendo di una riflessione filosofica che rapidamente si trasforma in un gorgo risucchiante e «senza nemmeno una parola che penetrasse sino a me», scrive Nietzsche ad un'amica. Dunque: solitudine perfetta, che conduce o alla pazzia o alla morte. La «Gaia scienza» aveva fallito, o, per dir meglio, aveva trascinato nel fallimento il proprio autore separandolo per sempre dal mondo che secondo lui avrebbe dovuto ammirarlo e amarlo. Nietzsche non chiese mai pietà, chiedeva semmai amore (che è poi la richiesta più innocente che ci sia!) e immaginava di produrre attorno a sé una realtà nuova che il pensiero autenticava e il cuore ammansiva sino sul limitare dei più intimi affetti. A Overbeck, nel gennaio dell'86, aveva confidato: «non riconosco più un amico chi non colga l'immensa miseria di questa situazione: che un uomo nato per esercitare la più ricca e vasta influenza debba essere costretto a trascorrere i suoi anni migliori in una simile sterile solitudine». Ecco il nodo di tutta la vicenda, ecco cosa produce alla fine la follia. Non poteva aver rapporti duraturi con gli altri, recideva i contatti e poi se ne pentiva, avrebbe voluto ricredersi, vedersi riconosciuto un ruolo determinante e addirittura famigliare. Ma «gli altri» scivolavano oltre, diventavano estranei e inafferrabili. Tutto questo quinto volume che chiude il ciclo vitale dell'esistenza di Nietzsche - morirà nel 1900 a Weimar - ci testimonia di tale atroce realtà; ed è una lezione drammatica anche per chi è abituato a leggere le pagine e i frammenti del filosofo di Röcken. C'è comunque un particolare che separa e distingue le lettere del quinto volume dalle precedenti. E' il particolare della vita di Nietzsche a Torino: nella vecchia capitale sabauda il filosofo si distrae e riposa più che in tutti gli altri luoghi dove aveva vissuto o dove l'insegnamento l'aveva costretto a vivere. A Torino era giunto da Nizza nel 1888 («Nizza m'incanta sempre»), ma mano a mano che la sua mente s'incupiva e i suoi sospetti lo ferivano, sempre più in profondità, la città pareva offrirgli un'accoglienza serena, un riposo: «Ma Torino! Caro amico - scriveva a Koselitz - Caro amico, lasci che mi complimenti con lei! Mi ha dato un consiglio prezioso! E' davvero la città che mi può occorrere adesso! Per me è evidente e lo è stato quasi fin dal primo momento per quanto nei primi giorni mi trovassi in condizioni terrificanti. Soprattutto un miserabile tempo piovoso, gelido, instabile, snervante, con intervalli di mezz'ore afose. Ma che città dignitosa e severa». Neanche le villeggiature, un po' cercate e un po' imposte dalle consuetudine a Sils-Maria, gli erano piaciute tanto, pur inseguito com'era da una malattia che non gli dava scampo, ma che tuttavia la città piemontese addolciva con quella grazia scontrosa che conserva ancora intiepidita e resa brillante anche dalla natura, dal Po, dai giardini, dai palazzi aristocratici silenziosi e apparentemente disabitati e invece densamente popolari di voci e di volti nuovi. Dunque, dal 1888 in poi Torino fu la culla dentro la quale il carattere ormai compromesso del filologo e del filosofo poteva sostare e riposare senza soprassalti di tensioni e di angosce. Eppure, all'editore Ernst Fritzsch scriveva adirato e sprezzante nel novembre dell'88: «Lei ha il privilegiato di avere nella sua casa editrice le opere del primo uomo di tutti i millenni». E a un destinatario rimasto sconosciuto: «Vengo da mille abissi, su cui non ha mai osato affacciarsi nessuno sguardo, conosco altezze dove nessun uccello ha mai volato...». Questo era il suo destino: non potremmo concludere altrimenti, e sempre bisogna volergli molto bene per capirlo, per comprenderne il genio. Come si fa con Leopardi.
Epistolario 1885-1889
 Adelphi, pag. 1358, 100,00

 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»