-2°

Arte-Cultura

Il vademecum delle Penne nere

Il vademecum delle Penne nere
0

Giovanni Lugaresi
All’apparenza potrebbe sembrare un libro-album per bambini; invece, sfogliando e leggendo, si propone come testo adatto per tutte le età, nel senso che a spizzichi e bocconi, per così dire, anzi, dalla A alla Z, più propriamente, racconta una bella storia.
In «A come Alpini» (Curcu & Genovese editori, Trento; pag. 96 9,00), Ettore Frangipane, già soldato con quel cappello con la penna nera,  scrive di vita militare e… «dintorni». Dalla storia del Corpo e dalla sua esperienza personale, vien fuori un quadro esemplificato ma non per questo meno esauriente. E proprio ricorrendo alle lettere dell’alfabeto  il racconto ha un suo andamento scorrevole, lieve, che spesso fa sorridere per un senso dell’umorismo fine (che si trasferisce anche alle tavole), caratteristica dell’autore. Il quale non è soltanto accattivante narratore, ma pure abile e originale disegnatore.
Ad ogni capitolo-lettera dell’alfabeto corrispondono infatti una pagina scritta e una disegnata. Alla lettera R, per esempio, e quindi R come Rancio, «il pasto del soldato, che una volta rispecchiava la povertà di un’Italia contadina dal ‘menù’ elementare», giusta l’osservazione dell’autore, corrisponde la figura di un alpino seduto a una tavola imbandita: gavetta, posate, tovagliolo, bicchieri, candela accesa, un fiore e un secchiello con dentro una bottiglia. Certo, oggi in caserma non si mangia più nella gavetta, ma alla lettera G, come Gavetta, appunto, l’autore la descrive  perfettamente, l’uso che se ne faceva nelle sue due parti: «un contenitore che può fungere da pentolino e un coperchio che può fungere da piatto». Per cui pasta o minestra venivano servite nel contenitore; il secondo con contorno, nel coperchio. C’era poi anche il gamellino (la gavetta si chiamava anche gamella), per le bevande: al mattino, il caffelatte; ai pasti, il vino. Un libro anche didattico, dunque, perché, per fare un altro esempio, alla lettera N, come Naja, l’autore chiarisce subito: «La naja era il servizio di leva obbligatorio, che vigeva prima dell’ultima riforma delle nostre Forze Armate. Si partiva per il servizio militare, ossia si andava a far la naja. Da cosa deriva questo termine? C’è chi lo fa derivare da noia, chi dal veneto tenaja, ossia tenaglia, un qualcosa che strappava i giovani dalle loro famiglie e li portava lontano, per periodi più o meno lunghi. La mia naja, per esempio, durò 18 mesi. Ma è probabile che nessuna delle due interpretazioni sia quella esatta…».
Naturalmente, Frangipane non manca di avvertire che alpini lo si è sempre, anche dopo aver concluso la naja. Ecco allora, che Alpini in armi e in congedo corrono quando c’è una Emergenza! Lettera E: come emergenza, appunto. «Quando c’è un’emergenza, gli Alpini corrono. Non solo quelli che lo fanno per motivi istituzionali, come al tempo della distruzione di Longarone. Ma, soprattutto gli Alpini in congedo, tutti volontari. Si mettono il cappello in testa, si attrezzano, si raggruppano (tutto è praticamente predisposto e previsto), si associano alla Protezione Civile e partono, organizzati in gruppi autossuficienti. C’è un’alluvione? Arrivano gli Alpini. C’è un terremoto? Arrivano gli Alpini. Quando arrivano gli Alpini la gente si rincuora, perché sa che quegli ex-soldati dalla penna nera danno fondo ai mestieri che conoscono e fanno di tutto, con precisione militare e in più con il cuore in mano».
Ma torniamo alla naja. Un tempo, con gli Alpini c’erano anche i muli e Frangipane non poteva ignorare questa straordinaria realtà delle Penne Nere. Eccoci dunque alla lettera M, come mulo.
«I Muli venivano arruolati né più né meno come gli Alpini. Servivano a trasportare di tutto, ma soprattutto i cannoni, smontati nei loro singoli componenti». E a proposito di questi quadrupedi che hanno sempre dato un grande contributo, l’autore cita anche un passo di «Centomila gavette di ghiaccio» di Giulio Bedeschi, emblematico della funzione svolta dai muli nella campagna di Russia, specialmente durante il ripiegamento.
Adesso, di muli nell’esercito non ce ne sono più: «i tempi sono cambiati, la loro epoca è finita. Ma ai tanti Muli che soffrirono e perirono con i nostri Artiglieri, sottolinea Frangipane, va riconosciuto del rispetto». Ed è per questo che scrive con la «M» maiuscola! Trattandosi di uomini della montagna, non poteva mancare alla lettera P, come Polenta, la polenta stessa, piatto tipico, sottolinea l’autore, delle Penne Nere. Ultimo, ma non ultimo, il cantare alpino. Ecco allora le voci Coro e Capitano, sì, il «Capitan della compagnia che l’è ferito e sta per morir». L’autore avverte di una probabile realtà del passato. Si dice infatti che nel 1528, un tale testamento spirituale fosse stato lasciato dal Marchese di Salusso, Michele Antonio. Ma, per saperne di più, non resta che scorrere le pagine di questo originale «vademecum» che incomincia con la lettera A (come Alpino) e finisce ovviamente con la lettera Z (come zaino).
A come Alpini
Curcu&Genovese, pag. 969,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

2commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

1commento

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti