-4°

Arte-Cultura

Il vademecum delle Penne nere

Il vademecum delle Penne nere
0

Giovanni Lugaresi
All’apparenza potrebbe sembrare un libro-album per bambini; invece, sfogliando e leggendo, si propone come testo adatto per tutte le età, nel senso che a spizzichi e bocconi, per così dire, anzi, dalla A alla Z, più propriamente, racconta una bella storia.
In «A come Alpini» (Curcu & Genovese editori, Trento; pag. 96 9,00), Ettore Frangipane, già soldato con quel cappello con la penna nera,  scrive di vita militare e… «dintorni». Dalla storia del Corpo e dalla sua esperienza personale, vien fuori un quadro esemplificato ma non per questo meno esauriente. E proprio ricorrendo alle lettere dell’alfabeto  il racconto ha un suo andamento scorrevole, lieve, che spesso fa sorridere per un senso dell’umorismo fine (che si trasferisce anche alle tavole), caratteristica dell’autore. Il quale non è soltanto accattivante narratore, ma pure abile e originale disegnatore.
Ad ogni capitolo-lettera dell’alfabeto corrispondono infatti una pagina scritta e una disegnata. Alla lettera R, per esempio, e quindi R come Rancio, «il pasto del soldato, che una volta rispecchiava la povertà di un’Italia contadina dal ‘menù’ elementare», giusta l’osservazione dell’autore, corrisponde la figura di un alpino seduto a una tavola imbandita: gavetta, posate, tovagliolo, bicchieri, candela accesa, un fiore e un secchiello con dentro una bottiglia. Certo, oggi in caserma non si mangia più nella gavetta, ma alla lettera G, come Gavetta, appunto, l’autore la descrive  perfettamente, l’uso che se ne faceva nelle sue due parti: «un contenitore che può fungere da pentolino e un coperchio che può fungere da piatto». Per cui pasta o minestra venivano servite nel contenitore; il secondo con contorno, nel coperchio. C’era poi anche il gamellino (la gavetta si chiamava anche gamella), per le bevande: al mattino, il caffelatte; ai pasti, il vino. Un libro anche didattico, dunque, perché, per fare un altro esempio, alla lettera N, come Naja, l’autore chiarisce subito: «La naja era il servizio di leva obbligatorio, che vigeva prima dell’ultima riforma delle nostre Forze Armate. Si partiva per il servizio militare, ossia si andava a far la naja. Da cosa deriva questo termine? C’è chi lo fa derivare da noia, chi dal veneto tenaja, ossia tenaglia, un qualcosa che strappava i giovani dalle loro famiglie e li portava lontano, per periodi più o meno lunghi. La mia naja, per esempio, durò 18 mesi. Ma è probabile che nessuna delle due interpretazioni sia quella esatta…».
Naturalmente, Frangipane non manca di avvertire che alpini lo si è sempre, anche dopo aver concluso la naja. Ecco allora, che Alpini in armi e in congedo corrono quando c’è una Emergenza! Lettera E: come emergenza, appunto. «Quando c’è un’emergenza, gli Alpini corrono. Non solo quelli che lo fanno per motivi istituzionali, come al tempo della distruzione di Longarone. Ma, soprattutto gli Alpini in congedo, tutti volontari. Si mettono il cappello in testa, si attrezzano, si raggruppano (tutto è praticamente predisposto e previsto), si associano alla Protezione Civile e partono, organizzati in gruppi autossuficienti. C’è un’alluvione? Arrivano gli Alpini. C’è un terremoto? Arrivano gli Alpini. Quando arrivano gli Alpini la gente si rincuora, perché sa che quegli ex-soldati dalla penna nera danno fondo ai mestieri che conoscono e fanno di tutto, con precisione militare e in più con il cuore in mano».
Ma torniamo alla naja. Un tempo, con gli Alpini c’erano anche i muli e Frangipane non poteva ignorare questa straordinaria realtà delle Penne Nere. Eccoci dunque alla lettera M, come mulo.
«I Muli venivano arruolati né più né meno come gli Alpini. Servivano a trasportare di tutto, ma soprattutto i cannoni, smontati nei loro singoli componenti». E a proposito di questi quadrupedi che hanno sempre dato un grande contributo, l’autore cita anche un passo di «Centomila gavette di ghiaccio» di Giulio Bedeschi, emblematico della funzione svolta dai muli nella campagna di Russia, specialmente durante il ripiegamento.
Adesso, di muli nell’esercito non ce ne sono più: «i tempi sono cambiati, la loro epoca è finita. Ma ai tanti Muli che soffrirono e perirono con i nostri Artiglieri, sottolinea Frangipane, va riconosciuto del rispetto». Ed è per questo che scrive con la «M» maiuscola! Trattandosi di uomini della montagna, non poteva mancare alla lettera P, come Polenta, la polenta stessa, piatto tipico, sottolinea l’autore, delle Penne Nere. Ultimo, ma non ultimo, il cantare alpino. Ecco allora le voci Coro e Capitano, sì, il «Capitan della compagnia che l’è ferito e sta per morir». L’autore avverte di una probabile realtà del passato. Si dice infatti che nel 1528, un tale testamento spirituale fosse stato lasciato dal Marchese di Salusso, Michele Antonio. Ma, per saperne di più, non resta che scorrere le pagine di questo originale «vademecum» che incomincia con la lettera A (come Alpino) e finisce ovviamente con la lettera Z (come zaino).
A come Alpini
Curcu&Genovese, pag. 969,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

6commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery