-1°

Arte-Cultura

Quando governava la chiesa

Quando governava la chiesa
0

Giuseppe Albertoni

Parma in età ottoniana: i nuovi poteri del vescovo «Parma medievale. Poteri e istituzioni», terzo volume dell’opera editoriale Storia di Parma, edita da Monte Università Parma Editore, illustra la storia della nostra città a partire dal periodo dell’alto Medioevo, analizzando le dinamiche del potere laico e temporale, i conflitti e le situazioni belligeranti tra centro urbanizzato e territorio agreste, i profili dei personaggi che hanno contribuito allo sviluppo della città, dai vescovi alle famiglie signorili. Il saggio di Giuseppe Albertoni, di cui pubblichiamo a seguire un contributo, si intitola «Il potere del Vescovo. Parma in età ottoniana». La storia di Parma in età ottoniana può essere compresa a pieno solo se si tiene in considerazione la forte instabilità politica che caratterizzò il Regno italico per quasi tutto il X secolo. In questo contesto, all’inter - no di un complesso gioco di costruzione e dissoluzione di alleanze, alcuni vescovi di Parma riuscirono ad acquisire un ruolo di rilievo grazie ai loro stretti rapporti con i sovrani, favoriti anche dalla posizione strategica della loro città lungo la via che, oltrepassando il passo della Cisa, portava a Lucca e, da qui, a Roma. Tra questi vescovi possiamo ricordare in particolare Uberto, che il 13 marzo dell’anno 962 ottenne dall’imperatore Ottone I - da poco incoronato a Roma da papa Giovanni XII - un diploma che concedeva alla Chiesa di Parma importanti diritti sulla città e il territorio circostante. Torneremo tra breve sul contenuto di questo diploma. Per ora è importante ricordare che fu concesso in frangenti politici delicati, segnati dal duro conflitto tra Ottone I, il re di Germania chiamato in soccorso da alcuni grandi del Regno italico, e il re d’Italia Berengario II, un tempo vassallo di Ottone I e ora suo antagonista, un conflitto che si concluse solo nel settembre del 963, con la resa di Berengario dopo un lungo assedio della roccaforte di San Leo di Montefeltro in cui si era rifugiato. Oltre che per la forza militare del suo esercito, Ottone I riuscì a prevalere grazie all’appoggio di alcuni personaggi eminenti del regno italico. Tra questi vi era anche il vescovo Uberto, in precedenza strettamente legato a Berengario II e a suo figlio Adalberto, di cui era stato sino al 961 consigliere, cancelliere e arcicancelliere, tutte cariche centrali nell’organizzazione e gestione del regno. Il suo passaggio da Berengario II a Ottone I dovette essere repentino, tanto che nel 962 lo troviamo già tra i firmatari del cosiddetto Pactum Ottonianum, l’atto con cui l’imperatore da poco incoronato stabiliva nuove norme per regolare i rapporti tra Impero e Chiesa di Roma, a partire dalle modalità dell’elezione papale. Resosi conto della debolezza di Berengario II e di Adalberto, che mantenevano invece il sostegno del conte di Parma Meginfredo o dei suoi eredi, Uberto si schierò risolutamente con Ottone I, presenziando all’incorona - zione imperiale e svolgendo un ruolo di mediazione con altri grandi del regno. Fu in questa fase di creazione di alleanze inedite che il nuovo imperatore rafforzò notevolmente la posizione di Uberto attraverso il diploma del 13 marzo del 962, che di fatto esautorava definitivamente i conti di Parma da ogni funzione pubblica sulla città e sul suo immediato circondario. In tal modo l’imperatore poneva termine alla complementarietà tra potere vescovile e potere comitale che era stata una delle pietre miliari della politica carolingia. Al contrario di altri atti coevi, spesso stereotipati, quello concesso al vescovo Uberto nel 962 si inseriva pienamente negli eventi del tempo, di cui troviamo esplicito richiamo già nell’arenga (una sorta di preambolo) del diploma, là dove Ottone I dichiara di agire per ottenere la stabilità dell’Impero, espressione che dall’età carolingia in poi indicava in particolare la necessità di pacificare i conflitti interni. In questa situazione di emergenza l’imperatore decise di accogliere le richieste del vescovo Uberto affinché fosse favorita la sua Chiesa secondo il costume dei suoi predecessori. Questo generico richiamo alla tradizione delle concessioni regie a Parma non porta però, come accade per altri atti coevi, al semplice elenco di beni e proprietà acquisiti in passato e alla loro conferma, pur con qualche integrazione: l’obiettivo di Uberto, infatti, era l’acquisizione di nuovi diritti, strettamente collegati all’autorità regia e sino ad allora esercitati dai conti. Il suo progetto era chiaro e coincideva con l’esi - genza di Ottone di avere alleati fedeli in luoghi strategici per il controllo del territorio e della viabilità. Il vescovo di Parma poteva estendere così le prerogative già acquisite dai suo predecessori all’ambito giudiziario, vero pilastro dell’esercizio dei poteri pubblici. Tutto ciò significava che, nella prassi quotidiana, il vescovo da questo momento in poi avrebbe avuto il controllo di tutti i livelli della giustizia, divenendo supremo "arbitro" della vita cittadina. Non solo: al di fuori di Parma la giurisdizione del vescovo fu estesa a tutti coloro che vivevano in una cerchia di tre miglia delimitata dalle località di Beneceto, Casello, Coloreto, Porporano, Alberi, Vigheffio, Vicofertile, Fraore, Eia, Baganzola, Casale Parencani (San Martino) e Terabianum. Per poter svolgere in modo compiuto i poteri così acquisiti il vescovo, però, aveva bisogno di "specialisti" del diritto e della compilazione degli atti pubblici. In tal senso si spiega il motivo per cui il diploma assegnasse a Uberto e ai suoi successori il potere di eleggere e nominare i notai, figure centrali nelle dinamiche della vita cittadina. Con la concessione del 13 marzo del 962 il vescovo di Parma diveniva, dunque, l’effettivo detentore del potere nella sua città e nel distretto circostante. Conseguite molte delle funzioni che tradizionalmente erano esercitate dai conti, egli tuttavia non acquisì il titolo comitale e, quindi, non fu mai un funzionario del regno. Il suo rapporto col sovrano era garantito dalla sua fedeltà e dagli interessi reciproci. Nella città - di cui controllava anche le mura, il mercato e ogni altra funzione pubblica - egli esercitava i poteri ottenuti dalla concessione ottoniana con l’ausilio di esponenti dell’élite cittadina, dando il via a una dialettica politica destinata a svilupparsi ulteriormente nei decenni successivi sino a sfociare nell’istituzio - ne del comune.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Patti Smith - A Hard Rain's Gonna Fall - Bob Dylan Nobelprize in literature 10 dec 2016

emozione

La Smith al Nobel (per Dylan) si ferma e riprende a cantare

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

fisco

Imu e Tasi: entro venerdì il saldo Come si calcola

Sconti per casa a figli e canoni concordati (Vademecum: video) - Le città più "care (Video)

Traffico

Ancora nebbia: visibilità ridotta a 100 metri in autostrada Tempo reale

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo (Diretta sul sito)

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

inserto

L'Oroscopo 2017 domani con la Gazzetta di Parma

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba e kamikaze vicino allo stadio del Besiktas: 38 morti Foto Video

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti