-3°

Arte-Cultura

Quel dialetto dei nostri antenati

0

 Le parole abbandonate, di Luigi Malerba, in edicola in questi giorni con la Gazzetta di Parma  (Mup Editore), è – come dice l’autore stesso – un «tentativo di ricomporre l’immagine di una cultura contadina in disgregazione utilizzando un certo numero di parole dialettali alle quali corrispondono, o corrispondevano, altrettanti oggetti, strumenti, funzioni».  Un repertorio dialettale emiliano, come recita il sottotitolo, che raccoglie parole, oggetti e strumenti della nostra tradizione contadina, restituendo la voce alla campagna parmense – in particolare alla zona di Berceto, per lungo tempo isolata e diffidente persino nei confronti della lingua italiana che identificava i forestieri e le autorità.

A seguire proponiamo alcune delle voci dialettali pubblicate nel testo, le quali, grazie alle spiegazioni di Malerba che si articolano quasi come piccoli racconti e divise per aree tematiche,  contribuiscono a creare una sorta di summa della sapienza popolare contadina.
La ca’ Brònza. Pentola. Sembra prendere il nome dal bronzo, ma in realtà era di rame prima che si diffondesse l’uso dell’alluminio. La pentola di rame deve essere stagnata periodicamente all’interno allo scopo di evitare la formazione dell’ossido di rame, tossico. Questa operazione la fanno sul luogo gli stagnini (i magnàn) ambulanti. La parte interna da stagnare viene prima lavata con l’acido solforico e quindi vi si versa lo stagno fuso che viene spalmato sulla superficie con un batuffolo di stoppa. In ca’ sùa a-gh’é sèimper la brònza pièina, si dice della massaia (resdùra) che sa amministrare con saggezza le risorse famigliari.
Ca’. Casa. L’ideale del contadino è di avere una casa cun tütt i sò còmed, con tutte le sue comodità. Le comodità si riducono a poco: le porte che non lasciano passare gli spifferi nella stagione fredda, il camino che non fa fumo, una cucina grande e calda, lo spazio per conservare all’asciutto il grano e la farina, una cantina fresca per il vino e i salumi, una camera da letto con una buona esposizione e perciò senza umidità. Di solito la camera da letto viene collocata sopra la cucina in modo che il calore del camino o della stufa la riscaldi durante l’inverno.
 Un calendario, un ventaglio di cartoline con un mazzetto di spighe di grano, una carta a fiori e pizzi per la credenza a muro, qualche fotografia in cornice, sono le uniche concessioni decorative all’arredamento. Il resto risponde solo a criteri di utilità. Le pareti interne vengono imbiancate a calce ogni due o tre anni.
 Per ottenere che le scrostature dell’intonaco vengano riparate, le donne devono fare infinite lamentele perché il contadino raramente sa fare lavori con la calce. È più facile che sappia riparare una porta o una finestra, ma anche per questi lavori di piccola falegnameria in genere è pigro e maldestro. In ogni caso sarà più facile che chiami il muratore o il falegname per riparare la porta della stalla che quella di casa. Ai mobili si pensa una volta sola nella vita, al momento del matrimonio, e poi saranno quelli per sempre.
 La casa è fatta di pietra a vista rozzamente stuccata e solo le case più antiche esprimono talvolta qualche pretesa, come l’arco di pietra sulla porta d’ingresso, il cornicione sotto il tetto, le finestre riquadrate con pietre scalpellate. Quasi sempre la stalla fa corpo unico con la casa abitata e il fienile sta sopra la stalla. A fianco della stalla o della casa ci può essere una tettoia per tenere al riparo il carro e gli attrezzi. Il pollaio e il porcile in genere sono staccati dalla casa. I tetti antichi sono coperti con lastre di ardesia, quelli più recenti con i coppi.
Càsa. Cassa. La càsa è la cassa dove si tiene la farina, mentre il grano si conserva nel casòn (ma casòn è anche quello che si monta sul sasètt del carro). La càsa si tiene in cucina, come la madia in altre regioni, mentre il casòn sta in soffitta o comunque nei piani alti della casa per conservare il grano all’asciutto. La càsa si tiene coperta con il tavlott sul quale si setaccia la farina, si impasta il pane, si stende la sfoglia (la fujè) e poi si preparano le tagliatelle (el tajadéli) o si lavorano le torte nei giorni di festa. Con càsa si intende anche la cassapanca che contiene il corredo della sposa e che poi si conserva in casa come mobile.
Létt. Letto. Linsöl (lenzuolo), cuèrta (coperta), fédra (federa), pajòn (pagliericcio, paglione), cüsèin (cuscino), materass (materasso: ed làna, ed crèin, ed piüma). Fèr al létt, rifare il letto. Quando in casa c’è poco spazio, i bambini si mettono a dormire in due nello stesso letto, uno da capo e uno da piedi, vòn da cò e vòn da pé. In senso figurato si dice al dorma da pé di chi non ci sa fare, di chi sbaglia tutto.
LUIGI MALERBA
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto il musicista Greg Lake

Greg Lake

Londra

E' morto il musicista Greg Lake

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

1commento

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

PGN

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

3commenti

Lealtrenotizie

Sudtirol-Parma: ritmi elevati. Ma è ancora 0-0

lega pro

Sudtirol-Parma, crociati vicini al gol con Baraye: 0-0

La formazione: 4-3-3 con Nocciolini, Calaiò e Baraye in attacco (diretta su Tv Parma) - Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

tg parma

Incidente a Brescello: quattro feriti, due bambini al Maggiore

parma

Luminarie: il Comune ha speso 125mila euro

7commenti

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

5commenti

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

2commenti

Inchiesta

E' emergenza truffe, anziani nel mirino: ecco le "trappole" più utilizzate

2commenti

Parma

Atti vandalici al gattile

1commento

MONTECCHIO EMILIA

Vende Audi A4 a 1.800 euro ma è una truffa: denunciato bergamasco

2commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

11commenti

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute

Politica

Pellacini: "Via D'Azeglio, sala giochi al posto del market?"

1commento

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

1commento

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia Video

Attorno alle 22 di ieri

1commento

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Si travestiva e pagava ragazzini per fare sesso: arrestato 40enne, più di 30 vittime

1commento

CONTI PUBBLICI

La manovra è legge: ecco cosa cambia

1commento

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

SPORT

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

Basket

Melli show a Tel Aviv con 4 record

CURIOSITA'  

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video