Arte-Cultura

Conversazioni e verità scomode

Conversazioni e verità scomode
0

di Sergio Caroli
Un’aspra contesa non solo politica accompagna dal 2009 l’iter parlamentare delle modifiche relative alla normativa sulle intercettazioni telefoniche e ambientali. Su questo tema Mario Dovinola, pubblico ministero presso la Procura di Roma, ha composto un’opera dall’impianto narrativo assai originale, che, intrecciando il romanzo poliziesco al libro-documento, rischiara con procedimento illuministico i labirinti della controversa questione. Titolo «Intercettazioni - L’indagine dell’ispettore Pinto» (Aracne editrice, pagine 163, euro 8). E’ la storia di una indagine che vede protagonisti un ispettore di polizia, il dirigente suo superiore ed il Pubblico Ministero e che si dipana attraverso agili dialoghi, intercettazioni telefoniche e ambientali, tabulati e trascrizioni da satellite. Nel corso dell’indagine, dibattendo i tre la questione, prendono corpo i loro rispettivi orientamenti. Spettatore per caso di un incidente stradale a Cava dei Tirreni, nel Salernitano, nel quale una donna ha perduto la vita, l’ispettore Pinto intraprende le indagini. Lo insospettiscono le ambiguità e le reticenze di alcune persone che risultano estranee all’incidente. Con il proprio dirigente Pinto accumula indizi su di un altro reato, assai più grave dell’omicidio colposo; la qual cosa obbliga il gip ad autorizzare le intercettazioni richieste dal Pm. Il lettore - è lo scopo dichiarato di Dovinola - potrà intendere l’utilità e la necessità degli strumenti d’indagine, l’uso dei quali settori della politica vorrebbero limitare. «Il racconto - scrive nella prefazione Mario Almerighi, magistrato ed ex componente del Csm - trascina nel cuore degli eventi, traducendo quella che potrebbe essere una noiosa lezione di diritto nella viva ricostruzione di una indagine dal sapore giallistico».   
Dottor Dovinola, il suo libro intende informare sull'importanza delle intercettazioni nelle indagini della polizia giudiziaria e sugli effetti di un ulteriore limitazione del potere di disporle. Può spiegare perché?
Ho voluto scrivere questo libro per mettere in condizione il cittadino comune di farsi direttamente un’idea sul mondo delle intercettazioni. I dibattiti mediatici non hanno mai informato, sono stati piuttosto la sede in cui i partecipi, dell’una o dell’altra fazione politica, hanno lanciato messaggi finalizzati a colpire l’ascoltatore, e ad accaparrarsene il consenso. A dire la verità, pochi minuti di intervento alla tv o alla radio non consentono neppure di scendere nel dettaglio, leggere per intero gli articoli del codice di procedura penale, confrontarli ed analizzarli.
Conclusa l’indagine, gli immaginari protagonisti provano ad applicare al caso in esame la cosiddetta «legge bavaglio». Con quali esiti?
Le intercettazioni, telefoniche ed ambientali, attivate secondo le attuali regole del codice di procedura penale, hanno consentito ai miei investigatori di scoprire reati gravi. A fine lavoro ho pensato fosse interessante sperimentare le nuove regole sul caso concreto: ebbene le modifiche approvate dalla Camera dei Deputati avrebbero impedito di raggiungere l’obiettivo. Non così le regole come modificate dal Senato.
Lei ha tentato di trasferire il dibattito sull'autonomia della magistratura nella materialità di un’indagine. Che tipo di magistratura ne esce?
Io ho portato nella storia che ho raccontato la mia esperienza di Pubblico Ministero, vissuta prima alla Procura di Marsala e poi a quella di Roma. Nel mio lavoro non ho mai cercato il «colpo», o lo «spot», o la notorietà. Il pubblico ministero dell’indagine lavora anche di pomeriggio, cerca di supportare gli investigatori in un’indagine importante, di incanalare le loro iniziative su binari processualmente regolari. Come il dottor Pensolino è la grande maggioranza dei magistrati.
Non teme l’accusa di aver scritto un libro troppo «a tesi»?
Nel cercare di illustrare i meccanismi processuali e far capire come si intersecano con la realtà di un’indagine certamente sono partito da una convinzione: le intercettazioni sono necessarie per ottenere buoni risultati investigativi. È questa la mia tesi. Invadere la privacy altrui è consentito al Pubblico Ministero al fine di difendere altri importanti interessi della collettività.
Esponenti politici hanno spesso definito «finalizzate a colpire ma non ad informare», posizioni analoghe a quelle da lei espresse. Cosa risponde?
L'obiettivo dei politici è creare nell’elettorato il consenso verso una modifica legislativa così importante. Per questo avversano chi sostiene argomentazioni analoghe alle mie, e tentano di spostare l’attenzione sull'aspetto indubbiamente critico di questa attività che è la violazione della sfera privata, e sulla necessità di limitare il raggio d’azione di chi esercita questo potere.
Non teme che l’argomento del libro sia superato, data la nuova fase politica attraversata dal Paese?
Io credo che l’informazione non sia mai superata. Un’informazione corretta è un patrimonio che sosterrà chi lo possiede in qualunque occasione. E penso che occasioni ci saranno anche a breve, perché tutti i partiti politici hanno a cuore il problema legato all’ascolto di conversazioni riservate, che può avvenire nel corso di un’indagine; dialoghi che possono giungere all’attenzione dell’opinione pubblica attraverso giornali o tv. Attuare modifiche normative dirette a regolamentare la diffusione di queste notizie è un problema trasversale, che verrà ripreso non so se dall’attuale governo «tecnico», ma certamente dal prossimo, qualunque esso sia.
«Intercettazioni - L'indagine
dell'ispettore Pinto»
Aracne, pag. 163, 8,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)