-4°

Arte-Cultura

Conversazioni e verità scomode

Conversazioni e verità scomode
Ricevi gratis le news
0

di Sergio Caroli
Un’aspra contesa non solo politica accompagna dal 2009 l’iter parlamentare delle modifiche relative alla normativa sulle intercettazioni telefoniche e ambientali. Su questo tema Mario Dovinola, pubblico ministero presso la Procura di Roma, ha composto un’opera dall’impianto narrativo assai originale, che, intrecciando il romanzo poliziesco al libro-documento, rischiara con procedimento illuministico i labirinti della controversa questione. Titolo «Intercettazioni - L’indagine dell’ispettore Pinto» (Aracne editrice, pagine 163, euro 8). E’ la storia di una indagine che vede protagonisti un ispettore di polizia, il dirigente suo superiore ed il Pubblico Ministero e che si dipana attraverso agili dialoghi, intercettazioni telefoniche e ambientali, tabulati e trascrizioni da satellite. Nel corso dell’indagine, dibattendo i tre la questione, prendono corpo i loro rispettivi orientamenti. Spettatore per caso di un incidente stradale a Cava dei Tirreni, nel Salernitano, nel quale una donna ha perduto la vita, l’ispettore Pinto intraprende le indagini. Lo insospettiscono le ambiguità e le reticenze di alcune persone che risultano estranee all’incidente. Con il proprio dirigente Pinto accumula indizi su di un altro reato, assai più grave dell’omicidio colposo; la qual cosa obbliga il gip ad autorizzare le intercettazioni richieste dal Pm. Il lettore - è lo scopo dichiarato di Dovinola - potrà intendere l’utilità e la necessità degli strumenti d’indagine, l’uso dei quali settori della politica vorrebbero limitare. «Il racconto - scrive nella prefazione Mario Almerighi, magistrato ed ex componente del Csm - trascina nel cuore degli eventi, traducendo quella che potrebbe essere una noiosa lezione di diritto nella viva ricostruzione di una indagine dal sapore giallistico».   
Dottor Dovinola, il suo libro intende informare sull'importanza delle intercettazioni nelle indagini della polizia giudiziaria e sugli effetti di un ulteriore limitazione del potere di disporle. Può spiegare perché?
Ho voluto scrivere questo libro per mettere in condizione il cittadino comune di farsi direttamente un’idea sul mondo delle intercettazioni. I dibattiti mediatici non hanno mai informato, sono stati piuttosto la sede in cui i partecipi, dell’una o dell’altra fazione politica, hanno lanciato messaggi finalizzati a colpire l’ascoltatore, e ad accaparrarsene il consenso. A dire la verità, pochi minuti di intervento alla tv o alla radio non consentono neppure di scendere nel dettaglio, leggere per intero gli articoli del codice di procedura penale, confrontarli ed analizzarli.
Conclusa l’indagine, gli immaginari protagonisti provano ad applicare al caso in esame la cosiddetta «legge bavaglio». Con quali esiti?
Le intercettazioni, telefoniche ed ambientali, attivate secondo le attuali regole del codice di procedura penale, hanno consentito ai miei investigatori di scoprire reati gravi. A fine lavoro ho pensato fosse interessante sperimentare le nuove regole sul caso concreto: ebbene le modifiche approvate dalla Camera dei Deputati avrebbero impedito di raggiungere l’obiettivo. Non così le regole come modificate dal Senato.
Lei ha tentato di trasferire il dibattito sull'autonomia della magistratura nella materialità di un’indagine. Che tipo di magistratura ne esce?
Io ho portato nella storia che ho raccontato la mia esperienza di Pubblico Ministero, vissuta prima alla Procura di Marsala e poi a quella di Roma. Nel mio lavoro non ho mai cercato il «colpo», o lo «spot», o la notorietà. Il pubblico ministero dell’indagine lavora anche di pomeriggio, cerca di supportare gli investigatori in un’indagine importante, di incanalare le loro iniziative su binari processualmente regolari. Come il dottor Pensolino è la grande maggioranza dei magistrati.
Non teme l’accusa di aver scritto un libro troppo «a tesi»?
Nel cercare di illustrare i meccanismi processuali e far capire come si intersecano con la realtà di un’indagine certamente sono partito da una convinzione: le intercettazioni sono necessarie per ottenere buoni risultati investigativi. È questa la mia tesi. Invadere la privacy altrui è consentito al Pubblico Ministero al fine di difendere altri importanti interessi della collettività.
Esponenti politici hanno spesso definito «finalizzate a colpire ma non ad informare», posizioni analoghe a quelle da lei espresse. Cosa risponde?
L'obiettivo dei politici è creare nell’elettorato il consenso verso una modifica legislativa così importante. Per questo avversano chi sostiene argomentazioni analoghe alle mie, e tentano di spostare l’attenzione sull'aspetto indubbiamente critico di questa attività che è la violazione della sfera privata, e sulla necessità di limitare il raggio d’azione di chi esercita questo potere.
Non teme che l’argomento del libro sia superato, data la nuova fase politica attraversata dal Paese?
Io credo che l’informazione non sia mai superata. Un’informazione corretta è un patrimonio che sosterrà chi lo possiede in qualunque occasione. E penso che occasioni ci saranno anche a breve, perché tutti i partiti politici hanno a cuore il problema legato all’ascolto di conversazioni riservate, che può avvenire nel corso di un’indagine; dialoghi che possono giungere all’attenzione dell’opinione pubblica attraverso giornali o tv. Attuare modifiche normative dirette a regolamentare la diffusione di queste notizie è un problema trasversale, che verrà ripreso non so se dall’attuale governo «tecnico», ma certamente dal prossimo, qualunque esso sia.
«Intercettazioni - L'indagine
dell'ispettore Pinto»
Aracne, pag. 163, 8,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

DIRETTA

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

1commento

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

2commenti

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

7commenti

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

1commento

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

GAZZAREPORTER

"Il Cortile del Guazzatoio è ancora un parcheggio"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

SESTRIERE

Va a sbattere contro la barriera della pista: muore sciatore

BERGAMO

Lei vuole troncare la relazione, lui le spara nella stanza di un albergo

SPORT

RUGBY

Le Zebre battono Agen 38-30

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

società

Droga, prostituzione, sigarette: gli italiani spendono 19 miliardi annui in attività illegali

musica

Ed Sheeran annuncia il fidanzamento con Cherry Seaborn

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"