-7°

Arte-Cultura

E Maria Luigia diventò giardiniera

E Maria Luigia diventò giardiniera
0

 di Chichibìo

Alla base dell’atto epistolare c'è sempre un equivoco di fondo: la lettera, infatti, da un lato costruisce un contatto, avvicina; dall’altro, segna la distanza, attesta confini. In mezzo si configura uno spazio di nessuno dove le parole rischiano di perdersi e i fatti di svanire: «I baci scritti non arrivano a destinazione - scrive Kafka -, li bevono i fantasmi per strada». Quello spazio, però, coincide anche con quanto porta la scrittura, è il luogo dove le cose assumono fisionomia e si caricano di significati. Quello spazio, nel piccolo corpus di lettere analizzate (una trentina, tra il 1798 e il 1904, conservate dai fondi del Museo Lombardi e della Biblioteca Palatina e scritte da personaggi illustri della Parma di allora) nel libro «Caro amico ti scrivo...» - che sarà presentato venerdì, ore 16,30, a Palazzo Soragna, Strada al ponte Caprazucca -  Mariangela Rinaldi lo ha riempito cercando le notazioni golose, arricchendole col corredo di una serie di ricette del tempo e servendole a noi, «fantasmi» appostati sui bordi della strada e pronti a coglierle. Tra curiosità e cose banali (scarpe da aggiustare, richiesta di biancheria..), emerge il legame particolare che chi scrive ha col cibo, specie con quello della propria casa. Si legge, per esempio, della passione del conte Sanvitale per la polenta, allora cibo per ricchi (si è alla fine del Settecento e il mais non era ancora alla base della cucina contadina); o dell’attenzione di Maria Luigia per l’orto («sono diventata giardiniera») che la spinge a chiedere alla marchesa Montebello di inviarle «il più completo assortimento di legumi e di tutte le specie d’insalata e di radicchi che esistono in Francia, come in Belgio ed in Olanda». Non si pensi, però, a dietetiche insalate, perché le ricette di Vincenzo Agnoletti, cuoco di corte, prevedevano di arricchirle, tra l’altro, con carni e pesci freddi, uova sode, salse d’acciughe, capperi, mostarda. Fragole e ciliegie fanno la gioia di Guglielmo e Albertina, figli di Maria Luigia, e quest’ultima rivela un attento spirito critico quando nota che il gugelhuf (dolce lievitato con uva sultanina) mangiato in un pic-nic fuori casa è più leggero e migliore di quello che abitualmente faceva il loro pasticcere. Non era invece la leggerezza che cercava il baritono Domenico Cosselli quando, da Napoli, scrive all’amico Paolo Toschi per prenotare, al suo ritorno in città, un «tortellicidio» di almeno una «cinquantina» di esemplari da consumarsi in compagnia. Sullo stesso registro è la dichiarazione d’amore che il marchese Guido Dalla Rosa Prati fa al maiale: «amo il porco», scrive, cui si deve «il piacere di vivere una vita quieta e tranquilla» - e la succulenta ricetta di famiglia del lombo ripieno sembra confermarlo. Alberto Sanvitale, in vacanza a Nizza, rimpiange di non essere a Fontanellato a «fare il mio solito pasto da cannibale» in occasione dell’uccisione del maiale. Ed è sempre lui che, in missione militare a Palermo, si porta appresso una spalla di San Secondo (quella resa famosa dalla ricetta di Verdi) da mangiare con gli amici: riceverà «un’ovazione generale», pur non essendo stata cotta a puntino. Nella famiglia Sanvitale si amava il risotto alla milanese ed ecco un amico che manda un sacchetto di riso dal Veneto, già allora zona vocata per quella produzione: la ricetta dell’epoca, oltre allo zafferano, prevede l’uso di cervellato (grasso variamente speziato), sugo d’arrosto, funghi e tartufo. Per i vini, meglio rivolgersi altrove: così la principessa Anna Meli Lupi li acquista a Bordeaux presso il Chateau de l’Estonnat in Medoc e Giuseppe Verdi quando, quasi novantenne, si lamenta col suo fornitore che «le casse di vino da lei speditemi diversi giorni fa non mi sono ancora arrivate», si riferisce al chianti Pomino dei fratelli Conti, che il Maestro prediligeva su ogni altro e i cui fiaschi erano sempre sulla sua tavola. Infine, le parole più melanconiche sono quelle che Guglielmo di Montenuovo, figlio di Maria Luigia, indirizza da Vienna al nipote Alberto Sanvitale: tra i ricordi di un tempo felice c'è quello del salame, «ho una voglia matta di mangiarne», e precisa che pensa a quello «fatto in campagna...cento volte meglio di quello fatto in città (con carne di cavallo, asino, bue, pepe e spezie)». E come non essere d’accordo col vecchio Conte? 
  Caro amico ti scrivo...
Tecnografica, pag. 216, 8,80  (più il prezzo del quotidiano)    
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

MusicaU2, tutto esaurito a Roma. Annunciata la seconda data

Musica

U2, tutto esaurito a Roma: annunciata la seconda data

Eva Herzigova

Eva Herzigova

L'INDISCRETO

Bellezze mozzafiato e vallette a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Incidente sulla via Emilia: traffico bloccato a Parola

Fontanellato

Scontro auto-camion sulla via Emilia: un ferito grave a Parola

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

CLASSIFICA DEL "Sole"

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

21commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Calcio

Il Parma acquista Munari: oggi la presentazione con Edera Video

Il centrocampista ha già giocato con la maglia crociata in serie A e in Coppa Italia

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

polemica

"Marchio Parma in Giappone", affondo della Lega, Casa risponde

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

FIDENZA

Meningite, la conferma: non c'è rischio contagio

Senzatetto

Viaggio fra gli «invisibili». Ed è polemica fra Comune e Diocesi

3commenti

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Omicidio

«Ho prestato la mia auto a Turco, era solo un favore»

La storia

In via Po circondati dal degrado

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Le sfide della città

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

BOLOGNA

Stupra disabile nel bagno di un bar: la Lega Nord chiede la castrazione chimica

SOCIETA'

Parma

Giocampus Neve da tutto esaurito

ISTAT

Grandi città fuori dalla deflazione. Sopra i 150mila abitanti Parma tra le più care

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video