20°

36°

Arte-Cultura

"Aida", emozioni con la Callas

"Aida", emozioni con la Callas
Ricevi gratis le news
0

Gian Paolo Minardi

Nell’Aida vi è più mordente e più (perdonate la parola) più teatralità. Non intendete Teatralità nel senso volgare», così Verdi aveva risposto a Ferdinand Hiller il quale, nell’84, prima dell’andata in scena alla Scala del Don Carlo, nella nuova versione in quattro atti, gli aveva chiesto se amasse di più «Aida» o «Don Carlo». Una precisazione quella del musicista a proposito della teatralità che ci conduce al centro di quest’opera svelandoci quella fisionomia più segreta che spesso la grande popolarità di cui ha sempre goduto ha rischiato di mettere in ombra. Lettura quella più direttamente coinvolgente legata essenzialmente alla cornice esotica non poco vistosa, imposta dalle stesse circostanze esterne che hanno accompagnato la nascita di «Aida», la committenza proposta a Verdi da parte del Viceré d’Egitto di un’opera su argomento egizio, intendimento nato sul finire del 1869, nel fervore suscitato dall’apertura del Canale di Suez. Non è escluso che una delle ragioni dell’accettazione da parte di Verdi fosse dovuta al fatto che in caso di un suo diniego la proposta sarebbe stata girata a Wagner; in ogni modo il musicista mostrò subito un vivo interesse per il progetto drammaturgico tracciato dall’egittologo Auguste Mariette, unico caso in cui Verdi non aveva battuto itinerari letterari già disegnati: « E’ ben fatto; è splendido di ''mise en scène'', e vi sono due o tre situazioni, se non nuovissime, certamente molto belle».
Apprezzamento che lascia scorgere anche il desiderio di Verdi di ritrovare, dopo le avventurose, sollecitanti esperienze della «Forza del destino» e del «Don Carlos», opere in cui lo schermo si era straordinariamente allargato per collocare il nucleo drammatico entro un contesto animato e complesso, quei percorsi più diretti, più lineari lungo i quali la sua immaginazione creativa aveva proceduto, fino alla «trilogia»; visione che peraltro non poteva portare il musicista a fare un passo indietro, dopo l’arricchimento che proprio quelle nuove esperienze avevano recato al suo linguaggio, sia nell’affinamento del discorso orchestrale, sollevato da un ruolo di sostegno a presenza integrata alle voci, che nel più animato respiro drammaturgico. Approdi di cui «Aida», pur nell’ideale continuità con i modelli lontani, offre testimonianze superbe, nel modo, ad esempio, con cui il recitativo attiva la propria funzionalità in una declamato sempre più fuso con il canto; segnale indubbio di quella inesausta tensione evolutiva che spingeva Verdi a stare sempre più addosso al librettista, Antonio Ghislanzoni, a chiedergli quella «parola scenica» in cui tale nuova visione si condensava: «So bene ch’ella mi dirà: E il verso, la rima, la strofa? Non so che dire; ma io quando l’azione lo domanda abbandonerei subito ritmo, rima, strofa; farei dei versi sciolti per poter dire chiaro e netto tutto quello che l’azione esige. Pur troppo per il teatro è necessario qualche volta che poeti e compositori abbiano il talento di non fare né poesia né musica». Ecco dunque il senso di quella «teatralità non volgare» con cui Verdi precisa a Hiller la sua concezione di questa sua nuova opera, chiave di volta che assicura a «Aida» la misura della perfezione, intesa come il massimo raggiungimento dell’«effetto» attraverso una controllata organizzazione dove parola e musica appaiono ormai totalmente serrate, in un unico corpo. Con «Aida» Verdi ebbe la sensazione di aver concluso il suo cammino, sentendosi ormai estraneo al nuovo scenario . Sappiamo bene che la partita si riaprirà alcuni anni dopo con altri esiti stupefacenti. E' indubbio che la cornice esotica di «Aida» può costituire un aspetto tanto intrigante quanto problematico per un direttore,  come un ostacolo ad andar oltre la superficie pittoresca; esemplare in tal senso la lezione di Toscanini per la folgorante intuizione della «teatralità» che dietro tale superficie va innervandosi.
Una lezione di cui deve aver fatto tesoro Tullio Serafin come si può cogliere dalla storica edizione che viene offerta ai lettori della «Gazzetta», realizzata nel 1955 con i complessi della Scala. Il segno del direttore lo si scopre, infatti, dal passo e dal respiro ed insieme dalla stringatezza con cui va snodando la vicenda musicale, trovando una corrispondenza proprio in questa ricchezza di slanci in un manipolo di interpreti a dir poco eccezionali. La Callas in primo piano, ovviamente - con la quale Serafin aveva collaborato in «Norma», nel 1954 e l’anno prima in «Lucia» - calata con penetrante intensità nel personaggio di cui mette in luce il drammatico contrasto che brucia nella principessa schiava innamorata. Una tensione che si intreccia con pari intrinseca passionalità con quella di Amneris, come la rivive una Barbieri di straordinaria incisività.
Un Radames di grande spicco è quello creato da un Richard Tucker nella pienezza della maturità, con un fraseggio intensamente stagliato e acuti squillanti come mostra nel finale della sua prima romanza in cui, sfidando il «pianissimo» chiesto da Verdi nel si bemolle finale di «Un trono vicino al sol» lo esalta a piena voce: significativo che nella registrazione realizzata sei anni prima con Toscanini avesse scelto la «scappatoia» consentita dallo stesso Verdi di chiudere in «forte» ripetendo in «piano» il si bemolle un’ottava sotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

4commenti

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo/noceto

Guasto a una condotta: Bianconese e Ponte Taro senz'acqua

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

tg parma

Parma, Germoni: "Ottimo ritiro, devo conquistarmi il posto" Video

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

2commenti

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

gazzareporter

"Via Liani, cartoline da un giorno normale (tra i rifiuti)"

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Violinista

Borissova, una bulgara «parmigiana»

Calcio

Serie A al via: i pronostici di Perrone

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

barcellona

Furgone sulla folla: almeno 13 morti e 80 feriti. C'è un terzo arresto

3commenti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti