18°

28°

Arte-Cultura

Londra celebra Leonardo con quasi tutti i suoi capolavori

Londra celebra Leonardo con quasi tutti i suoi capolavori
0

Manuela Bartolotti
«Ho visto cose che voi ''umani'' non potreste immaginare». La celebre frase dal film «Blade Runner» sembrerebbe fuori luogo per illustrare una mostra d’arte del passato, ma, parlando di Leonardo da Vinci, artista che ha scavalcato ogni barriera temporale e forse ogni umano limite, è proprio la citazione che esce spontanea e può essere condivisa da chi ha la fortuna di vedere – dopo lunga coda – l’esposizione in corso alla National Gallery di Londra, «Leonardo da Vinci, pittore alla corte di Milano» (fino al 5 febbraio).
Per quanti non riuscissero a raggiungere quella che è stata giustamente definita «la mostra del secolo», resta l’opportunità di percorrerla virtualmente nelle sale cinematografiche il prossimo 16 febbraio, quando sarà proiettato su scala mondiale in contemporanea via satellite alle ore 20 un filmato di 100 minuti attraverso il percorso d’esposizione.
Oppure, accontentarsi – si fa per dire – dei numerosi disegni presentati alla Reggia di Venaria Reale a Torino per «Leonardo, il genio, il mito» (fino al 29 gennaio).  Già di lui basta uno schizzo per dar scacco a buona parte degli artisti, basta un quadro come la Dama con l’ermellino per spostare folle adoranti, e a Venaria si può ancora ammirare il suo Autoritratto a sanguigna, insieme con uno dei pochi disegni sfuggiti alla rassegna di Londra e proveniente dalla Collezione Reale di Windsor.
Anche a Parma abbiamo in Pinacoteca Nazionale un Leonardo, la «Scapigliata», ora a Tokyo per una mostra dedicata a lui e alla bottega (fino al 4 marzo). Esagerazioni? Davvero non in questo caso. Anche i curatori dell’esposizione di Londra (Luke Syson e Larry Keith) non si sono risparmiati nell’esprimere - a voce e in scritto - quello che già lo stesso Leonardo aveva percepito riguardo al proprio genio: «La deità che ha la scienza del pittore fa che la mente del pittore si trasmuta in una similitudine di mente divina».
Dicevo, basta un disegno per aver la misura della sua grandezza, ma in questa occasione s’è riunito – come mai si era riusciti – quasi tutto il corpus pittorico di Leonardo, se si escludono alcune opere fiorentine, l’inamovibile Gioconda e ovviamente il Cenacolo di Milano, però presente con la copia del Giampietrino piuttosto fedele perché utilizzata anche per il complesso restauro dell’originale. Il rischio per il visitatore è la sindrome di Stendhal, lo stordimento interiore, la commozione ai quali solo la perfezione, la miracolosa tangenza di umano e divino possono indurre. 
Nel segno di penna finissimo è il confine tra finito e infinito, tra sensi e spirito. E poi l’ombra imponderabile dello «sfumato», il nero mai veramente nero di sfondi e di sfumature nei corpi, gli sguardi ammiccanti che avvincono e trasportano in lontananze misteriose.
La geometria perfetta dei volti femminili, mai algida come quella di Piero della Francesca, non gela l’emozione, esaltando invece grazia e carnalità più angeliche che umane. Si affrontano per la prima volta le due versioni della Vergine delle Rocce, la prima del Louvre e la seconda di Londra. In quest’ultima la luce viene a toccare le figure, il blu lapislazzuli della veste si fa soprannaturale.
Qualcosa è cambiato, forse tutto è cambiato profondamente di disegno e concetto e si passa dalla terra al cielo, in una sorta di mistica sublimazione. Viene in mente un altro genio però letterario, Leopardi: «(...) interminati /  spazi, di là da quella, e sovrumani / silenzi, e profondissima quiete (...)».  L’accostamento di opere d’allievi pur eccellenti quali Giovanni Antonio Boltraffio e Marco d’Oggiono non fa altro che confermare la grandezza di Leonardo e la sua irraggiungibilità. Nei loro ritratti le sfumature s’irrigidiscono; sono copie perfette ma prive di respiro. Si tratta di quadri, d’immagini. Mentre quelle di Leonardo sono presenze. I moti del corpo rivelano attitudini e moti della mente. Il genio rivela l’invisibile. A tu per tu con il «Salvator Mundi», recente scoperta di collezione privata, si comprende perché sia stata imputata a Leonardo - ipotesi poi ritrattata - addirittura la realizzazione della Sindone. Perché nessuno ha saputo rappresentare Dio come lui. Il volto del Salvatore, inspiegabile fusione d’umano e divino, appare d’una profondità insondabile e insieme di carnalità vibrante. E’ una vera e propria transustanziazione visiva.  Leonardo non mostra, non riproduce, ma invita negli altrimenti insondabili misteri dell’esistenza, dell’uomo, della natura, di Dio. Ed è – fatto da lui - un invito che non si riesce a rifiutare, quasi un incantesimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

IL CASO

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

Lutto

L'ultima lezione di Angela

In viale Vittoria

Ragazzo a terra, è gravissimo

Intervista

Papageorgiou: «Lascio il lavoro per la musica»

Documentario

L'Antelami torna in Duomo

FIDENZA

Tiro a segno, l'ex presidente condannato a versare 183.893 euro di risarcimento

Futuro vicesindaco

Bosi: «Saremo più vicini ai cittadini»

MERCATO

La «decima» di Lucarelli

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

8commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

3commenti

polizia

Arancia meccanica in un kebabbaro (con rapina) di piazzale della stazione: presi due giovani

2commenti

L'allerta

Il maltempo flagella il Centro Nord: allagamenti e trombe d'aria

L'Italia divisa in due. Sbalzo di 20 gradi tra la Valle d'Aosta e la Sicilia

Il caso

Ancora vandali in Battistero, emergenza baby gang Video

1commento

Politica

Nuova giunta, il rebus dell'assessore all'Ambiente Video

Primo Consiglio tra 15 e 20 luglio

disagi

Temporale su Parma: cellulari, problemi a singhiozzo sulla linea Tim

2commenti

Fatto del giorno

Gara Tep-Busitalia: perquisizioni a Smtp

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

10commenti

ITALIA/MONDO

TORINO

Fuggi fuggi in piazza San Carlo, indagata la Appendino

salute

Vaccini: in Sardegna, tetano dopo 30 anni. Morta bimba a Roma per morbillo

SOCIETA'

auto

Il "bullo" della Porsche sfida la Tesla: finale a sorpresa

1commento

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat