-2°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Prigioniera di un male oscuro

7

Maria Denis Guidotti

E’ una mattina come tante. Salgo in macchina per recarmi al lavoro ma sono molto stanca, ho un malessere generale ma sono certa passerà, è certamente dovuto al cambio repentino di stagione. Termino con estrema fatica il mio compito, riprendo l’auto e torno a casa, parcheggio ma, mentre passo davanti al bar per raggiungere il mio ingresso, svengo.
Riapro gli occhi e sono sdraiata a terra, circondata da molte persone, facce conosciute e non; in lontananza sento delle sirene, farfuglio il mio disappunto ma non riesco a rialzarmi. Mi portano velocemente in ospedale, ne uscirò dopo tre giorni, per poi divenirne una «cliente» fissa per due anni. All’atto delle dimissioni, il professore di reparto entra nella mia stanza, accompagnato dalla caposala; chiudono le porte alle loro spalle e mi si avvicinano con un’aria serafica, che non fa presagire nulla di positivo. Mi spiegano che tipologia di accertamenti hanno effettuato, tra un’esposizione e l’altra sorridono, fanno qualche battuta, che ritengo siano forzate, poi d’un tratto recepisco: «… Signora, allora, ci accordiamo, anche se riteniamo che questo intervento lo debba effettuare quanto prima, è già abbastanza tardi…».
Faccio alcune domande ma loro mi consegnano una lettera e mi caldeggiano a presentarla, quanto prima, al mio medico di base. Ho molta confusione in testa, la sento ovattata, non riesco a capacitarmi di cosa mi sia persa del loro resoconto, temo esserne, comunque, una parte fondamentale. Tutto passa, temporaneamente, quando riabbraccio mio marito e mia figlia; sono rasserenata dal ritrovarmi a casa e di tornare alle mie abitudini.
Passano pochi giorni e, quando mi reco dal mio medico, acquisisco in maniera chiara la parte che il mio cervello aveva cancellato: ho un tumore. Sono operata nel giro di alcuni giorni e, nonostante la vicinanza dei miei cari e di pochi intimi amici, sono completamente a terra, non solo per il tipo di intervento ma anche per i dolori postumi conseguenti. Il vero male, oltre a quello fisico, è quello psichico, invisibile agli altri, perché mi sento defraudata nel mio essere donna, nella mia femminilità, nell’anima e nell’intimità. Mi parlano di ricostruzione, quella che si potrebbe eventualmente fare in un secondo tempo. Oggi come oggi, si riesce a superare brillantemente questo tipo di malattia, sia grazie alle cure mirate che ai supporti fisici e morali che con essa mi verranno dati. La mia positività è adombrata dalla paura, la volontà dal malessere fisico, la determinazione dalle conseguenze, il futuro dal calvario con un esito incerto.
Quindici giorni, questo è il periodo intercorso dalla mia libertà alla prigionia. Mi sento in balìa degli eventi, non riesco a contrastarli e li subisco. I miei lunghi capelli neri iniziano a riposare inermi sul cuscino o quando mi lavo; non ho neanche la necessità di pettinarli, è come se avessero già scelto la strada da intraprendere. Decido di rasarmeli completamente: è uno shock ed il segno inequivocabile del mio male oscuro.
Non sono preparata a parrucche ma neppure alla nuda testa e così opto, come tante, per foulard e bandane. E’ l’unica inquietudine che riesco a esternare, così una cara amica si prodiga immediatamente per procurarmi un delizioso cappellino, fatto ad uncinetto e di cotone, per evitarmi tutti gli inconvenienti dettati da prurito o sudore; siamo quasi in estate e questi continui cambiamenti di tempo non facilitano questa elementare scelta.
Il peggio è, però, in agguato:  il mio stomaco inizia a salire sulle montagne russe, poi scende precipitosamente a terra, sembra voler provare l’ebbrezza del triplo salto mortale, non lasciando né a me né a se stesso un poco di calma ristoratrice. Vorrei rinchiudermi in casa, non riesco a tollerare gli sguardi di commiserazione e neppure quelli curiosi o perplessi. Voglio isolarmi!
Anche questa mia decisione è presto demolita dagli amici che non me lo permettono, anzi, sono i motori trainanti per farmi uscire dal mio «sequestro». Alterno momenti di sconforto, in cui mi riesce solo di associare la mia malattia alla genetica familiare. Penso a mia zia, che se ne andò a quarantasette anni, penso a mia mamma, al calvario che ha dovuto affrontare nel vedersene andare la sorella ed ora devo comunicarle che anch’io sto affrontando il cupo male.
Immagino già il suo sorriso senza tempo incresparsi amaramente, il suo già provato cuore tentare una fuga dal macigno che le sta arrivando addosso. Gli amici si ostinano a parlarmi di futuro, di tutti i nuovi e probabili progetti che potrò intraprendere quando, finalmente, alzeremo i calici per brindare alla vittoria della mia liberazione  e a una nuova vita che mi si presenterà innanzi.
Penso a quella ragazza di sedici anni che era accanto a me durante le terapie: mi riscaldano il cuore il suo sorriso e la sua carica di grande condottiero. Lei è determinata a combattere, vuole uscirne vincente e mi rimbombano le sue parole: «Forza Liu, anche oggi vogliono vedere quanto sia forte la nostra tempra di donna, sorridiamo alla vita, ci sta aspettando».
Sarà…
Purtroppo vivo queste mura come un luogo di vita e di morte, dove incrocio sguardi persi nel vuoto e mani tese, in cui sento pianti sommessi e, a volte, grida o mesti sussurri, dove si miscelano richieste d’aiuto e di affetto a gesti d’attenzione e protezione; è il luogo in cui la comune esperienza di vita ci spegne lentamente il desiderio di andare incontro al domani. Abbiamo subìto insieme la ferocia del nostro sequestratore, il dolore e il sentimento di doverci convivere forzatamente, abbiamo sempre regalato un sorriso amaro a chi cercava di dirci che, presto, sarebbe tutto finito ma ora possiamo veramente sorridere alla nostra seconda possibilità.
Sono rinata!
Quanto è bello riscoprire il piacere di piccoli gesti, la libertà di poter assaporare i tuoi cibi preferiti senza la paura di rimetterli, poter bere indifferentemente un bicchiere d’acqua o uno di buon vino, godere  la gioia di chi, accanto a me, ha rivisto pianin pianino crescere i miei capelli, sentirmi di nuovo pronta a parlare e progettare un nuovo lavoro ma, soprattutto, riabbracciare con forza, gioia e serenità la mia vita, la mia indipendenza, il mio futuro da donna liberata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mariaeugenia

    06 Maggio @ 12.10

    Denis, il tuo racconto è così vero, toccante e pieno di forza che lo dedico alle mie care amiche per le quali una nota positiva è più che indispensabile. Oltre che complimenti, grazie!

    Rispondi

  • claudio

    03 Febbraio @ 12.43

    Brava Denis....mi piace come scrivi. Il breve racconto scorre velocemente . L'argomento trattato è molto attuale , triste , spaventoso.......ma apre uno spiraglio positivo nelle persone che combattono gravi malattie . Un bacio . Claudo

    Rispondi

  • Barbara

    31 Gennaio @ 14.13

    "Tasto della vita difficile da affrontare. Rifiuto, non accettazione la fanno da protagonisti... Bisogna sempre sorridere alla vita!!! E brava mdenis bel messaggio di forza e speranza".

    Rispondi

  • Sergio

    31 Gennaio @ 09.51

    Non mi era mai successo di leggere un racconto tutto di un fiato, trascinato in un tourbillon di emozioni come se fosse la mia storia. Con il desiderio e la speranza di "leggere" un lieto fine. Coinvolgente, brava.

    Rispondi

  • Lalli

    30 Gennaio @ 18.01

    Questo racconto mi é piaciuto molto; io leggo veramente poco in genere, ma devo dire che i racconti della Guidotti li leggo sempre molto voletieri. mi complimento anche con l'autrice per il modo scorrevole con cui scrive e la sottigliezza e per il modo di trattare cerri argomenti. anche importanti come questo. Complimenti davvero!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Rainews24, la sedia si rompe e il professore cade a terra

Televisione

Rainews24, la sedia si rompe e il professore cade a terra

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

"Maggiore: nessuna soppressione, solo una riorganizzazione"

Smentita la chiusura dei reparti al Maggiore

Ospedale

"Maggiore: nessuna soppressione, solo una riorganizzazione"

L'Ospedale risponde al nostro articolo

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

4commenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: Pareggio del Bassano; Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

3commenti

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

7commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

2commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

12commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

Piemonte

Valanga: un morto e due feriti

SOCIETA'

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video