11°

22°

Arte-Cultura

Mauthausen, memoria dell'orrore

Mauthausen, memoria dell'orrore
Ricevi gratis le news
0

Francesco Mannoni

Mi chiamo Gianfranco Maris e sono nato tre volte. La prima, il 19 gennaio 1921 quando nacqui; la seconda, ufficialmente, quando fui registrato all’anagrafe del comune di Milano, il 24 gennaio 1921; la terza il 5 maggio 1945, quando, arrampicato in cima alla scala di una torretta del campo di concentramento di Gusen - Mauthausen, vidi arrivare una camionetta con i soldati americani». Alla bella età di novantun anni, l’avvocato Gianfranco Maris ha deciso di raccontare in un libro scritto con Michele Brambilla, «Per ogni pidocchio cinque bastonate»  (Mondadori, pp.132, ¤ 17,50), la sua deportazione e detenzione a Mauthausen, uno dei più grandi campi di concentramento nazisti formato da quarantanove sottocampi. Costruito nel 1939 quando la guerra era già iniziata, la media di detenuti morti a Mauthausen è la più alta di tutti i lager nazisti: oltre il 60 per cento. Solo Auschwitz può essere paragonato a Mauthausen, con la differenza che ad Auschwitz finivano gli ebrei per morire nelle camere a gas, mentre Mauthausen era il campo di sterminio per i deportati politici e gli operai che scioperavano contro il regime. Gianfranco Maris, quinto figlio di un antifascista milanese titolare di una piccola fonderia, finì a Mauthausen nel 1944 arrestato quale organizzatore delle brigate partigiane comuniste. Era rientrato a Milano dopo l’8 settembre 1943 dalla Slovenia, dove aveva combattuto  come sottotenente del 122° reggimento Macerata, e a Milano frequentò il covo clandestino del partito comunista per il quale erano transitati anche Elio Vittorini, Renato Guttuso, Mario Alicata, Pietro Ingrao, Ernesto Treccani, Gillo Pontecorvo, Giancarlo Pajetta, Giansiro Ferrata e altri intellettuali e politici. Dopo alcuni mesi nel carcere di Sant'Agata di Bergamo dove fu interrogato e torturato, fu trasferito a Fossoli, una frazione di Carpi, e da lì caricato su di un convoglio verso Mauthausen dove giunse il 5 agosto 1944. Adibito a lavori forzati fra pene tremende e patimenti assurdi che lui stesso ricorda con voce ferma, Gianfranco Maris visse nove mesi da incubo nell’inferno di Mauthausen e si salvò solo grazie alla sua resistenza fisica. «Ogni prigioniero - racconta, mentre nel suo viso di vegliardo passa un’ombra di tristezza - la sera doveva accuratamente ispezionare i propri stracci e ripulirli dai pidocchi. Nudo, al buio scrutavo le cuciture della divisa, ma qualche pidocchio riusciva sempre a sfuggirmi. Al controllo dei guardiani alla luce forte delle lampade, per ogni pidocchio trovato il possessore degli stracci era punito con cinque bastonate. Una sera ne trovarono cinque fra i miei abiti. Ricevetti le venticinque bastonate da un kapò polacco, il quale compì con gusto e disprezzo il suo sadico dovere».
Avvocato, perché ha raccontato solo ora la sua prigionia a Mauthausen?
Mi sembrava difficile raccontare fame, sporcizia, torture e morte, ma quasi quotidianamente ho testimoniato della mia brutta avventura. Sono stato presidente dell’associazione dei deportati politici, e ho fatto conferenze e incontri ovunque. Il libro l’ho scritto perché volevo lasciare qualcosa che fosse storia critica, sociale e politica, dedotta dalla narrazione dei fatti che ho vissuto. Ognuno degli episodi che ho raccontato nel libro è parte di un mosaico più vasto finalizzato a costruire una storia consapevole degli orrori della deportazione. Soprattutto volevo colmare l’abisso d’ignoranza che spesso devo constatare tra i giovani a proposito dei campi di concentramento.
Perché Auschwitz e non Mauthausen è diventato il luogo simbolo della ferocia nazista?
Forse aver conclamato tanto Auschwitz, ha messo in secondo piano Mauthausen, e in ciò consiste la sottovalutazione storica di quello che fu il campo di repressione per i politici che combattevano il nazismo. Auschwitz è soltanto un campo fra i tanti della concentrazione lager della Gestapo e gli ebrei europei hanno conosciuto la deportazione soltanto dopo il 1942. Fino ad allora erano stati perseguitati, emarginati e spogliati di ogni bene materiale e di ogni diritto, ma non erano mai stati incarcerati. A Mauthausen i deportati ebrei dal 1938 al 1942, furono solo ventiseimila, non perché ebrei, ma perché erano dei politici contrari al regime hitleriano.
Come si è arrivati alla deportazione di massa degli ebrei?
Il prologo può essere quello del 1940, quando la cancelleria di Hitler avviò l'eliminazione dei cittadini tedeschi handicappati. Affidarono la procedura alle SS austriache che erano molto feroci, ma solo dopo l’invasione della Polonia e dell’Unione Sovietica cominciarono le vere ostilità contro gli ebrei, inizialmente fucilandoli o gasandoli in vagoni speciali. Poi crearono in Polonia i campi di sterminio, gestiti dalle stesse SS impegnate nell’operazione eugenetica.
Che cosa li convinse allo sterminio?
Dopo l’invasione della Polonia e dell’Unione Sovietica, i tedeschi si resero conto che c'erano quattro milioni di ebrei in Polonia e altri sette milioni in Unione Sovietica. L’eccessiva presenza fu considerata un pericolo e si passò alla soluzione finale, attuata nei campi di concentramento creati a tale scopo.
Cosa accadeva all’arrivo di un prigioniero ad Auschwitz e a Mauthausen?
Le procedure erano le stesse. All’arrivo c'era la selezione dei prigionieri tra quelli ritenuti abili al lavoro e no. Gli inadatti e i malati erano gasati subito. A Mauthausen era praticata con frequenza anche la puntura al cuore, che faceva morire tra spasimi atroci. Tutti i medici del lager facevano orrendi esperimenti sui prigionieri, e molti di questi medici furono processati tra il 1946 e il 1947. Ottocento sventurati, tutti detenuti politici ormai inadatti al lavoro, la notte del 22 aprile 1945, furono gasati nel blocco 31 di Gusen. Triste beffa, se pensiamo che il 25 aprile la guerra finì, e pochi giorni dopo tutti noi sopravvissuti, allo stremo ma vivi, fummo liberati.
Per ogni pidocchio cinque bastonate - Mondadori, pag. 132, 17,50 euro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto