-3°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Vissero felici, come nelle fiabe

0

Marta Silvi Bergamaschi

Le parole, per Luisella, possedevano un fascino particolare. Le rigirava tra i denti quasi fossero caramelle, la bocca le si riempiva di saliva, brividi piacevolissimi le pizzicavano la schiena. Si era svegliata con un inconsueto profumo di primavera sotto il naso: dalle imposte socchiuse filtravano, tremando di pulviscolo, nuovi raggi di sole: avevano l’aspetto e l’odore del borotalco. Le facevano allegria. E tra la saliva danzava, corposa e misteriosa, la parola «chiromante». Conosceva perfettamente il significato di chiromanzia: «mano più divinazione». Una suggestione indescrivibile: sulla sua mano erano, come strambi segnali, i ghirigori del suo avvenire. La chiromante era abile a leggerli. Ora la parola le girava in bocca come una piatta caramella di rabarbaro. Con un colpo secco la deglutì e scese dal letto. La campana della chiesa, servile sentinella, annunciava con la lunga lingua dei battagli che erano le sette. Luisella lavorava come commessa nell’unica profumeria del paese, mollemente adagiato nella vasta ubertosa pianura con diligenza coltivata. Il paese che amava. Amava le strade, i tanti borghi e, soprattutto, la grande piazza dove, superbo, s’alzava lo splendido antico castello; di fronte le casette basse dei borghi, le finestre decorate di fiori, le voci che uscivano nel loro piacevole dialetto, che copriva i sassi bianchi del selciato, di stupore. All’inizio di un borgo, affacciata sulla piazza, era la casa della chiromante. Luisella si preparò in fretta. Si guardò allo specchio e vide una diciottenne alta, magra, un viso alla francese: tutto minuti punti esclamativi. Gli occhi però erano grandi, neri e pensosi. Una cascata di ricci biondi le solleticava le spalle. Sono bella? Si chiese. Non lo sapeva. La madre, bidella della scuola, era già uscita, il padre, stradino, pure. «Che cosa ti è successo - le chiese Aurelia, la padrona della profumeria - ti vedo strana, eccitata: sei forse innamorata?». «Vorrei, ma ancora non ho trovato nessuno che m’interessi, oppure sono io che non interesso a nessuno». «Non dire sciocchezze - rispose Aurelia, affezionatissima alla ragazza - sei bella, giudiziosa. “Lui” arriverà presto. E io ti perderò». «No, non mi perderà, Aurelia. È giusto che una donna lavori, anche se sposata». Intanto pensava: sposata? Perché dovrei sposarmi. L’amore esiste anche senza matrimonio. A diciotto anni, comunque, io l’amore non lo conosco. Nessuno mi ha mai baciata. Si sentì improvvisamente sola, isolata. Certo, non aveva un carattere facile: era severa con se stessa e con gli altri, amava la natura, gli animali, viveva in un suo mondo che a nessuno interessava. Non aveva vere amicizie. Soltanto conoscenze. La sua vita, pensava, era monca. Che cosa mi prende, occorre reagire. Pronunciò la parola «chiromante» e un riso improvviso le mozzò il fiato. Aurelia la osservava: il riso è contagioso. Nella profumeria risuonavano le risate delle due donne, risate sonore, lunghe, gorgheggi che facevano l’anima leggera. Quando Luisella uscì, si diresse verso la piazza dove sorgeva il castello e suonò il campanello della chiromante. «Entra» le disse. Si chiamava Nereide. Un viso dolce le sorrise: vagava in quel viso una dolcezza autentica, ma in fondo agli occhi, nascosto da lunghe ciglia, era un grosso chiodo di malinconia. A Luisella la chiromante piaceva. «Naturalmente - disse la donna - vuoi che ti legga la mano». Entrarono, sedettero. «La mano sinistra» disse Nereide. Osservò a lungo il palmo della morbida, lunga mano di Luisella, la quale guardava il volto di Nereide distendersi in un sorriso lieve e timido, ma pieno di grazia compiacente. «Ci sono due lunghe strade in fondo alle quali due uomini ti aspettano; due uomini belli e intelligenti: uno ricchissimo, l’altro povero. Sono tuoi, Luisella. Attendono che i tuoi grandi occhi pensosi s’accorgano di loro. Ti vuoi decidere? Il paese è piccolo, dovresti conoscerli» . «Conosco tutti e nessuno - rispose Luisella - è così quando si lavora in un negozio». «Non sempre - rispose Nereide - non tutti sono riservati come te, mia cara». «Comunque - rispose Luisella - sono certa che l’uomo povero sarà molto meglio dell’altro. La ricchezza genera (e non è verità assoluta) avidità, egoismo: chi più ha, più vuole. Saprò dirle, Nereide!». Nereide seppe che Luisella aveva scelto l’uomo povero, laureatosi lavorando, intelligente e signore: signore vero, la ricchezza era dentro di lui, dono immenso che divise con Luisella. Si sposarono e vissero a lungo felici, come nelle fiabe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

2commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

11commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

1commento

'ndrangheta

Aemilia, gli imputati chiedono processo a porte chiuse Video

manifestazione

"Natale in vetrina crociata", grande entusiasmo per le premiazioni Video Gallery

Inizia il coro, poi segue tutta la sala: oltre cento bimbi cantano l'inno del Parma - Video

Epidemia

Legionella: domani la verità

2commenti

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

3commenti

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

2commenti

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

5commenti

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

maltempo

Emergenza Abruzzo: in 300mila senza elettricità. Arriva l'esercito

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video