-2°

Arte-Cultura

"Diabasis sempre più legata a Parma"

"Diabasis sempre più legata a Parma"
0
di Lisa Oppici
E' un pezzo importante dell’editoria locale, vent’anni di storia targati Reggio Emilia ma legati a filo doppio con Parma, in una sorta di autostrada lastricata di libri.  
Diabasis, la casa editrice fondata nel 1988 da Alessandro Scansani (scomparso lo scorso aprile) e Giuliana Manfredi, non muore.  Al contrario, rinasce: e in questa rinascita c’è tanto di Parma, a testimoniare un legame profondo capace di andare al di là dei campanili. 
Rinasce partendo dalla sua identità forte (quella di una casa editrice attenta al suo territorio e alla storia - alla vita - di questo, ma aperta al mondo), dal patrimonio di cultura che ha saputo costruire in questi anni, da un catalogo di centinaia di titoli che costituisce una base solida e «di peso» per poter riprendere a camminare. 
Dopo la liquidazione, Diabasis è pronta a rimettersi in marcia grazie a una nuova società, la Diaroads srl, che ha molte sponde nostrane: dal presidente Mauro Massa, direttore delle relazioni esterne di Chiesi Farmaceutici, al consigliere d’amministrazione Umberto Squarcia  a Giuseppe Massari, già colonna parmigiana della vecchia Diabasis. 
«È tutto qui: un gruppo di persone ha deciso di ''non dimenticare'' il catalogo di Diabasis. Nel percorso di liquidazione della vecchia Diabasis – spiega Massari - questo gruppo ha posto come condizione l’acquisto del catalogo, che è un bene importante in senso economico ma soprattutto in senso culturale. Da quel catalogo ripartiamo, con l’idea di continuare quella linea culturale». 
Diaroads dovrebbe fungere da «traghettatrice» verso la nuova Diabasis, che dovrebbe assumere la struttura di una public company. 
«Si stanno raccogliendo le sottoscrizioni, e devo riconoscere che l’interesse è tanto», continua Massari, che delle persone impegnate per la rinascita della casa editrice dice: «Ho trovato Umberto Squarcia, Giuliana Manfredi e altri amici, e ho visto il presidente Massa particolarmente determinato, molto piacevolmente sorpreso da questo catalogo di cui condivide il sostrato culturale». 
Tanta Parma, ancora: «È una casa editrice che da Parma ha preso molto: della Parma cosmopolita – osserva Massari -, che non è solo Parma ma anche qualcosa di più. C’è un innamoramento verso  questa Parma che è quella dell’Officina, ma anche quella dossettiana e riformista, non fracassona né rumorosa. Ora credo che Diabasis sarà anche più parmigiana di prima, naturalmente fermo restando che l’orizzonte cui si punta è nazionale. Parmigiana nei nomi, nelle idee, nei contributi intellettuali. Parma dice ancora moltissimo». 
E c’è chi ipotizza addirittura un trasferimento della sede proprio a Parma. La parola d’ordine con cui guardare al futuro è «continuità».
Una continuità dinamica, non senza qualche spruzzata di novità: per stare al passo con i tempi, proporsi al meglio al pubblico e trovare il giusto spazio in un mercato che nel complesso è in sofferenza. 
«Il legame con i collaboratori storici e con i direttori di collana resta sostanzialmente tal quale, con qualche innesto. Sulle collane faremo ordine, mantenendo comunque le anime fondamentali: filosofia, geografia del territorio anche applicata alla politica, narrativa... Abbiamo già in testa i prossimi volumi, tra cui l’opera omnia di Italo Podestà e la riedizione di un libro fondamentale sulla Resistenza, ''Dal Ventasso al Fuso'', di Mario Rinaldi e Massimiliano Villa. E se questi sono ancora progetti, un’uscita certa prossima già c’è: gli atti del grande convegno su Malerba di un paio d’anni fa». 
Altro elemento di continuità, l’attenzione al territorio.
 «Dal Po all’Emilia Nord-Ovest e alla dorsale tirrenica, come sempre», conferma Massari. 
E proprio «Parma e il suo territorio» s’intitolava una delle collane della vecchia Diabasis: «In quella collana abbiamo pubblicato volumi fondamentali, basti pensare a quello di Moreau de Saint-Méry curato da Carla Corradi Martini. La collana ha avuto una sospensione ma vorremmo continuarla», dice Massari, che in conclusione ricorda Alessandro Scansani: «Ha lasciato un grande vuoto; era una fucina di idee, era entusiasta, era un uomo che non si fermava mai, aveva contatti straordinari. Se tutto ciò continua, continua per non disperdere questa esperienza». 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Rainews24, la sedia si rompe e il professore cade a terra

Televisione

Rainews24, la sedia si rompe e il professore cade a terra

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

"Maggiore: nessuna soppressione, solo una riorganizzazione"

Smentita la chiusura dei reparti al Maggiore

Ospedale

"Maggiore: nessuna soppressione, solo una riorganizzazione"

L'Ospedale risponde al nostro articolo

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

4commenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: Pareggio del Bassano; Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

3commenti

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

7commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

2commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

12commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

Piemonte

Valanga: un morto e due feriti

SOCIETA'

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video