15°

29°

Arte-Cultura

"Diabasis sempre più legata a Parma"

"Diabasis sempre più legata a Parma"
Ricevi gratis le news
0
di Lisa Oppici
E' un pezzo importante dell’editoria locale, vent’anni di storia targati Reggio Emilia ma legati a filo doppio con Parma, in una sorta di autostrada lastricata di libri.  
Diabasis, la casa editrice fondata nel 1988 da Alessandro Scansani (scomparso lo scorso aprile) e Giuliana Manfredi, non muore.  Al contrario, rinasce: e in questa rinascita c’è tanto di Parma, a testimoniare un legame profondo capace di andare al di là dei campanili. 
Rinasce partendo dalla sua identità forte (quella di una casa editrice attenta al suo territorio e alla storia - alla vita - di questo, ma aperta al mondo), dal patrimonio di cultura che ha saputo costruire in questi anni, da un catalogo di centinaia di titoli che costituisce una base solida e «di peso» per poter riprendere a camminare. 
Dopo la liquidazione, Diabasis è pronta a rimettersi in marcia grazie a una nuova società, la Diaroads srl, che ha molte sponde nostrane: dal presidente Mauro Massa, direttore delle relazioni esterne di Chiesi Farmaceutici, al consigliere d’amministrazione Umberto Squarcia  a Giuseppe Massari, già colonna parmigiana della vecchia Diabasis. 
«È tutto qui: un gruppo di persone ha deciso di ''non dimenticare'' il catalogo di Diabasis. Nel percorso di liquidazione della vecchia Diabasis – spiega Massari - questo gruppo ha posto come condizione l’acquisto del catalogo, che è un bene importante in senso economico ma soprattutto in senso culturale. Da quel catalogo ripartiamo, con l’idea di continuare quella linea culturale». 
Diaroads dovrebbe fungere da «traghettatrice» verso la nuova Diabasis, che dovrebbe assumere la struttura di una public company. 
«Si stanno raccogliendo le sottoscrizioni, e devo riconoscere che l’interesse è tanto», continua Massari, che delle persone impegnate per la rinascita della casa editrice dice: «Ho trovato Umberto Squarcia, Giuliana Manfredi e altri amici, e ho visto il presidente Massa particolarmente determinato, molto piacevolmente sorpreso da questo catalogo di cui condivide il sostrato culturale». 
Tanta Parma, ancora: «È una casa editrice che da Parma ha preso molto: della Parma cosmopolita – osserva Massari -, che non è solo Parma ma anche qualcosa di più. C’è un innamoramento verso  questa Parma che è quella dell’Officina, ma anche quella dossettiana e riformista, non fracassona né rumorosa. Ora credo che Diabasis sarà anche più parmigiana di prima, naturalmente fermo restando che l’orizzonte cui si punta è nazionale. Parmigiana nei nomi, nelle idee, nei contributi intellettuali. Parma dice ancora moltissimo». 
E c’è chi ipotizza addirittura un trasferimento della sede proprio a Parma. La parola d’ordine con cui guardare al futuro è «continuità».
Una continuità dinamica, non senza qualche spruzzata di novità: per stare al passo con i tempi, proporsi al meglio al pubblico e trovare il giusto spazio in un mercato che nel complesso è in sofferenza. 
«Il legame con i collaboratori storici e con i direttori di collana resta sostanzialmente tal quale, con qualche innesto. Sulle collane faremo ordine, mantenendo comunque le anime fondamentali: filosofia, geografia del territorio anche applicata alla politica, narrativa... Abbiamo già in testa i prossimi volumi, tra cui l’opera omnia di Italo Podestà e la riedizione di un libro fondamentale sulla Resistenza, ''Dal Ventasso al Fuso'', di Mario Rinaldi e Massimiliano Villa. E se questi sono ancora progetti, un’uscita certa prossima già c’è: gli atti del grande convegno su Malerba di un paio d’anni fa». 
Altro elemento di continuità, l’attenzione al territorio.
 «Dal Po all’Emilia Nord-Ovest e alla dorsale tirrenica, come sempre», conferma Massari. 
E proprio «Parma e il suo territorio» s’intitolava una delle collane della vecchia Diabasis: «In quella collana abbiamo pubblicato volumi fondamentali, basti pensare a quello di Moreau de Saint-Méry curato da Carla Corradi Martini. La collana ha avuto una sospensione ma vorremmo continuarla», dice Massari, che in conclusione ricorda Alessandro Scansani: «Ha lasciato un grande vuoto; era una fucina di idee, era entusiasta, era un uomo che non si fermava mai, aveva contatti straordinari. Se tutto ciò continua, continua per non disperdere questa esperienza». 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti