21°

Arte-Cultura

"Diabasis sempre più legata a Parma"

"Diabasis sempre più legata a Parma"
Ricevi gratis le news
0
di Lisa Oppici
E' un pezzo importante dell’editoria locale, vent’anni di storia targati Reggio Emilia ma legati a filo doppio con Parma, in una sorta di autostrada lastricata di libri.  
Diabasis, la casa editrice fondata nel 1988 da Alessandro Scansani (scomparso lo scorso aprile) e Giuliana Manfredi, non muore.  Al contrario, rinasce: e in questa rinascita c’è tanto di Parma, a testimoniare un legame profondo capace di andare al di là dei campanili. 
Rinasce partendo dalla sua identità forte (quella di una casa editrice attenta al suo territorio e alla storia - alla vita - di questo, ma aperta al mondo), dal patrimonio di cultura che ha saputo costruire in questi anni, da un catalogo di centinaia di titoli che costituisce una base solida e «di peso» per poter riprendere a camminare. 
Dopo la liquidazione, Diabasis è pronta a rimettersi in marcia grazie a una nuova società, la Diaroads srl, che ha molte sponde nostrane: dal presidente Mauro Massa, direttore delle relazioni esterne di Chiesi Farmaceutici, al consigliere d’amministrazione Umberto Squarcia  a Giuseppe Massari, già colonna parmigiana della vecchia Diabasis. 
«È tutto qui: un gruppo di persone ha deciso di ''non dimenticare'' il catalogo di Diabasis. Nel percorso di liquidazione della vecchia Diabasis – spiega Massari - questo gruppo ha posto come condizione l’acquisto del catalogo, che è un bene importante in senso economico ma soprattutto in senso culturale. Da quel catalogo ripartiamo, con l’idea di continuare quella linea culturale». 
Diaroads dovrebbe fungere da «traghettatrice» verso la nuova Diabasis, che dovrebbe assumere la struttura di una public company. 
«Si stanno raccogliendo le sottoscrizioni, e devo riconoscere che l’interesse è tanto», continua Massari, che delle persone impegnate per la rinascita della casa editrice dice: «Ho trovato Umberto Squarcia, Giuliana Manfredi e altri amici, e ho visto il presidente Massa particolarmente determinato, molto piacevolmente sorpreso da questo catalogo di cui condivide il sostrato culturale». 
Tanta Parma, ancora: «È una casa editrice che da Parma ha preso molto: della Parma cosmopolita – osserva Massari -, che non è solo Parma ma anche qualcosa di più. C’è un innamoramento verso  questa Parma che è quella dell’Officina, ma anche quella dossettiana e riformista, non fracassona né rumorosa. Ora credo che Diabasis sarà anche più parmigiana di prima, naturalmente fermo restando che l’orizzonte cui si punta è nazionale. Parmigiana nei nomi, nelle idee, nei contributi intellettuali. Parma dice ancora moltissimo». 
E c’è chi ipotizza addirittura un trasferimento della sede proprio a Parma. La parola d’ordine con cui guardare al futuro è «continuità».
Una continuità dinamica, non senza qualche spruzzata di novità: per stare al passo con i tempi, proporsi al meglio al pubblico e trovare il giusto spazio in un mercato che nel complesso è in sofferenza. 
«Il legame con i collaboratori storici e con i direttori di collana resta sostanzialmente tal quale, con qualche innesto. Sulle collane faremo ordine, mantenendo comunque le anime fondamentali: filosofia, geografia del territorio anche applicata alla politica, narrativa... Abbiamo già in testa i prossimi volumi, tra cui l’opera omnia di Italo Podestà e la riedizione di un libro fondamentale sulla Resistenza, ''Dal Ventasso al Fuso'', di Mario Rinaldi e Massimiliano Villa. E se questi sono ancora progetti, un’uscita certa prossima già c’è: gli atti del grande convegno su Malerba di un paio d’anni fa». 
Altro elemento di continuità, l’attenzione al territorio.
 «Dal Po all’Emilia Nord-Ovest e alla dorsale tirrenica, come sempre», conferma Massari. 
E proprio «Parma e il suo territorio» s’intitolava una delle collane della vecchia Diabasis: «In quella collana abbiamo pubblicato volumi fondamentali, basti pensare a quello di Moreau de Saint-Méry curato da Carla Corradi Martini. La collana ha avuto una sospensione ma vorremmo continuarla», dice Massari, che in conclusione ricorda Alessandro Scansani: «Ha lasciato un grande vuoto; era una fucina di idee, era entusiasta, era un uomo che non si fermava mai, aveva contatti straordinari. Se tutto ciò continua, continua per non disperdere questa esperienza». 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY SERIE B LA VITTORIA CONTRO IL FLORENTIA FUNESTATA DA UN GRAVISSIMO EPISODIO

Amatori, Belli colpito da un pugno:

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

14commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

39commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

1commento

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

SOCIAL NETWORK

Motocross: impressionanti acrobazie Video

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro