Arte-Cultura

Lezione di speranza

Lezione di speranza
0

di Rita Guidi

E’anche nel sorriso di nipoti e pronipoti, la forza dei suoi novant’anni: non (inutile) tensione di muscoli ma sforzo intellettuale, imperativo morale. Un prezioso bagaglio di saggezza che diventa assai più  di una «lettera» alle giovani generazioni.
 Questo «A un giovane italiano» (Rizzoli, 128 pagg., 14 euro) di Carlo Azeglio Ciampi è  un affettuoso (e preoccupato) passaggio del testimone; una riflessione che diventa un partecipe appello ai ragazzi di oggi. Con lo sguardo di un padre (che è stato Presidente – del Consiglio e della Repubblica, oltre che Governatore della Banca d’Italia ), con l’esperienza di un nonno (anagraficamente, ce lo concederà) al quale gli anni hanno regalato la saggezza di come guardare al futuro, Ciampi interpreta per i giovani i grandi fatti della più recente storia, e poi affida loro il presente. Un orizzonte da vivere da protagonisti attivi, forti di poche certezze da difendere nel groviglio liquido e ingannevole di mille difficoltà. 
Non esita a tracciare una cupa similitudine, del resto, Ciampi, tra quel mondo di macerie del dopoguerra che lo vedeva poco più  che ventenne, e la – ben peggiore – distruzione del tessuto sociale e delle fondamenta etiche di quello attuale. 
«...Un indecente cocktail in cui tutto è irrilevante ed eccezionale nello stesso tempo – scrive l’autore, citando un dialogo tra Claudio Magris e Giulio Ferroni, nelle note introduttive – in cui trionfa una convertibilità di ogni cosa in ogni altra che investe la persona umana e in cui cade ogni distinzione tra zapping di sciocchezze, arte, pubblicità, imbonimento, escort e reliquie di Padre Pio. Viviamo nella società dell’indifferenza e dell’insignificanza». 
Di più. Viviamo in una società confusa («Un tempo un giovane cercava la compagnia dell’adulto in grado di farlo sortire dal suo stato di adolescente. Oggi tale promozione è temuta, sono piuttosto gli adulti che imitano gli adolescenti»); in un clima di indegnità e inettitudine politica («in politica vivere alla giornata è morire all’imbrunire»); in una crisi sistemica, gravata (e in parte causata) da «soggetti che hanno fatto della finanza (quella finanza che dai manuali di economia apprendemmo essere al servizio della produzione, dello scambio, dello sviluppo) la foresta dove appagare appetiti ferini, dove impera la legge non scritta del cinismo, del disprezzo di ogni valore che non sia quello del guadagno». 
La radice di un guasto che non è solo recente, certo. Ciampi ricorda la mancata gestione del cambiamento, gli ideali confusi del Sessantotto, addirittura un 8 settembre che non si è mai davvero ricomposto nel rancoroso e fragile suolo d’Italia. 
Eppure... Eppure – oggi come nel ’45 – vede negli occhi e nell’energia dei giovani, (nondimeno che nel grido nuovo degli indignati) la possibilità (contro tutte le previsioni, contro tutti i no) di cambiare, di ricostruire. La vita è «res severa», ma «tu, giovane amico, puoi farcela», insiste, «se non ti spaventa l’impegno, se vorrai e saprai mobilitare le tue risorse di intelligenza, volontà, coraggio, forza morale (...) Non aver paura di osare, non permettere alla rassegnazione di fermare i tuoi passi, non imboccare scorciatoie o vie traverse. Non sacrificare la tua dignità». 
Del resto è quella la strada di sempre, «i valori essenziali per l’essere umano (che qui non sono quelli dell’economia)», dopo le bombe e i totalitarismi del secondo conflitto, come nella bufera di oggi, della vita e della storia. «Libertà, uguaglianza, comunità, solidarietà, rispetto, dignità – insiste Ciampi definendole «parole chiavi ricorrenti» in questa sua intensa riflessione – sono disposte come fili dell’ordito; servono a disegnare il tessuto della società». 
Sempre, ovunque, in ogni situazione: per questo vorrebbe un’Europa più  solidale (altrimenti che unione è?), e soffre (come anni fa gli italiani) le sofferenze e lo sfruttamento degli immigrati. Per questo scrive e ci scrive. Perché se «novant’anni sono molti per continuare a nutrire fiducia; eppure non posso dirmi pessimista»: il sorriso dei suoi nipoti, dei nostri bambini, dovrebbe (ri)cominciare a guidarci. 
A un giovane italiano - Rizzoli, pag. 128 14,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Palazzo Chigi: Renzi parlerà a mezzanotte

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città successo dei Sì per pochi voti

55 sezioni su 470: 52.50 il No. In città Si al 50.33%

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

7commenti

Amatori Rugby Parma

Beppe Carra: "Non ci basta: vogliamo altre vittorie" Intervista

II capitano commenta l'importante successo, il primo casalingo, contro Livorno - Esplode la festa in campo e negli spogliatoi (guarda le foto)

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

13commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)