Arte-Cultura

A Parma in maschera dal 1200

A Parma in maschera dal 1200
Ricevi gratis le news
0

 Pur con qualche difficoltà dovuta alla neve, anche quest’anno il Carnevale è decollato in città e soprattutto nella provincia: ai festeggiamenti in grande stile, come la sfilata tradizionale di Busseto, si affiancano quasi in ogni paese e, direi, anche nei quartieri cittadini, iniziative volte a rinnovare uno dei più antichi divertimenti. 

Il Carnevale trae origine dagli antichi Saturnali, e una volta prendeva un arco temporale più ampio; ma da sempre l’apice dei festeggiamenti è nella settimana che precede il cosiddetto «martedì grasso», cioè il giorno prima del mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima. 
Un tempo, alla mezzanotte del martedì, dovevano terminare i festeggiamenti carnevaleschi, e i frati giravano annunciando che ormai doveva iniziare la penitenza.
Le più antiche notizie sul Carnevale a Parma le fornisce il cronista Salimbene de Adam (1221-1289), il quale afferma che i nobili davano tornei e giostre nel Prato, dove poi fu costruito il convento di San Francesco, mentre anche il popolo e la plebe si davano a folleggiamenti. Inoltre sappiamo di «trastulli» tenuti nel 1318, che si svolgevano annualmente. 
Tali divertimenti, spesso sfrenati, prevedevano balli, feste e cortei mascherati, purtroppo molto spesso scurrili: infatti vi partecipavano anche,  come comparse, «pubbliche meretrici». Annota l’Affò nel IV volume  della sua Storia di Parma (pp. 216-218), che ciò avveniva a fin di bene, in quanto col ricavato dei giochi che si facevano in tali circostanze, si comprava loro una dote per aiutarle a lasciare il mestiere. 
In queste mascherate venivano irrisi i potenti e il clero; si organizzavano cortei mascherati, fra cui quello dell’Imperatore e dell’Imperatrice; quello del Re e della Regina; un altro era quello del Papa e dei Cardinali;  un altro prevedeva una maschera
 indecente di Abate corrotto; da  «Porta Parma» provenivano i lazzi di un certo Velo da Montano e di sua moglie. 
L’Affò ricorda pure che fece da Regina una famosa meretrice milanese, mentre interpretò l’Imperatrice una sua collega padovana, che gabbò tutti, perché, dopo aver intascato il premio con la falsa promessa di vivere cristianamente, «colle tasche piene se ne tornò in breve al postribolo» (la prima, invece, si sposò a un «uomo dabbene»). 
Si legge che tali mascherate si ripeterono anche nel 1327, ma dobbiamo pensare che col tempo degenerassero, in quanto nel 1346 negli Statuti di Luchino Visconti, si proibirono tali gozzoviglie «contrarie all’onore e alla riverenza dovuta a Dio, e grandemente peccaminose».
L'abitudine di mascherarsi, poi, non era riservata al solo Carnevale: i balli in maschera erano uno dei divertimenti preferiti delle classi nobiliari, e allietavano le corti signorili.
 Ne resta traccia anche in opere letterarie, come il poemetto Filogine del poeta parmigiano Andrea Bajardi, scritto alla fine del XV secolo e pubblicato per la prima volta nel 1507 (con numerose ristampe) in cui sono descritti balli in maschera dati in occasione della venuta del Re di Francia.
Sotto le maschere, senza timore di essere riconosciuti, i facinorosi potevano celare facilmente violenze e abusi, cosicché si capisce come ricorra costantemente nei governanti la preoccupazione di prevenire tali fenomeni; nel 1687 Ranuccio II proibì l’uso di maschere; nel Settecento varie «gride» proibivano di indossare abiti ecclesiastici o militari, di riunirsi in più di 12 mascherati, di presentarsi in pubblico travestiti o truccati. 
Una «grida» del febbraio 1729 concedeva l’uso della maschera solo nel vicolo che conduceva al Teatro, ma imponeva «con lume e senza armi».
 Nel Carnevale si tenevano anche rappresentazioni teatrali; ad esempio, il 22 febbraio 1569, ultimo giorno di Carnevale, fu recitata dall’Accademia degli Amorevoli nel palazzo di Gian Francesco Sanseverino, duca di Colorno, la commedia di Niccolò Secchi Gli Inganni, con intermezzi musicali, in cui compare addirittura una maschera raffigurante Parma.
Nel XVI-XVII secolo fiorì la commedia popolare, o «dell’arte», che ebbe successo con le maschere: le principali erano i due Zanni, Pantalone, il Dottore, cui via via se ne aggiunsero altre, alcune delle quali prettamente locali. 
Ogni città aveva la sua maschera caratteristica; come e quando sia nata l’attuale maschera di Parma, Dsévod, non è chiaro: il Bocchia , nella sua Drammatica a Parma, cita un «Dissevedo» che però è di origine bolognese («di Malalbergo»), mentre nel 1774, nella compagnia comica del Salvati costituita per ordine sovrano, compare, tra gli attori, un «Dissevido», e nel 1806 nei documenti del Collegio dei Nobili, c'è «un costume da Dissevido». 
Quali che siano le sue origini, la maschera del Dsévod è stata riscoperta e portata alla notorietà dalla «Famija Pramzana», benemerito sodalizio cittadino (un indimenticabile Dsévod è stato il presidente, recentemente scomparso, Ubaldo Grassi). 
I vari teatri si aprivano per veglioni e recite, o spettacoli musicali: il Teatro Ducale, in legno, era nella zona dell’attuale Via Melloni; c'era inoltre il Teatro della Racchetta, che passò ai Sanvitale; oltre al Farnese esisteva pure un piccolo teatrino di corte. 
A questi si aggiungeva il Teatrino del Collegio dei Nobili, che presentava spettacoli allestiti e recitati dagli stessi convittori: nel 1706 vi fu dato L’Aderbale, tragedia rappresentata «dai signori convittori delle Camerate di S. Anna e di S. Giuseppe nel corrente Carnevale», mentre nel Carnevale del 1712 si ebbe L’Adelaide, a cura dei convittori delle camerate di S. Giovanni Battista e di S. Carlo; nel 1725, invece, fu la volta dell’Abdolomino, da parte «dè signori delle camerate piccole».
Sotto i Borbone, tra l’altro, Carlo Goldoni ebbe nel 1756 l’incarico di scrivere tre commedie per musica (La Buona figliuola; il Festino e i Viaggiatori ridicoli), che furono rappresentate, riscuotendo molto successo, nella stagione del Carnevale. 
Nell’Ottocento e nel primo Novecento il Teatro Regio, fatto costruire da Maria Luigia, ospitava in tale periodo non solo opere liriche, ma anche anche veglioni danzanti. 
Famosi erano inoltre i veglioni carnevaleschi (serali per gli adulti e pomeridiani per i bambini), organizzati dal Circolo di Lettura, fondato nel 1858 e punto di riferimento per la migliore società parmense.
ANNA CERUTI BURGIO
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Parma-Cesena: occasioni per i crociati ma ancora niente gol

STADIO TARDINI

Parma-Cesena: occasioni per i crociati ma niente gol Foto

Il primo tempo finisce 0-0. Crociati a un passo dal gol con Di Gaudio e Scavone. Scintille in campo fra Scozzarella e Jallow

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

PISA

Capotreno aggredito e due agenti di polizia feriti: fermati 4 minorenni

2commenti

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande