17°

Arte-Cultura

I colori dell'esotismo

I colori dell'esotismo
0

di Stefania Provinciali

Inizia al di là dell’Adriatico il lungo viaggio verso Oriente della pittura italiana tra Otto e Novecento nella mostra a Palazzo Magnani di Reggio Emilia, per raccontare visivamente le emozioni e le suggestioni di un genere che coinvolse le arti. Come lo stesso titolo suggerisce «Incanti di terre lontane. Hayez, Fontanesi e la pittura italiana tra Otto e Novecento», ampio spazio è dato, per ragioni diverse, ai due pittori che narrarono l’uno l’Oriente «immaginato» l’altro il Giappone vissuto in prima persona, inseriti in un percorso attentamente studiato. Prima fu l’Oriente vicino, l’esotismo e la seduzione degli hammam e degli harem, le palme, i minareti ma anche i deserti popolati di beduini e cammelli o i colori delle città del Magreb. Non a caso, dunque, la mostra a cura di Emanuela Angiuli e Anna Villari, visibile fino al 29 aprile (catalogo Silvana Editoriale) inizia con alcuni dipinti del parmigiano Alberto Pasini che attraversa lo stretto sul Bosforo e giunge al Corno d’Oro per spingersi, poi, nel deserto, fra carovane che si preparano alla partenza e beduini a dorso di cammello. La sua pittura, fatta di meditati rapporti luministici, suggerisce una narrazione solo all’apparenza semplice nella composizione, in realtà ricca di «voci» e colore, di luci e suggestioni.
C’è poi l’altro parmigiano, Roberto Guastalla, il «Pellegrino del sole», che percorse carovaniere e terre sconosciute, tradotte in una vasta produzione pittorica. Sulle strade d’Oriente oltre a tavolozza, cavalletto e pennelli, l’artista porta con sé anche uno strumento nuovo, la macchina fotografica. Il percorso prosegue fra le città e gli incontri, ricchi di volti, dalla Donna araba alla fontana, del toscano Stefano Ussi, che subito dopo l’apertura del Canale di Suez, lavorò per il Pascià prima di trasferirsi in Marocco dove divenne il pittore degli «attimi vissuti», all’Arabo in preghiera del napoletano Domenico Morelli, che, senza mai aver messo piede nei territori d’oltremare, descrisse velate odalische, figure di arabi, mistiche atmosfere di preghiere a Maometto, interpretate in una sorta di contaminazione fra realtà ed immaginario. Al fascino della scoperta che si fa suggestiva visione di mondi «altri», soggiacquero Eugenio Zampighi, Pompeo Mariani, Augusto Valli, Giulio Viotti, Achille Glisenti, Giuseppe Molteni ed altri artisti, a conferma della trasversalità e del dilagare in tutta la penisola di un’attrazione fatale. Visioni esotiche soffuse di raffinato erotismo si ritrovano anche negli olii scenografici di Fabio Fabbi, del siciliano Ettore Cercone e del pugliese Francesco Netti. Quest’ultimo in particolare, di ritorno da un viaggio in Turchia, si dedicò alla produzione di opere orientaliste di tono intimista. In questo contesto il veneziano Francesco Hayez, si impone per la resa tattile della sua pittura votata ad un romanticismo dai tratti accademici ma non operante abitualmente all’interno di questa tematica. Di Hayez si possono ammirare l’Odalisca della Pinacoteca di Brera, la Ruth delle Collezioni Comunali di Bologna e Un’odalisca alla finestra di un Harem di collezione privata. Una attenzione peculiare la mostra riserva, ad Antonio Fontanesi, reggiano di nascita, che, tra il 1876 e il 1878, venne chiamato, insieme al altri artisti italiani, ad insegnare alla neo-fondata Accademia di Belle Arti d Tokyo, restituendo immagini disegnate e dipinte del Giappone interpretate con squisito linguaggio lirico.
Nella ricca produzione pittorica di questo artista le opere di soggetto orientale non sono che poche unità: tre dipinti, tra cui uno non ultimato e alcuni disegni a matita, raccolti per la prima volta in una mostra. Emerge quello che si può considerare l’aspetto più significativo di questa pittura che, pur non incidendo nel percorso formale dell’artista, è espressione di una intensa consonanza con alcuni elementi della poetica e dell’estetica giapponese nel rapporto uomo - natura e nell’intesa culturale. La mostra si chiuse con alcune note pittoriche legate al favoloso Siam di Galileo Chini e di Salvino Tofanari che con lui aveva già lavorato a Firenze e che qui venne incantato dalla flessuose danzatrici dell’isola di Giava. Da citare Le fumatrici d’ oppio di Gaetano Previati, acquerello di straordinaria intensità dove la dimensione fantastica elabora l’intensità del reale e la visione stilistica evidenzia i «filamenti materici» propri delle sue opere future. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia