21°

31°

Arte-Cultura

I colori dell'esotismo

I colori dell'esotismo
0

di Stefania Provinciali

Inizia al di là dell’Adriatico il lungo viaggio verso Oriente della pittura italiana tra Otto e Novecento nella mostra a Palazzo Magnani di Reggio Emilia, per raccontare visivamente le emozioni e le suggestioni di un genere che coinvolse le arti. Come lo stesso titolo suggerisce «Incanti di terre lontane. Hayez, Fontanesi e la pittura italiana tra Otto e Novecento», ampio spazio è dato, per ragioni diverse, ai due pittori che narrarono l’uno l’Oriente «immaginato» l’altro il Giappone vissuto in prima persona, inseriti in un percorso attentamente studiato. Prima fu l’Oriente vicino, l’esotismo e la seduzione degli hammam e degli harem, le palme, i minareti ma anche i deserti popolati di beduini e cammelli o i colori delle città del Magreb. Non a caso, dunque, la mostra a cura di Emanuela Angiuli e Anna Villari, visibile fino al 29 aprile (catalogo Silvana Editoriale) inizia con alcuni dipinti del parmigiano Alberto Pasini che attraversa lo stretto sul Bosforo e giunge al Corno d’Oro per spingersi, poi, nel deserto, fra carovane che si preparano alla partenza e beduini a dorso di cammello. La sua pittura, fatta di meditati rapporti luministici, suggerisce una narrazione solo all’apparenza semplice nella composizione, in realtà ricca di «voci» e colore, di luci e suggestioni.
C’è poi l’altro parmigiano, Roberto Guastalla, il «Pellegrino del sole», che percorse carovaniere e terre sconosciute, tradotte in una vasta produzione pittorica. Sulle strade d’Oriente oltre a tavolozza, cavalletto e pennelli, l’artista porta con sé anche uno strumento nuovo, la macchina fotografica. Il percorso prosegue fra le città e gli incontri, ricchi di volti, dalla Donna araba alla fontana, del toscano Stefano Ussi, che subito dopo l’apertura del Canale di Suez, lavorò per il Pascià prima di trasferirsi in Marocco dove divenne il pittore degli «attimi vissuti», all’Arabo in preghiera del napoletano Domenico Morelli, che, senza mai aver messo piede nei territori d’oltremare, descrisse velate odalische, figure di arabi, mistiche atmosfere di preghiere a Maometto, interpretate in una sorta di contaminazione fra realtà ed immaginario. Al fascino della scoperta che si fa suggestiva visione di mondi «altri», soggiacquero Eugenio Zampighi, Pompeo Mariani, Augusto Valli, Giulio Viotti, Achille Glisenti, Giuseppe Molteni ed altri artisti, a conferma della trasversalità e del dilagare in tutta la penisola di un’attrazione fatale. Visioni esotiche soffuse di raffinato erotismo si ritrovano anche negli olii scenografici di Fabio Fabbi, del siciliano Ettore Cercone e del pugliese Francesco Netti. Quest’ultimo in particolare, di ritorno da un viaggio in Turchia, si dedicò alla produzione di opere orientaliste di tono intimista. In questo contesto il veneziano Francesco Hayez, si impone per la resa tattile della sua pittura votata ad un romanticismo dai tratti accademici ma non operante abitualmente all’interno di questa tematica. Di Hayez si possono ammirare l’Odalisca della Pinacoteca di Brera, la Ruth delle Collezioni Comunali di Bologna e Un’odalisca alla finestra di un Harem di collezione privata. Una attenzione peculiare la mostra riserva, ad Antonio Fontanesi, reggiano di nascita, che, tra il 1876 e il 1878, venne chiamato, insieme al altri artisti italiani, ad insegnare alla neo-fondata Accademia di Belle Arti d Tokyo, restituendo immagini disegnate e dipinte del Giappone interpretate con squisito linguaggio lirico.
Nella ricca produzione pittorica di questo artista le opere di soggetto orientale non sono che poche unità: tre dipinti, tra cui uno non ultimato e alcuni disegni a matita, raccolti per la prima volta in una mostra. Emerge quello che si può considerare l’aspetto più significativo di questa pittura che, pur non incidendo nel percorso formale dell’artista, è espressione di una intensa consonanza con alcuni elementi della poetica e dell’estetica giapponese nel rapporto uomo - natura e nell’intesa culturale. La mostra si chiuse con alcune note pittoriche legate al favoloso Siam di Galileo Chini e di Salvino Tofanari che con lui aveva già lavorato a Firenze e che qui venne incantato dalla flessuose danzatrici dell’isola di Giava. Da citare Le fumatrici d’ oppio di Gaetano Previati, acquerello di straordinaria intensità dove la dimensione fantastica elabora l’intensità del reale e la visione stilistica evidenzia i «filamenti materici» propri delle sue opere future. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Parma al voto: domani si decide il prossimo sindaco

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse