-2°

Arte-Cultura

Medioevo e archeologia a Parma

Medioevo e archeologia a Parma
0

 Dopo l’uscita di «Parma medievale. Poteri e istituzioni», MUP Editore prosegue l’imponente opera editoriale Storia di Parma con il secondo tomo del dittico dedicato al Medioevo. «Parma medievale. Economia, società, memoria» – questo il titolo della nuova uscita – è il quarto volume dell’opera che si concluderà nel 2017 in occasione dei festeggiamenti per i 2200 anni dalla fondazione della città. «Parma medievale. Economia, società, memoria» ripercorre il periodo medievale di Parma analizzando l’evoluzione e lo sviluppo della città: i dodici saggi si muovono tra l’analisi della popolazione e del territorio, l’economia, gli enti assistenziali, i conflitti e la vita nei castelli del parmense. Pubblichiamo a seguire un estratto del saggio «Parma, il Medioevo e l’archeologia» di Sauro Gelichi.

 
 Si potrebbe pensare che un accesso archeologico alla storia medievale di Parma e del suo territorio sia un fatto recente; e invece non è così. Una stagione, troppo a lungo dimenticata, quella del Positivismo, ha visto infatti alcune città emiliane, tra cui Parma, emergere per la qualità dell’approccio archeologico alla storia del proprio territorio e per un’avvertita attenzione anche nei confronti dei contesti di epoca medievale. Inoltre, Parma può vantare, tra i suoi figli, uno dei protagonisti di quella stagione, cioè il Pigorini, noto soprattutto per le sue ricerche sulle Terramare, ma, in più di una circostanza, anche indagatore attento del medioevo. Infatti, fu proprio in occasione delle sue ricerche sulla civiltà terramaricola che il Pigorini ebbe l’occasione di scavare contesti di età medievale e di studiare, anche in questo caso da pioniere, manufatti tipici di quel periodo, come i vasi di pietra ollare. 
Di quella stagione di studi, e di quel periodo, restano alcuni fondamentali suoi contributi, tra cui un articolo dedicato alle ‘palafitte barbariche’ rinvenute a Fontanellato (suo paese natale). Finita quella stagione, però, l’interesse per un medioevo scavato diminuì anche nel Parmense, riaffiorando nel tempo in occasione di scoperte ‘eccezionali’, come quella della ricca sepoltura femminile di epoca longobarda di Borgo della Posta; o come il ritrovamento, di fronte alla cattedrale romanica, dei resti di un più antico edificio (la chiesa episcopale paleocristiana?), del quale si conservavano pregiati lacerti musivi, uno dei quali con una iscrizione dedicatoria del committente. Solo negli ultimi trenta anni la ricerca archeologica si è mossa con maggiore incisività ed efficacia sulla città e sul territorio, attenta sempre di più anche alle stratificazioni e ai depositi di epoca post-antica. Questa attività ha consentito di individuare e scavare molti contesti insediativi (sia urbani che rurali) e piccoli e medi cimiteri di epoca longobarda (come ad esempio quello di Collecchio).
Molti materiali sono emersi da questi scavi. In particolare in alcune sepolture di epoca longobarda sono stati trovati spesso oggetti di abbigliamento personale (come la preziosa cintura multipla in ferro ageminato dalla pieve di Sasso) o di corredo (pettini, coltelli, collane, cinture multiple in ferro ageminato e bronzo, talvolta anche armi come scramasax). Questi ed altri ritrovamenti hanno ricollocato, al centro del dibattito, alcuni dei tematismi più significativi della storia alto-medievale e medievale di Parma: la datazione delle mura (un solo circuito o più d’uno?) e il loro andamento durante i secoli; l’ubicazione della sede episcopale nel corso del tempo; il significato e le forme che assume la presenza longobarda a Parma.
 Purtroppo non si può dire che sempre le ricerche archeologiche siano state decisive nel chiarire definitivamente (in un senso o nell’altro) questi problemi.L’ubicazione della sede episcopale, ad esempio, continua a trovare in un’ambigua sequenza di documenti scritti, indicazioni e riferimenti che sembrano complicare più che semplificare il problema, costringendo gli archeologi a seguire (o tentare di spiegare) i continui ipotetici spostamenti del vescovo, piuttosto che dettare le ragioni (credo abbastanza inequivoche) del dato materiale. La stessa presenza longobarda in città, delegata alle sole evidenze cimiteriali, viene poi declinata in una forma certamente riduttiva. Essa, infatti, tende a lavorare più sulla distinzione (tra longobardi e non longobardi, ad esempio, oppure tra cristiani e pagani) che non sulla complessità: quella cioè di una società del primo alto-medioevo in forte trasformazione. Così, quasi tutte le aree cimiteriali alto-medievali scoperte in città diventano, per la semplice presenza di qualche oggetto di corredo, automaticamente ‘longobarde’ (e allora verrebbe da chiedersi dove seppellissero i ‘non longobardi’); e lo stesso succede anche nel territorio e, in particolare, in quei luoghi dove, sulla base delle fonti scritte, ci si aspetterebbe di trovare i longobardi, come nel caso di Monte Bardone (per quanto le fonti materiali, al momento, sembrino non comprovarla). E infine, anche il problema delle mura resta una vexata quaestio, che dall’età romana arriva diritta al pieno medioevo (unico periodo storico per il quale si posseggano dati certi circa l’andamento del circuito urbico). In realtà, anche in questo caso, forse l’eccesso di documenti materiali ma di bassa qualità (si tratta in molti casi di vecchie segnalazioni poco e male documentate) più che aiutarci a dirimere il problema, sembra contribuire a renderlo sempre meno comprensibile. 
Per concludere, ancora molto si deve fare, anche se siamo sulla buona strada, perché molta archeologia è stata prodotta (e di buona qualità intrinseca) negli ultimi anni: si tratta solo di costruire un’agenda che definisca obbiettivi e detti procedure idonee a raggiungerli. In questo modo è probabile che i tematismi a cui abbiamo fatto riferimento trovino una più giusta collocazione (o, meglio, che trovino nell’archeologia una sponda con cui dialogare proficuamente). Nel contempo, c’è da augurarsi che altri tematismi abbiano, a loro volta, maggior spazio e vengano meglio valorizzati: la vita quotidiana, la cifra economica di questa città nell’alto-medioevo (non è documentato ad esempio un porto?), i caratteri della sua struttura sociale non ne sono che alcuni. 
SAURO GELICHI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Guardia di Finanza

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

Parma

Tangenziale: code per lavori fra la Crocetta e via Baganzola

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

8commenti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Criminalità

Felino, il bar Jolly senza pace: quarto furto in dieci mesi

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

roma

Oggi fiducia sulla manovra e la direzione del Pd

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Nuoto

Federica Pellegrini d'oro: vince i 200 sl

Sport

Basket, conto alla rovescia per la Supercoppa

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio