-2°

Arte-Cultura

Il critico e i suoi amati artisti

Il critico e i suoi amati artisti
0

 di Pier Paolo Mendogni

 Non una pausa, non un calo di tensione nel lungo filo sottile di inquietudine, di malessere che brulica nella carne e nello spirito, che scava, corrode, si fa pulsione, spasimo fino a esplodere nell’immagine con intensa carica emotiva: filo che lega il centinaio di opere scelte per rendere omaggio a Giovanni Testori, critico fuori dagli schemi, scrittore, drammaturgo, poeta, pittore, personaggio di una straordinaria genialità e di profonde, sofferte passioni. Le sue scelte critiche non sono mai state scontate né ovvie avendo dissacrato dei miti e avendo scoperto o riscoperto artisti tutti segnati da un forte impatto umano, emotivo come i «pestanti», i pittori i del periodo della peste protagonisti della famosa mostra sul Seicento lombardo a Palazzo Reale a Milano fino a Francis Bacon quando in Italia era uno sconosciuto. Artisti amati e raccontati che Claudio Spadoni è riuscito magistralmente a «radunare» al Museo d’arte di Ravenna (fino al 17 giugno) con ben 120 opere nella coinvolgente rassegna «Testori e la grande pittura europea. Miseria e splendore della carne», corredata dall’intelligente catalogo della Silvana Editoriale in cui ogni dipinto è accompagnato da un significativo stralcio degli scritti di Testori. I «nomi richiamo» di Caravaggio, Courbet, Giacometti e Bacon offrono un’indicazione degli interessi critici di «el Testùr», come lo chiamava Longhi, e sono una traccia del percorso scandito cronologicamente. Ad aprirlo è lui, clamorosamente, seduto al centro di una vasta tela di Varlin (Apocalisse m. 2,65 x 5) accesa di veloci frammenti neoespressionistici con un prosperoso angelo femminile sorgente dai gigli. Gaudenzio Ferrari è uno degli artisti riscoperti e a lui ha attribuito l’esposta «Crocefissione» di una disarmante semplicità e di un realismo che si accentua nel rustico Cristo crocifisso del Romanino con una paesana Maddalena e nel «San Girolamo» raggrinzito dalle penitenze del Foppa. Un casto, imberbe «S. Antonio da Padova» di Tanzio da Varallo introduce i pestanti e dello stesso Tanzio è «La battaglia di Sennacherib» «capolavoro supremo, uno dei raggiungimenti più sconcertanti, inauditi e propulsori» da paragonare alla «Zattera della Medusa» di Géricault; la «Maddalena» di Francesco Cairo e il «S. Francesco» del Morazzone hanno il volto contratto in uno spasimo di sensuale misticismo. I personaggi di Fra Galgario sono di un realismo così fresco, immediato da trasmettere ciò che emanano «profumi, certo, ma anche odori, concordie; lezzi invece che olezzi» siano fanciulli di borgata o il «duro e testardo Bruntino....cosciente e amaro per le fregature infinite della vita» mentre il Pitocchetto descrive i suoi personaggi con uno sguardo affettuoso. Tra i protagonisti francesi dell’Ottocento Testori è rimasto folgorato da Géricault e Courbet. «Genio disperato, cupamente sacro e luminoso» il primo morto giovanissimo (tre le sue opere); il secondo presenta tre paesaggi di un «romanticismo materico» «una sorta di panica precipitazione negli strati di fondi e nei più profondi spasimi del reale». Largo spazio viene dato agli artisti contemporanei con molti dei quali il critico ha instaurato rapporti di amicizia; a lui interessavano quelli che avevano una spiccata, autonoma personalità. Delle sculture di Marino Marini – Piccolo cavaliere – ammirava la cadenza solenne, fuori dal tempo, e il silenzio che la circondava. Un altro artista silenzioso è Francis Gruber «profeta dimenticato», morto a 36 anni; le sue nature morte sono denunce di un decadente mondo borghese, impietosamente descritto da Grosz e Otto Dix.  Soutine con la carnosa e carnale «Marie Lecomte» apre la serie delle figure: la statuaria donna classicheggiante di Sironi, la desolante sfiorita nudità della «Violette» di Vallorz, i sintetici personaggi di Giacometti ridotti a scarnificazioni materiche e spirituali. Diversi pittori hanno ritratto Giovanni Testori: Vallorz, Fetting, Sergio Vacchi in atteggiamento pensoso come Longhi, mentre lo spagnolo Jardel ha ritratto la madre. Tre splendide tragiche opere vogliono sottolineare lo spirito religioso dello scrittore: l’informale struggente «Croce» di Arnulf Rainer, la sconvolgente «Deposizione» di Mitsuuchi, l’atto d’amore della «Veronica» di Mimmo Paladino. Qualificata la presenza tedesca dei Nuovi Selvaggi che precedono le magiche esplorazioni naturalistiche di Sutherland e la piccola «personale» dedicata all’amico di una vita Ennio Morlotti con le bagnanti, le nature morte e i paesaggi cogliendone «vibrazioni e serpeggiare d’oscuri sensi che sono all’interno, della natura cioè come non appare, accendersi e spegnersi di riflessi e di luci, che son all’esterno». E Morlotti - insieme a Giacometti, Bacon, Cairo e Caravaggio - fa parte dei «magnifici cinque» che chiudono teatralmente il percorso. Bacon «svergognato, rimestatore e cantore dell’umano disastro» sconvolge con le urla laceranti dell’uomo dal cappello da militare. Caravaggio col «Ragazzo morso dal ramarro» colpisce per la realistica vivacità espressiva in cui si mischiano sorpresa, raccapriccio e dolore. Francesco Cairo emoziona con la stupefacente «Erodiade con la testa del Battista» in preda ad un conturbante deliquio dei sensi. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

2commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

2commenti

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

5commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

11commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Calcio

LegaPro in campo oggi, aspettando il Parma e la Reggiana Tempo reale: Pareggio Bassano; Venezia primo

Parma Calcio

Trasferta, Saporetti ci sarà. D'Aversa: "Nessun alibi anche nelle difficoltà"

CULTURA 

Archeologia

Restaurati 50mila metri quadrati di città a Pompei

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco