13°

Arte-Cultura

Entriamo nel collegio S. Orsola

Entriamo nel collegio S. Orsola
Ricevi gratis le news
0

di Manuela Bartolotti

Nei secoli, in molti - nobili e poveri, Papi e gente comune - hanno varcato la soglia seicentesca del Collegio S. Orsola di Parma, luogo che sabato 24 marzo, in occasione della Giornata Nazionale del Fai, verrà aperto al pubblico, insieme all’altro edificio di grande interesse storico-artistico che è la Certosa di Paradigna (sede del Csac). La casa madre delle Suore orsoline missionarie del Sacro Cuore, imponente e dall’austero stile gesuita, è stata recentemente ristrutturata nell’ala ovest per ospitare il rinnovato Pensionato universitario e sotto la supervisione della Soprintendenza Bsae è stato restaurato il Refettorio delle Educande, lasciando così emergere sotto la patina del tempo e le crepe lo splendore di affreschi che parevano dimenticati. E’ l’occasione per riscoprire i tesori spirituali e materiali di quest’edificio fondato nel 1676, dalle linee austere esternamente ma alleggerito dall’amplissima altana con la torre dell’orologio – da dove si gode uno dei panorami più alti e suggestivi della città -, aggraziato da un giardino interno dove domina una magnifica magnolia centenaria, alta come l’edificio, prezioso di opere d’arte distribuite in tutte le stanze e con ben cinque cappelle, una più interessante dell’altra.
La principale, da sempre il vero cuore del palazzo, con tre finestroni volti sul chiostro, ha una pianta centrale, rettangolare come la Chiesa gesuita di S. Rocco, è priva di coro e con stalli lignei lungo le pareti. La particolarità della Cappella sono però le pitture perimetrali con scene paesaggistiche e una finta balaustra dipinta, realizzate nel 1821 da Alessandro Timoteo Cocchi e Angelo Azzi su commissione di Luisa Maria Antonia di Borbone, al secolo Antonia Gioseffa di Borbone, figlia dei duchi Ferdinando e Amalia e figura fondamentale nella storia dell’edificio. E’ stata infatti la sua munificenza a rendere possibile l’abbellimento della Cappella nel 1821, a lei si deve la realizzazione della Solana, del Refettorio delle Educande e della Cappellina dei Martiri (1802). Sempre a questo periodo va riferito l’altare neoclassico della Cappella Maggiore, attiguo stilisticamente agli altari della chiesa di S. Liborio a Colorno. Nasconde i teschi delle Martiri compagne di S. Orsola donati dal Conte Cosimo Masi, che nel 1528 li aveva ricevuti dal Vescovo di Colonia, durante la sua permanenza nelle Fiandre come segretario di Alessandro Farnese. Altro oggetto di devozione e di pregio artistico è il Gesù Bambino  donato dal gesuita Padre Niccolò Zucchi alla priora (e seconda fondatrice della Congregazione) Vittoria Masi nel XVII sec. Nell’ancona sopra all’altare è collocato il «Martirio di S. Orsola» di Clemente Ruta (1723) commissionato «con le elemosine delle sorelle e la direzione del Conte Luigi Sanvitale che concorse anche nell’elemosina». Oltre alla Cappella principale dedicata a S. Orsola, patrona dell’Ordine, merita attenzione particolare la Cappella dell’Immacolata a piano terra, piccola e raffinata grazie al soffitto a doppia volta con l’inferiore forata, che richiama quello di Ferdinando Galli Bibbiena nella chiesa di S. Antonio Abate ed è probabilmente stata realizzata da Giovan Battista Bettoli nel 1723, quando a seguito di un disastroso terremoto nel 1721, terminarono i lavori di ricostruzione del fabbricato commissionati all’architetto reggiano Giovanni Maria Ferraroni.
La Cappella dei Martiri (1802) raccoglie numerose reliquie tra le quali quella della Vera Croce.Ai piani superiori si trovano le altre due piccole cappelle della Madonna di Savona (1856) e di S. Giuseppe o dell’Educandato (1760). Per il legame strettissimo con i Gesuiti, fin dall’inizio direttori spirituali delle Suore Orsoline, particolare e diffusa in molte testimonianze iconografiche è la venerazione per S. Ignazio di Loyola, S. Francesco Saverio, S. Luigi Gonzaga e S. Stanislao Kostka. Quasi una quadreria (con opere più o meno pregevoli dal XVI al XIX sec.) è la grande Sala dell’Annunciazione al primo piano, dove si accoglievano papi e sovrani (da ricordare in particolare Papa Pio VII, Maria Luigia d’Austria, Gioacchino Murat). Saltuariamente è ancora utilizzata per riunioni, incontri e concerti, mentre in un tempo non troppo lontano - le scuole sono state chiuse pochi anni fa - qui si svolgevano saggi e feste. Si può dire non vi sia stanza, cappella, corridoio in tutto questo edificio enorme che un tempo era completamente indipendente dal mondo esterno – persino dotato di tipografia propria – che non rechi testimonianze storico-artistiche più o meno significative. Le ultime ricerche, in gran parte basate su testimonianze d’archivio, hanno rintracciato molteplici interventi di artisti quali Alessandro Bernabei, Vincenzo Spisanelli, Antonio Bresciani, Giovanni Bolla, Giovan Battista Borghesi, Francesco Scaramuzza, tra i principali esponenti dell’arte parmigiana dal XVII al XIX secolo. Tutte queste nuove scoperte saranno poi consultabili su di un libro in corso di stampa che sarà presentato l’8 maggio prossimo proprio nel rinnovato Collegio S. Orsola.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mangiamusica:  Parmigiano e  Rolling Stones

Fidenza

Mangiamusica: Parmigiano e Rolling Stones Gallery

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Sciame sismico in Appennino, le scosse avvertite in tutta la provincia

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, almeno 13 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

4commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Incidente

Carambola fra tre auto in via Mantova, due feriti

Indaga la Polizia municipale

WEEKEND

Il Mercato del Forte, la torta di verze, November Porc a Zibello: l'agenda di domenica

Salso

Sfondano la vetrina e rubano capi firmati

Polizia

Raffica di furti negli appartamenti

Bici rubate e in attesa dei proprietari

Eccellenze

Il Parmigiano trionfa agli "Oscar del formaggio" a Londra

Risultato stellare: porta a casa 38 medaglie

1commento

POESIA

Zucchi tradotto da un giurato del Nobel

calcio

Parma, poker e primato

Lutto

L'addio di Rubbiano a Fabrizio Aguzzoli

LIRICA

Festival Verdi, numeri da record

FERROVIA

Fidenza-Cremona, treni al posto di due bus

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

3commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

La Samp sgambetta la Juve, bianconeri battuti 3-2

GAZZAFUN

Parma-Ascoli 4-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto