12°

22°

Arte-Cultura

Quel bandito gentiluomo

Quel bandito gentiluomo
Ricevi gratis le news
0

di Armando Orlando

Andrea Villani lo voleva proprio scrivere questo romanzo su una vita da romanzo. Per mettersi alla prova, come sempre accade agli scrittori, e per raccontare una storia troppe volte data per scontata, anche a causa dei mille cliché di cui era prigioniera. Forse voleva scriverlo da sempre. Non per nulla in «Questo sangue», racconto lungo o romanzo breve (a seconda dei punti di vista) del 2008, Andrea Villani immaginava Luciano Lutring in attesa del proprio turno allo sportello di una banca che, di lì a poco, sarebbe stata rapinata da un fuorilegge improvvisato, un po' ingenuo e un po' cialtrone, destinato come tutti i vinti a finir male. Da quel racconto pubblicato per i tipi di A.Car nella collana «corti thrilling» è «nato tutto». E il tutto a cui fa riferimento Villani, scrittore anche di un testo teatrale su Lutring, è l’amicizia «molto forte» con il solista del mitra, la passione per la sua vicenda di uomo e di bandito romantico, il libro fresco di stampa che del mitico rapinatore milanese racconta la parabola. «Luciano Lutring. La vera storia del solista del mitra» (Mursia) è uscito in libreria da una settimana circa, mentre su Sky impazza la serie su Felice Maniero. Viene da pensare che non sia un caso. Villani però è tranquillo, non teme di perdersi in un filone cominciato con la banda della Magliana.
«Lutring è talmente diverso da tutti gli altri – spiega Villani -. Le sue regole erano semplici: niente sangue e nervi a posto. Una volta, in Francia, un gendarme rimase ferito si può dire accidentalmente. Luciano Lutring si fermò a soccorrerlo. C'era talmente poca violenza in lui che, quando realizzarono il primo film sulle sue imprese criminali, rimase sconvolto e offeso dalle mascalzonate inserite nella trama. “Io – diceva – non ho mai picchiato una donna, né fatto tutte quelle cose lì”. Lutring è Lutring».
Come vi siete conosciuti?
«La prima volta che Luciano Lutring mi chiamò, lo confesso, provai terrore. Voleva congratularsi per “Questo sangue”, farmi sapere che gli era piaciuto il modo in cui avevo raccontato un episodio mai accaduto che, se mai lo fosse stato, avrebbe avuto l’andamento che gli avevo dato io. Si era ritrovato, insomma. Mi fece piacere sentirglielo dire».
E poi?
«Poi siamo diventati amici. Ricordo una cena, sul lago Maggiore. Eravamo 14 persone, giornalisti e amici per lo più. Andammo a mangiare in un ristorante vista lago. Luciano Lutring è sempre stato un uomo generoso. Decise di pagare per tutta la comitiva e chiese il conto. Dopo che l’ebbe avuto tra le mani, si rivolse al titolare: collega, disse, venga qua. E quello: è un ristoratore anche lei? Assolutamente no, rispose, ma anche io ho rubato per anni».
Come è nata l’idea del romanzo?
«Da un paradosso. Ho capito che un uomo come Lutring aveva un codice morale le cui regole hanno un valore assoluto. Il paradosso è dato dal fatto che alcuni concetti o sentimenti, come il rispetto dello Stato, si trovano nei luoghi che sembrano esserne privi. Quando Luciano Lutring perse suo figlio Mirko, fulminato dall’alta tensione a causa di un cavo penzolante lasciato da qualche operaio Enel, avrebbe potuto fare causa all’azienda statale. I suoi avvocati glielo consigliarono caldamente: era una causa già vinta. Lui lasciò perdere. Era stato perdonato dallo Stato con la concessione della grazia e a sua volta perdonava».
Che bandito è stato Lutring?
«Lutring cercò di rubare la corona di Miss Italia a Salsomaggiore, la mia città. Era il 1964 e i gioielli erano veri, firmati da Bulgari. Lui e la sua banda agirono in un modo che oggi sarebbe inconcepibile. Quando il colpo fallì, Lutring svaligiò una pellicceria. Per scappare scelsero la strada meno comoda e discreta, passando dalla piazza principale di Salso. Questo per dire che c'era una spavalderia e anche una improvvisazione che oggi sarebbero fuori luogo per imprese così eccezionali. Lutring è stato un bandito coraggioso e un gentiluomo. Ingenuo direi, come può esserlo un bambino. Provava un brivido lungo la schiena mentre eseguiva una rapina e quella era la sua droga, se si esclude il cinzanino bevuto prima di entrare in azione».
Come nasce la sua epopea?
«Da Ignazio Lutring detto Jack e da Elvira Minotti. Lei era una vedova di guerra, lui un immigrato ungherese con buone doti di pugile. Nel mio romanzo ci sono anche loro e naturalmente il racconto avviene secondo i codici del romanzo. Ignazio incontra Elvira in tram, dopo un incontro sul ring. Il tram traballa, ma la vedova è ferma come una roccia. Volevano che Luciano Lutring diventasse un violinista. Gli avevano dato educazione e benessere, ma lui cercava altre cose. Cercava il brivido lungo la schiena. Comprò una pistola in dotazione alle guardie canadesi. Non c'era modo di procurarsi le pallottole. Fu con quel revolver scarico che fece la prima rapina».
Lutring dice che era andato in posta a pagare una bolletta, che l’impiegato vide il calcio dell pistola spuntare dai pantaloni e gli diede tutti i soldi in cassa. E verò che andò in quel modo?
«Secondo me sì. Ma poi che importa? È una storia talmente bella».
Che uomo è Lutring?
«È un uomo buono».

Luciano Lutring. La vera storia del solista del mitra - Mursia, pag. 178, 15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro  Foto

MODA

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

Stranieri

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

43commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

3commenti

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

l'agenda

Funghi e non solo: una domenica di sagre e tesori segreti da scoprire

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

soccorso alpino

Andar per funghi in sicurezza: il vademecum

CONCERTO

Nada incanta al Colombofili

NEVIANO

Palestra rinnovata, scolari in festa

PARCO DUCALE

Nella serra piccola del Giardino il «posto delle viole»

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

7commenti

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

2commenti

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

1commento

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'omaggio a Verdi: un dovere e un piacere

di Francesco Monaco

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Terracina

Caccia italiano precipita in mare: trovato il corpo del pilota Video

concerto a Lucca

Polemiche: Stones leggendari per molti. Ma non per tutti Video

SPORT

Il caso

Sport e popstar Usa in ginocchio contro Trump. Lui ai tifosi: "Boicottateli"

Ciclismo

Sagan, leggendario tris mondiale con dedica a Scarponi

1commento

SOCIETA'

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano 30 anni dopo Gallery

il caso

Arabia Saudita, la prima volta delle donne allo stadio

3commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery