-2°

10°

Arte-Cultura

Passavamo le ferie a Po

Ricevi gratis le news
0

di Gustavo Marchesi
Giù alla Bassa, nel primo dopoguerra si marciava ancora a piedi o in bicicletta e d’estate, quando il mare pochi lo raggiungevano, gli altri passavano le ferie a Po. Noi giovani (allora) guazzavamo in un’acqua tanto pulita che addirittura si beveva. Sugli arenili, bianchi come bucati, gli anziani facevano le sabbiature e nei loro discorsi li sentivamo che le sparavano quasi più grosse del famoso Baron. Al confine dei boschi, fuori dal percorso delle zanzare che abitavano il verde, ci aspettavano le osterie, le merende classiche, tonno e sgombri, gnocco fritto, cotiche in umido con fagioli, gamberetti caldi salati, ceci, uova sode, trippe e gorgonzola. Richiami da vino mantovano, buio e tagliente.
Osterie di Po senza pretese, non di rado provvisorie, casotti col tetto di lamiera che si perdevano nella solitudine nebbiosa delle stagioni fredde: chilometri di ovatta cenerina occultavano le prodezze dei bombaroli, che per una padella di pesce facevano una strage. Nei locali gli avventori contavano gli scoppi e ci puntavano le scommesse: oltre a boscaioli, ambulanti, cacciatori, barcaioli e pescatori regolari, anche cantastorie e girovaghi tra i quali, ricordo, un certo Lorenzo Bottoli conosceva una quantità di storielle e vecchie canzoni nostalgiche – le particolari nostalgie conservate in alcol. Dalle sue parole vedo ancora personaggi come Cisara e Tunana, abbastanza bevuti, profilarsi nel buio lungo la Coronella, un arginetto alto e stretto che in bicicletta si percorreva anche di notte con la dovuta prudenza. Cisara pedalava davanti e fumava, Tunana dietro, gli occhi fissi al toscano di Cisara, l'unico lume del percorso, essendo che viaggiavano senza fanali. Quando Cisara si liberò del mozzicone, che saltò acceso in una piana invisibile, Tunana lo seguì e precipitò con la bici fino a impantanarsi in uno stagno. Dopodiché i due cominciarono a dirsene, ma la notte estiva, forse altrettanto stordita, li fece zittire nel sonno.
Bottoli rideva divertito, era un gran bonaccione. Lo uccisero a pugni, in un bar di paese, dei ragazzi per i quali Bottoli valeva meno di una bestia randagia. Ma da noi questa teppaglia non veniva.
Dalla Wilma, una baracca di faesite appoggiata su una cantina in muratura, si stava alla buona, però non mancavano grossi pranzi e cene. In quei casi la Wilma reclutava Cantarelli, già cuoco a una mensa ufficiali, un gigante, le lunghe braccia forzute e l'andatura da funambolo. Cucinava con una batteria decrepita e serviva in tavola senza lavarsi le mani, in tenuta malnetta: le portate però figuravano sempre eccellenti. La Wilma, un tombolotto di fine pelle chiara, gli occhi celesti acquamarina, lo seguiva puntuale, sturava e versava. Ridanciana e carina con la sua bocca piccola sapeva stare allo scherzo.
Qualche volta i menù erano monotoni, ma niente affatto disprezzabili. Un inverno durante una piena ci furono lepri per un mese. Le coglievano stecchite sugli alberi, dove erano corse per scampare all'annegamento. Famigliole intere così frollite dal gelo, che non s’immagina; e Cantarelli vi aggiunse, con mio dispiacere, un paio di gatti al sugo, prelibati.
I raduni cessarono per un fatto imprevedibile. La Wilma, sposata a un bombarolo e con due bimbi, scappò insieme ai piccoli con Nosén, uno dell'oltrepò, timido e taciturno che aveva già moglie e figli anche lui. La baracca andò a fuoco e secondo i carabinieri era stato il marito dell'adultera. Le prove comunque non si trovarono.
Il cambiamento produsse un dispiacere generale. Del resto tutto cambiava. Colpa degli scarichi, l'acqua diventava oleosa, fetida, il pesce immangiabile. E aumentava il fastidio del nuovo ponte in cemento, invadente e fracassone. Il vecchio ponte di legno adagiato sulle chiatte a pelo d'acqua, portava un'animazione più ragionevole, un disturbo relativo di macchine, sul ritmo cantabile delle tavole smosse da un moderato viavai.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Le 5 muse di Fausto Brizzi: Cristiana Capotondi

L'INDISCRETO

Le 5 muse di Fausto Brizzi

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto: la rivoluzione dei pagamenti elettronici

Gazzetta

Inserto Economia: la rivoluzione dei pagamenti elettronici

Lealtrenotizie

Sciame sismico in Appennino, le scosse avvertite in tutta la provincia

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

2commenti

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

GAZZAREPORTER

Parma, magico controluce

Foto del lettore Alessandro

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

5commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

ELEZIONI

Ostia, trionfo del Movimento 5 Stelle Foto

STATI UNITI

E' morto il serial killer Charles Manson

SPORT

Nazionale

Tavecchio non molla: non si presenterà dimissionario

1commento

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto