19°

Arte-Cultura

Installazione vivente

Installazione vivente
0

Patrizia Ginepri

Quando mai ci capita di fermarci a riflettere sulla vacuità, il tempo, lo spazio, l'inafferrabile momento del «qui e ora». Questa è l'idea che accompagna l’ultima creazione di Marina Abramovic, imperatrice della performance art, presente fino al 10 giugno nel Padiglione Arte Contemporanea a Milano con la sua ultima creazione «The Abramovic Method». L'artista serba ci invita a fermarci e a riprenderci il nostro tempo. Lo fa coinvolgendo 21 persone a ogni ripetizione della performance (dura 90 minuti e viene riproposta ogni due ore, a partire dalle 10 del mattino) all'interno di una living installation, un percorso sperimentale e sensoriale: sono loro stessi «performance art». E mentre i partecipanti compiono il percorso, il pubblico può osservare attentamente, usando anche telescopi messi a disposizione, per vedere nei minimi particolari le reazioni di donne e uomini seduti, in piedi o sdraiati. «Lo spettatore sarà come uno specchio per il pubblico che partecipa all'installazione - spiega l'artista nella sua introduzione - spero che l'osservatore e l'osservato sappiano mettersi in relazione con se stessi e con il presente». Mentre parla la Abramovic ha uno sguardo fiero, che ipnotizza e fa vacillare. Il percorso allestito al Pac è scandito da video su cui sono proiettate le registrazioni di precedenti performance compiute dall’artista di Belgrado in musei di tutto il mondo: mentre è appesa nell’aria sopra una cucina in «The kitchen», circondata da agnelli in «Back to simplicity», sepolta da cristalli in «Dozing consciousness»  e altre creazioni che Marina Abramovic ha sperimentato su se stessa in anni di dedizione e ferreo autocontrollo. Un processo culminato nel 2010 al Moma di New York con «The artist is present»: l’artista si è esibita per tre mesi ogni giorno nelle ore di apertura del museo, seduta in assoluto silenzio a un tavolo, invitando i visitatori a sedersi di fronte a lei per tutto il tempo desiderato. Questo percorso, diventato un film documentario diretto da Matthew Akers, ha vinto il premio del pubblico al Festival di Berlino 2012. Ed è proprio un'installazione sulla performance newyorchese ad aprire la mostra di Milano curata da Diego Sileo ed Eugenio Viola e prodotta da Comune di Milano e 24Ore Cultura. In due enormi pareti contrapposte svettano proiezioni multivideo: da un lato decine di primi piani dell'artista e dall'altro i tanti volti di chi ha accettato di sedersi di fronte a lei incrociando i suoi occhi magnetici. La Abramovic riesce a instaurare un'empatia genuina con chiunque entri in contatto con lei. L'emotività affiora assieme a dolore, felicità, stupore e pianto. Il «metodo» che propone oggi  è frutto di 40 anni di esperienza. «Ho capito - spiega - che senza pubblico la performance non ha nemmeno ragione di esistere. Ogni installazione scaturisce dalla simbiosi, dall'alchimia che si crea tra performer e pubblico. Perché è il pubblico a completare l'opera, grazie a un processo di condivisione e di reciproco apprendimento». Già dal 1970 l'artista serba sentiva la necessità di rendere l'arte viva. «Presto mi fu chiaro - racconta - che la performance era il medium che mi era più congeniale. E iniziai a usare il corpo». Ma perché tanta crudeltà verso se stessa fino a rischiare la vita? «Per me - risponde - era importante fare ricerca, dovevo capire come fosse fatto il corpo. C'era il dolore fisico, ma ciò che contava era il messaggio». Negli ultimi anni la sfida ha cambiato bersaglio ed è passata alla mente. E l'esempio è proprio ciò che Marina Abramovic ha realizzato al Moma. «È stata di gran lunga - assicura - la performance più pesante di tutta la mia vita». Tutti ascoltano in religioso silenzio. Lei è una donna istrionica e passionale che si porta dietro, con orgoglio, tutte le cicatrici accumulate negli anni. E la sua grande capacità è proprio quella di strappare alle persone il meglio e il peggio, guidando sensi e pance.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

1commento

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

6commenti

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Droga

San Leonardo ostaggio dei pusher: ecco come funziona "il rito"

18commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

3commenti

tg parma

Giornate del Fai: 3 tappe per celebrare la storia parmense Video

Fiere di Parma

MecSpe, il cuore del salone è l'Industria 4.0

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

4commenti

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

1commento

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Tg Parma

Distretto Sud-Est, parte il progetto Staff per assistenza agli anziani Video

I FUNERALI

L'addio a Fadda. «Giovanni adesso è insieme a Dio»

Carcere

Pagliari interroga il Governo: "Serve un direttore a tempo pieno"

Il senatore replica alle accuse del sindaco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

MILANO

"Ho rotto il femore a un'anziana per allenarmi": primario accusato di lesioni

1commento

terrorismo

Londra, l'attentatore si chiamava Khalid Massood

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

motogp

Qatar, prime libere: domina Vinales. Rossi solo nono

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery