-2°

Arte-Cultura

Padre, figura in crisi da rivalutare

Padre, figura in crisi da rivalutare
0

Rita Guidi

Fare il papà? E’ una sfida al gioco dell’oca: un passo avanti e tre indietro se si riesce a saltare la casella dove «hai perso, devi uscire dalla partita»... Un paragone calzante (e un paradosso tutt’altro che irriverente) che ci viene «da un giovane padre che ha un po’ di anni in più della media dei padri giovani»: Stefano Zecchi. Di nuovo filosofo e di nuovo schiettamente stuzzicante (come già lo conosciamo) in questo suo ultimo «Dopo l’infinito cosa c’è papà?» (Mondadori, 108 pagg., 17 euro). Una manciata di pagine, nelle quali il celebre autore descrive ciò che osserva intorno a sé: «Mamme e papà indaffarati intorno ai loro figli, o indifferenti, assenti. Famiglie che si uniscono con grandi progetti di vita e che si sgretolano per il più  infantile egoismo». Soprattutto, Zecchi, dalla prospettiva privilegiata di «padre che cresce vedendo crescere il proprio bambino», ci offre un’analisi (ma anche una proposta e una prospettiva) della figura del padre nella nostra società. Figura trascurata, «mammizzata», addirittura negata, con grave danno dell’equilibrio educativo ad ogni livello. «Se la percentuale maggiore di padri si suddivide in fuggiaschi, cioè quelli che se la danno a gambe perché tanto con i figli è la madre a volere far tutto, e mammi, è chiara la ragione per cui oggi si vive in una società dove crescono adolescenti insicuri, impauriti, che si arrendono di fronte a modeste difficoltà e crollano al primo insuccesso, perché non hanno avuto quell’esperienza della realtà e di apertura al mondo che si riceve attraverso l’educazione paterna». Senza peli sulla lingua, Zecchi smonta tranquillo alibi e frenesie di certa modernità; il dito puntato non solo su un’onnipresente gestione femminile, ma anche sull’uso consueto e improprio di certe affermazioni: gli asili? Sono «un ricovero dove affidare i propri figli». Il tempo di qualità? «E’ un’ipocrisia dei padri per giustificare il poco tempo che dedicano ai figli». La confusione dei ruoli? Il frutto sciagurato di una società «aperta e emancipata in cui la vecchiaia è uno scandalo da rimuovere» e in cui non si capisce più chi è il papà, chi la mamma e i nonni sono padre e madre insieme... Eppure – insiste Zecchi – c’è qualcosa di evidentemente semplice, di indubitabilmente bello (non per nulla è docente di Estetica), nella naturale dimensione familiare: quella in cui ognuno ha il proprio posto assegnato da sempre (dalla cultura e dal Dna); quella che ogni bambino sa istintivamente individuare, sancire, riconoscere. Per questo sono particolarmente (filosoficamente) belle e importanti, le domande che il figlio dell’autore gli rivolge e che scandiscono come capitoli questo saggio breve – il tono sempre quotidiano, lieve (senza nulla togliere alla profondità), divertente; questo taccuino sulla paternità. «Chi sei papà?»... «Chi sono i buoni?»... «Mi prendi la luna?»... Occorre tutto l’amore di un padre per rispondere davvero: occorre osservare, ascoltare, esserci. Ritagliarsi un ruolo e un tempo – insiste – che la nostra società (le nuove dinamiche familiari) spingono a negare. Occorre, di nuovo, essere nuovamente padre: né mammo né padre padrone. Compagno di lotta e di gioco, complice di vita e d’avventura. Una figura assai più vicina al mito di Ettore che a quelli cari a Freud e alla psicanalisi. Un padre pronto a spogliarsi della corazza di «guerriero» per abbracciare il proprio figlio, per indicargli ciò  che è bello e buono, e poi innalzarlo verso il cielo. Un padre (un uomo) che si riappropri della propria storia, e che scelga «una visione epica, appunto, della vita e dell’amore, molto diversa dalla commedia umana che separa e distingue... inseguendo una giovinezza intramontabile». Paternità, famiglia, fedeltà, Zecchi è di nuovo fortemente contro tanta quotidiana banalità. Fortemente contro «quel pensiero convenzionale, apparentemente libero e anticonformista, che invece considera la fedeltà nell’amore una rinuncia alle ricchezze offerte dalle esperienze della vita». Basterebbe ricordare, basterebbe osservare. Saranno proprio i figli, allora, a restituire ai padri la possibilità (la necessità, la grandezza) di esserlo, di volerlo, di diventarlo di nuovo.
Dopo l'infinito cosa c'è papà? - Mondadori, pag. 108, 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto