16°

31°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Un fuoricampo possibile

Ricevi gratis le news
0

Luca Guareschi

Gli scienziati ritengono che le supernovae, in un immane rigurgito di vitalità prima di scomparire nel vuoto e buio infinito, esplodano inseminando gli universi di un'onda di luce e di primordiali elementi radioattivi in un sublime atto procreatore e trasmettendo il loro seme a chissà quali mondi. Capita ciò anche all'esistenza ben più misera e finita degli uomini? È possibile che vite già concluse, già avviate verso il declino, non solo in senso strettamente fisico e temporale ma anche esistenziale e morale, vite che hanno già dato il peggio di sé, alle quali il protrarsi dei giorni non aggiungerebbe nulla di nuovo e di utile e di degno di essere ricordato rischiarino con un solo modestissimo ma eccezionalmente simbolico gesto l'oscurità di cui sono ormai avvolte restituendo a se stesse valore e senso?
 Zero a zero. Nono inning. Basi piene. Conto pieno. La partita perfetta, somma e rara convergenza di infinite possibilità. Marco in battuta. Il Cane sul monte lo scruta, pronto ad azzannare. Quando scatterà il morso fatale? Tra un secondo, tra dieci? Il mastino ruota il collo come una torpida iguana, controlla le basi. I corridori sono già staccati, pronti alla volata. La difesa è piazzata perfettamente. Le due squadre stanno per gettare sul diamante le estreme decisive energie. Il Cane torna con finta indolenza a fissare il guanto del ricevitore e si concentra, ringhio trattenuto, sordo; odio feroce nelle fessure degli occhi. Curvo in avanti. Le braccia ripiegate dietro la schiena. Ha deciso. Cela fino all’ultimo dentro il guantone la presa della pallina agli sguardi avidi dei suggeritori. Cenni d'intesa con casa base. Dalle panchine segnali in codice. Sputi. Silenzio. Aria immobile. Attesa. Due cervelli che lavorano freneticamente. Nervi tesissimi. Mors tua vita mea.
Nel cielo buio sopra la ferrovia un lampo estivo. È così definito e potente e luminoso che è possibile scorgerlo nonostante il riverbero dei riflettori. Cedono tutti i sarcofaghi di cemento cerebrale gettati a bloccare ricordi ed emozioni che non dovrebbero mai fuoriuscire in superficie, semmai limitarsi a inquinare le inconsce falde delle sotterranee sorgenti di nevrosi e devianze.
Un’infanzia tra botte ed abusi. D’estate, la sera, fuggiva dall’inferno di casa. Il gruppo si radunava nel piazzale e in bicicletta attraversava via Golese verso l’Europeo. Afose serate sulla massicciata dei binari trascorse a invocare una linea dritta nella loro direzione. Rimanevano lì finché l’aria si faceva più fresca, finché si spegnevano le luci del diamante e il buio si riappropriava del quartiere, sprofondandolo in una quiete d’altri tempi. Poi gli anni folli, la droga, i furti, le rapine, il carcere. Uscito da San Francesco, incontrò sua moglie nella cooperativa sociale dove gli avevano trovato lavoro come ex detenuto. Non capì mai perché lui le fosse piaciuto. Perché lei fosse attratta da un avanzo di galera. Perché mettesse in gioco i rapporti con la famiglia. Perché accettasse di vivere in un piccolo appartamento delle case popolari di via Buffolara. Perché acconsentisse a spostarsi solo in bicicletta e a non andare mai in vacanza. Perché si accontentasse di pochi vestitini acquistati al mercato. A causa del suo egoismo tutto ciò gli risultò sempre incomprensibile.
Nacquero due figli, maschio e femmina. Indesiderati, per lui insignificanti, invisibili. Non si curò mai di loro, non li seguì, non spese tempo. Li affidò completamente alla moglie, concentrato su se stesso e del tutto assorbito nel piangersi addosso. Inspiegabilmente, i due bambini crebbero affezionatissimi al padre.
Ora nella minuscola tribuna la moglie e i figli lo ammirano con tutto l’amore che lui non ha mai nutrito. Può una vita arrampicarsi oltre i bordi dello squallore grazie a una rabbiosa fulminea traiettoria a filo del piatto, precisa al centimetro? Può insomma un’intera esistenza essere riscattata da un semplice banale tutto sommato ordinario fuoricampo pulito, nitido e chiaro come il mondo? Toc, e via. Già si sa che va fuori.
Sì. Sì, è possibile – dice Marco.
Ecco il lancio. Marco prende il tempo al bolide in furioso avvicinamento, strizza gli occhi, serra le mascelle, gira la mazza. Con tutte le sue forze.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

13commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

3commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

Italia

Terrorismo, forze dell'ordine armate anche fuori servizio

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente