11°

27°

Arte-Cultura

Maria Luigia inedita

Maria Luigia inedita
1

 Ministri condizionati dall’imperatore, possidenti agrari che remano contro il governo, nobili allergici al libero mercato, appaltatori favoriti sottobanco, leggi su misura per gli imprenditori, i soliti giri di mazzette: si dica che è sempre la stessa storia, ma ogni società ha i suoi metodi, e Parma nella prima metà del ducato di Maria Luigia si è confezionata in questo settore una propria ricetta che mise in conflitto in forme spregiudicate gli esiti sociali dell’eredità postnapoleonica a spese delle garanzie istituzionali, e non di rado al di là della consapevolezza del sovrano stesso, sul quale sarebbe scesa comunque la protezione di quegli scenari idilliaci allestiti da una storiografia ingenua che ha a lungo coltivato l’immagine di un governo controllato da una duchessa protettiva e munificente. In questi scenari gli uomini di governo hanno assunto spesso un ruolo marginale e confuso, talora anche clamorosamente frainteso, come se la sola presenza della duchessa ne potesse sancire l’irrilevanza politica nel contesto di un ducato felicemente singolare. Non era così, evidentemente. Per entrare in dialettica con una tradizione si può tuttavia opporre documenti, se si ha voglia di cercarli, se si ha voglia di sfogliarli, se si ha voglia di interpretarli. Il primo requisito che è servito a Lucia Togninelli per rendersi conto della realtà di quel periodo storico è stata non la fortuna di impattare in carte interessanti durante l’inventariazione di un fondo dell’Archivio di Stato di Parma, dove lavora, ma la sensibilità di individuare da lì un percorso fecondo, e di inseguirlo con pazienza. Pazienza è quella che è venuta utile per setacciare scaffali di faldoni che raccolgono la documentazione amministrativa di oltre quindici anni di ducato, per individuarne la qualità attraverso quella «discrezione» guicciardiniana, quella giusta misura che è del buon storico, e per ricostruire un quadro che spesso si presentava in distonia con interpretazioni a lungo date per scontate. Non ultime le hanno giovato la completa assenza di qualsiasi sentimento di presunzione e il tarlo del dubbio, che sono caratteristiche genuine prima di tutto della persona. Ne è nato un volume di quasi seicento pagine, eppure agilmente consultabile, che verrà presentato mercoledì 4 aprile alle ore 17 nell’Aula dei Filosofi del palazzo centrale dell’Università, suggellando oltre dieci anni di ricerca e di scrittura che restituiscono un’immagine sorprendente della Parma dei primi quindici anni di Maria Luigia, vale a dire di un periodo finora non troppo indagato pur nella disponibilità di un’ingente dose documentaria. Del resto non è un caso che alla presentazione partecipino Marzio Dall’Acqua, già direttore dell’Archivio di Stato di Parma, e Marco Meriggi, docente di Storia delle Istituzioni Politiche e Sociali all’Università «Federico II» di Napoli. «All’ombra della corona. Manovre istituzionali e speculative nel Ducato di Maria Luigia dal 1814 al 1831», pubblicato dalla Casa Editrice Alessandro Farnese, è infatti prima di tutto, per come è nato e per come si è realizzato, un tributo all’immenso patrimonio documentario dell’Archivio di Stato, che rappresenta l’inaggirabile riferimento tangibile per la storia di una città che della propria storia ha sempre mostrato vanto. Ma è un tributo di lavoro diuturno e minuzioso, consumato non in sterili contraddittori ma esclusivamente nell’appassionato lavoro dello storico, consapevole della necessità di raccontare con gradevolezza, minuzioso nella ricchezza critica di informazioni e consapevole di dover procedere dal concetto storiografico ai singoli casi, e mai viceversa. Destinato senza retorica a divenire imprescindibile nel suo ambito, questo studio s’inserisce anche nel processo di ricostruzione della storia istituzionale dell’Italia preunitaria, di cui non a caso Meriggi è uno dei più attenti osservatori. Anche Parma fra 1814 e 1831 mostra infatti una nobiltà non all’altezza di compiti giurisdizionali compatibili all’esperienza postnapoleonica, ma le posizioni reciproche degli interpreti ne segnano il tratto caratteristico: il vanificarsi delle aspirazioni del filofrancese Magawly, dell’onesto Neipperg, dell’orgoglioso Toccoli, dei liberali Cornacchia e Mistrali, rivelano la fragilità di istituzioni incapaci di reggere l’urto di interessi ormai inconciliabili, di cui l’operato perverso di Joseph Werklein rappresenta quasi un fuoco simbolico. In questo il libro di Lucia Togninelli è quasi continuazione ideale delle osservazioni di Emilio Casa, in passato contraddette dagli storici ma ora confermate dai documenti: in disaccordo con le direttive di Metternich, Werklein segnò il punto più acuto nel processo di accentramento e svilimento delle istituzioni, contribuendo al dilagare della corruzione di cui si fece protagonista favorendo «parvenu» come Gaetano Testa nell’assegnazione degli appalti pubblici, in un meccanismo nel quale si farà risucchiare persino una figura apparentemente mite come Antonio Cocconcelli. I moti del 1831 spazzeranno Werklein, taceranno i liberali e riapriranno gli occhi a Maria Luigia. Calato il sipario, la commedia sarebbe stata solo rinviata, e questo libro ce ne mette sotto gli occhi i meccanismi, travi portanti, cerniere, contrappesi. 

GIUSEPPE MARTINI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    06 Aprile @ 16.04

    E l'Archivio di Stato è stato cacciato in un capannone di Via Spezia, senza risorse. A causa di quella "corruzione" che ha lontane radici, nella "piccola capitale".

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima