-2°

Arte-Cultura

Il nido sognante dei versi

0

Giuseppe Marchetti

Giovanni Pascoli morì a Bologna alle tre del pomeriggio del 6  aprile 1912, giovedì santo. Quando Mariù lo vide immobile, gridò: «Giovannino, Giovannino, Giovannino!», ma Giovannino non rispose. Era nato a San Mauro di Romagna nel 1855 da Ruggero, amministratore della tenuta dei principi Torlonia, e da Caterina Vincenzi Allocatelli. Nel 1862 entra nel collegio degli Scolopi a Urbino. Nel '67, quando ha dodici anni, il 10 d'agosto Ruggero Pascoli viene assassinato mentre torna a casa in calesse dalla stazione di Cesena. L'assassino non sarà mai trovato, ma si dice che Giovannino lo conoscesse e che ogni anno con perfida precisione gli inviasse un biglietto. Fra il '68 e il '71, muoiono la madre, la sorella Margherita e il fratello Luigi. Nel '76, muore anche l'altro fratello Giacomo. Queste notizie vanno tenute presenti sempre per capire il carattere di Giovannino e lo spirito della sua poesia, vale a dire della sua vita. Restano con lui Ida e Maria che erano vissute sino a quel momento a Sogliano ospiti prima del locale convento di suore agostiniane e poi della zia Rita David. Una vita difficile per i tre orfani, si capisce bene; ma ancora più difficile per il giovane poeta che, laureatosi nell'82 con una tesi su Alceo e trasferitosi poi a insegnare a Matera, e in seguito a Massa e a Livorno, vede tuttavia concretizzarsi il proprio sogno nel '91 con l'uscita di «Myricae» e l'anno seguente con il primo premio ai «Certamina hoeufftiana» di Amsterdam col poemetto latino «Velanius». E siamo così già dentro la sua poesia il suo mondo: un mondo che non cambierà più e che anzi metterà sempre più profonde radici almeno in tre diverse direzioni: il bambino che diventa poeta, il simbolismo che diventa naturale, la morte che diventa la misura di tutte le cose. In realtà, dunque, un sistema che è figura, comportamento, dramma, fonte di poesia e letteratura come raccontava Renato Serra in un suo memorabile ritratto: «... Ma si volta, vi guarda, vi parla. E quando udite frasi rotte, quando vedete su quella fronte tormentata, che mostra nei solchi fondi il travaglio e l'ansia dello spirito, quando vedete su quegli occhi grigi l'ombra del pensiero e del sogno trascorrere come l'ombra della nuvola del cielo, allora sentite che è lui, Pascoli, il poeta». Poeta dai molti dubbi, si potrebbe aggiungere: dubbi che s'infittiranno col passare del tempo dall'originario nucleo myriceo  all'epicità dei «Poemetti», al lirismo dei «Canti di Castelvecchio», alla vena classicistica dei «Poemi conviviali» e a quella civile di «Odi e Inni» sulla scorta del maestro Carducci. Il tutto poi lavorato sino allo spasimo nel «sermo humilis» di un lessico solo apparentemente umile, e invece plasmato con raffinata sicurezza espressiva, la sicurezza che spalanca le porte al Novecento di poesia, non v'è dubbio. E' stato Contini il primo a identificare la poetica di Pascoli nell'ispirazione a comporre in una lingua morta, o definita tale sbrigativamente, sicuro come è che il problema della morte delle parole può angosciare il poeta quanto quello della morte delle creature. E ciò valga per il latino. Ma anche per la lingua agrammaticale o pregrammaticale che è l'onomatopea, la presenza insopportabile degli uccelli ad esempio, come diceva Pintor citato da Agamben. Epperò qui s'innesta l'altra componente dell'universo pascoliano così ad un tempo realistico e allusivo, la componente limpidamente descritta da Garboli nel suo fondamentale «Per leggere Pascoli» dove è scritto: «La fucilata che uccise Ruggero Pascoli interruppe il normale corso di crescita di un bambino, e lo espropriò della vita. A Pascoli fu negata la virilità».
Ne è venuta una poesia (e dico poesia per dire una intera opera) sillabata, dalla sintassi continuamente violata, impervia quando appare semplice, cantante quando invece è misteriosa, legata ai ricordi, che evoca le musiche di Puccini e di Debussy, se si vuole, ma anche l'infinito mondo delle parvenze, come ci ha insegnato Perugi, o «l'avanguardia debole», secondo l'immagine coniata da Renato Barilli che aggiunge: «Il tema cosmico può essere iscritto nel capitolo generale dell'attraversamento, da parte del Pascoli, dell'ideologia positivista». Ma siamo sempre comunque, su «quest'atomo opaco del male», ed è perciò vero anche che egli s'immerge in uno «straziante prolungarsi delle condizioni di sensorialità», scrive ancora Barilli, che l'accomunano alle stelle, ai segni della natura, al radicarsi o sradicarsi delle piante, al grido amoroso o timoroso degli uccelli, alle ombre dei morti che bussano di sera alle finestre per scrutare i volti dei vivi seduti a cena. Una comunione panica espressa in una poesia «elementare» (Merola), dunque, che tutto è fuorché elementare perché, ha detto una volta per tutte Giacomo Debenedetti «il Pascoli ci costringe a parlare unicamente di stilistica e di poesia, ci costringe a un confronto diretto con le cose e i segni e i suoni, che fanno la poesia, senza dirottamenti o scappatoie psicologico-sentimentali, genericamente descrittive». Che sarà la direzione verso cui s'incammina il Novecento tutto, poiché mentre Pascoli muore, i Futuristi sconvolgono il mondo dei segni e delle parole con i versi in libertà, e quasi si rimpiange allora l'epopea virgiliana del nido e del silenzio raccolto nell'ascolto della natura, o il tormento dell'emigrante di «Italy» che dice addio al proprio paese e alla propria lingua qui onorata dal poeta come «il vero fuoco di Vesta».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arrivano i carabinieri: ladri in fuga

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

1commento

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Domani, al Tardini (14.30) il Teramo. Le altre partite del Girone B

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

11commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

1commento

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Fanno la saltare cassa ma bruciano i soldi e rompono l'auto per la fuga

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti