-5°

Arte-Cultura

L'ombra del Maestro

L'ombra del Maestro
0

di Gian Paolo Minardi

Per chiunque si inoltri nel folto degli intrecci che la lunga vicenda verdiana è andata sviluppando, scorciatoia illuminante, nelle sue mille sfaccettature, attraverso decenni di una storia artistica e civile, uno degli incontri più accattivanti è senza dubbio quello con Emanuele Muzio, presenza che come un’ombra segue devotamente il maestro; termine questo che nella fattispecie dalla carismatica sublimazione imposta dalla maiuscola - il Maestro ! - trova ben più pragmatico riscontro. Muzio fu, infatti, l’unico allievo di Verdi il quale, si sa bene quanto fosse lontano dall’idea di coltivare allievi: in età avanzata darà indicazioni sulle linee che secondo lui i governanti avrebbero dovuto seguire per assicurare ai giovani una formazione che fosse coerente con la nostra tradizione, ma allievi mai: tranne che per Muzio, appunto, eccezione giustificata dalle circostanze che in certo qual modo gli facevano rivivere la propria storia, con i tanti ostacoli che accompagnarono gli avvii della sua avventura musicale. Ostacoli che si presentavano anche a Muzio, più giovane di otto anni, quasi conterraneo essendo nato a Zibello nel 1843: le disagiate condizioni familiari, le stesse difficoltà tipiche dell’ambiente bussetano, la fortunata presenza dello stesso benefattore, Antonio Barezzi. Fu infatti il Barezzi che si interessò affinché il promettente giovane si trasferisse a Milano raccomandandolo al genero perché ne curasse l’istruzione: «Molti studenti di musica pagherebbero anche due, tre talleri per lezione, se il signor Maestro Verdi volesse dargliele; ma egli non le dà a nessuno, all’infuori di un povero diavolo al quale ha arrecato mille vantaggi, e poi per compimento anche gli dà lezione, non già due o tre volte per settimana, ma tutte le mattine...Io sono sbalordito, e per di più, alcune volte che mi fa fare per esso lui qualche cosa, mi dà anche la colazione». Così Muzio esprimeva la propria gratitudine a Barezzi., al quale rimarrà legato da eterna devozione. Sembra davvero che l’impegno di Verdi verso il giovane ricalchi una situazione da lui vissuta pochi anni prima, con una determinazione che non conosce attenuanti: «Quando comincio la lezione mi dice: ''ricordati che sono inesorabile''» commenterà Muzio, fedele nel sostenere il duro tirocinio, «gli stessi studi ch’Egli fece sotto la direzione di Lavigna, migliorati però da lui», i «Partimenti» del Fenaroli, le sonate di Corelli, insomma «canoni e fughe, fughe e canoni in tutte le salse» per consolidare il dominio del contrappunto. Nella vita di alcuni grandi musicisti si sono inserite particolari figure di «famuli», spesso utili tuttofare, talora un po' impiccioni - come quell'Anton Schindler che orgoglioso dei servizi resi a Beethoven dopo la morte del grande si fece stampare un biglietto da visita con la scritta «ami de Beethoven». Ma il caso di Muzio nulla ha da spartire con simili situazioni, proprio per la qualità di un rapporto che corre lungo la ricca esperienza di Verdi nel segno di una discrezione e di un’affidabilità in cui si riflette la riconoscenza verso chi gli aveva aperto una vita ricca di esperienze. Di questa vita ci aveva offerto anni fa una ricca narrazione Gaspare Nello Vetro il quale aveva proseguito il lavoro paziente di Almerindo Napolitano. Ma un ritratto più articolato della personalità di Muzio è stato approfondito nel Convegno promosso dal Comune di Zibello nel 2009 di cui ora sono apparsi gli atti, per la Editrice Diastema, curati da Giuseppe Martini. Attraverso questa pubblicazione possiamo infatti avvicinarci alla personalità di Muzio con una più allargata consapevolezza, nel ripercorrere attraverso lo scritto di Vetro le tappe di una vita intensissima, osservata attraverso la variegata attività di direttore d’orchestra e maestro di canto, attività che lo porterà a girare mezzo mondo; così come grazie al contributo di Raffaella Nardella possiamo mettere a fuoco il rapporto con Verdi nella fase formativa. Più problematica la figura del compositore, capitolo del resto appartato, sul quale pesa il silenzio dello stesso Verdi, rispettoso e distaccato , salvo qualche significativo accenno sottovoce a qualche amico fidato, «illusioni che non si realizzeranno mai». Ad indagarne le ragioni è lo stesso Martini che nel suo ampio saggio inquadra queste ''illusioni'' entro la temperie di quegli anni centrali dell’ottocento in cui vedono la luce ben quattro opere, «Giovanna la pazza», «Claudia», «Le due regine», «La Sorrentina», toccate anche da un certo successo ma respinte in effetti dal repertorio. Attraverso la sua minuziosa analisi Martini nel cogliere l’abilità del mestiere rileva la sostanziale debolezza nella tensione drammaturgica, come se l’assiduo lavoro compiuto nella bottega verdiana non avesse stimolato quella particolare capacità intuitiva insita nel rapporto con la parola e quindi nelle virtualità teatrali; il che non toglie nulla alla qualità della scrittura strumentale, come attestano le Sinfonie delle opere. La realtà, sembra concludere Martini, è che l’impegno compositivo di Muzio, nutrito di una sapienza e di un gusto riconoscibili nella produzione cameristica, che proseguirà con una certa scioltezza una volta chiuso il capitolo teatrale, specie durante l’avventuroso periodo trascorso in America, sembra scontrarsi con quel radicale cambiamento di prospettive recato dall’irruzione verdiana sulla scena del nostro melodramma, una rivoluzione di fronte alla quale anche chi era stato educato in quella fucina - lui che in fatto di rivoluzioni aveva mostrato coraggio, partecipe delle Cinque giornate di Milano, con il conseguente esilio a Mendrisio- non ne rimase folgorato.   
Emanuele Muzio.  L'unico allievo di  Giuseppe Verdi (Atti del Convegno) 
Diastema editrice, pag. 132, 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

Marche

SOCCORSO ALPINO         

Neve altissima sull'Appennino marchigiano

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

1commento

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

9commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

EMERGENZA

Parma si mobilita per l'Italia centrale

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

1commento

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

3commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Stati Uniti

Oggi Donald Trump diventa presidente Video

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

sport

Tragedia al rally di Montecarlo, morto spettatore

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta