Arte-Cultura

E al Regio rinacque "Stiffelio"

E al Regio rinacque "Stiffelio"
0

di Gian Paolo Minardi

Si deve al Teatro Regio se «Stiffelio» ha potuto ritrovare una sua vita teatrale uscendo da un silenzio che pareva destinato a durare in eterno, poiché a causa di un intreccio di varie vicende si erano perduti i riferimenti utili per un’esecuzione: vale a dire mancava una partitura. Quella autografa era stata infatti distrutta dallo stesso Verdi il quale operò quel sostanziale rifacimento che è «Aroldo» direttamente su di essa; Ricordi aveva addirittura fuso i piombi degli spartiti. Solo nel 1967, grazie alle ricerche dell’Istituto di Studi Verdiani, fu possibile ritrovare presso la Biblioteca del Conservatorio di Napoli due partiture coeve, non autografe, utilizzate per il precedente arrangiamento di «Stiffelio» in «Guglielmo Wellingrode»; è su questi materiali che, per iniziativa del Teatro Regio, Rubino Profeta e Renato Falavigna operarono collazionandoli con gli spartiti per canto e pianoforte e coi vari libretti così da ricomporre una partitura abbastanza attendibile grazie alla quale, la sera del 26 dicembre 1968, una serata resa ancor più turbata dalle contestazioni sessantottesche, «Stiffelio» poté tornare a vivere, sotto il segno autorevole e entusiasmante della bacchetta di Peter Maag. Seguirà poi nel 1985 la proposta della Fenice, in un singolare confronto con «Aroldo», basata sul recupero di un’altra partitura conservata a Vienna. Nel 1993 apparirà infine l’edizione critica curata da Kathleen Kuzmick Hansell. Il travagliato cammino dell’opera, al di là della tiepida accoglienza del pubblico triestino quando andò in scena, il 20 novembre 1850, è dovuto essenzialmente alla volontà di Verdi, deciso a toglierla dalla circolazione, non intendendo subire le mistificanti imposizioni della censura. Scelta legata anche all’intrecciarsi di altri impegni, preminente quello della composizione di «Rigoletto», circostanza peraltro significativa nell’illuminare le ragioni per cui il compositore mostrò interesse per il soggetto segnalatogli da Piave, tratto dal dramma di Emile Souvestre e di Eugène Borgeois, «Le Pasteur», pubblicato anche in Italia nella traduzione di Gaetano Vestri. «Stiffelio è buono ed interessante» dice Verdi trovando la rispondenza con le idee che in quegli anni guidavano la sua visione creativa e che aveva avuto un riconosciuto punto di svolta in «Luisa Miller» per trovare poi la straordinaria sintesi nella grande «trilogia» di «Rigoletto-Trovatore -Traviata». Vale a dire un lavoro di scavo entro le pieghe più segrete del personaggio; non più la psicologia sommaria, dai violenti contrasti propria del melodramma corrente ma una ricerca più sfumata; non c'è dubbio che in tal senso il soggetto di «Stiffelio», col suo clima di dramma borghese, offrisse stimoli di sicura originalità: la storia di un pastore protestante tradito dalla moglie, diviso tra vendetta e perdono, situazione del tutto inedita rispetto alle linee entro cui si muoveva il nostro melodramma in quegli anni. Tra l’altro si trattava del soggetto più moderno che Verdi si trovò ad affrontare, e proprio la rappresentazione a Trieste in costumi contemporanei (a differenza di quanto avverrà pochi anni dopo a Venezia per «Traviata» dove la contemporaneità sarà arretrata di un secolo) costituirà ragione di scandalo. Ben più ampio quello recepito dalla censura triestina che impose la trasformazione del protagonista da pastore a ministro, con il conseguente indebolimento della particolare atmosfera creata dalla componente religiosa. Più marcata ancora la trasformazione quando l’opera venne presentata l’anno seguente a Firenze, dove il pastore divenne uno statista tedesco, Guglielmo Wellingrode. Proprio questi vincoli indussero Verdi ad operare una trasformazione più radicale che mettesse al riparo l’opera dalle insidie della censura: nacque così «Aroldo», protagonista non più pastore ma crociato inglese, trasformazione che il compositore, come si è detto, operò direttamente sul manoscritto di «Stiffelio», con interventi vari sia sul piano dello strumentale che della resa drammaturgica, aggiungendovi inoltre un quarto atto. Il rapporto tra le due opere, distanziate tra loro da sette anni, nei quali vediamo nascere oltre alla «trilogia» «I vespri siciliani» e il «Simon Boccanegra», può essere sintetizzato dalle parole di un critico, il Bottoni, che nel 1913 commentando «Aroldo» scriveva «Tutto il nuovo era troppo nuovo, il vecchio era troppo vecchio», per dire di uno scarto insito nella stessa evoluzione stilistica del compositore; ciò che lascia anche comprendere le sostanziali differenze che contrassegnano i due lavori. Se nel rifacimento Verdi, pur utilizzando gran parte della stessa musica, cambiò la situazione del protagonista, non più un prete del suo tempo ma un Crociato, e quindi la vicenda, assai più arzigogolata, ma con un atto di musica in più, e certamente ricca di spunti che lasciano già intuire certi sviluppi futuri: quella bufera che sembra già portarci per l’ardimentosità delle dissonanze a «Otello» ma soprattutto certe inflessioni del recitativo, intessute da una sensibilità timbrica non poco avvincente. Ma l’impressione che è che quanto si può aver guadagnato dalla musica si è perduto in drammaturgia, venendo meno quella particolarissima atmosfera, quel clima di ambiguità che circola in «Stiffelio» e soprattutto la plausibilità del perdono che in «Aroldo» diventa chiaramente una soluzione manierata, posticcia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti