11°

Arte-Cultura

Alessandro rivisitato

Alessandro rivisitato
Ricevi gratis le news
0

 Alessandro Farnese, duca di Parma, governatore dei Paesi Bassi su mandato del re di Spagna Filippo II, suo zio, è morto nel dicembre del 1592, a 47 anni, poco prima che gli venisse notificata la sua destituzione dall’autorevole incarico. Il destino ha impedito che lui – uno dei più valorosi e abili generali del Cinquecento – venisse umiliato a causa di intrighi e maldicenze dirette ad offuscare la sua immagine.

Ma chi ha tramato contro di lui? E per quali motivi? Gli storici fino ad oggi non avevano detto molto sull’argomento che ora è stato sviscerato e approfondito da Giuseppe Bertini, noto studioso del periodo farnesiano, che ha pubblicato gli esiti delle sue ricerche in un saggio intitolato «Alessandro Farnese fra Italia, Spagna e Paesi Bassi» uscito nella rivista «Cherion» (Bulzoni Editore), dedicata agli «Uomini di governo italiani al servizio della Monarchia spagnola (secoli XVI – XVII)».
 Bertini ha ricostruito la vicenda storica dall’interno, partendo da un testo manoscritto redatto da Paolo Rinaldi sulle gesta del «Serenissimum Dominum Ducem Alexandrum Farnesium», mai pubblicato e custodito nella Biblioteca Reale di Bruxelles.
Paolo Rinaldi era il maggiordomo del duca, un incarico prestigioso che gli ha consentito di partecipare direttamente a tutti gli avvenimenti importanti, che Bertini ha ripercorso anche alla luce delle relazioni dei vari ambasciatori e degli interventi degli storici spagnoli. Questa visione prismatica ha fatto emergere un Alessandro Farnese sorprendente per l’abilità con cui ha saputo amministrare il territorio che gli era stato affidato, coinvolgendo le stesse popolazioni; convinto sostenitore del valore dei soldati e dei funzionari italiani; tuttavia non privo di debolezze soprattutto verso le famiglie del marito e del padre della giovane «belle Franceline», che lo consolava della vedovanza.
Per il gruppo dei nobili più elitari, quello dei castigliani, che stava vicino a Filippo II non era tollerabile che il governo dei Paesi Bassi non fosse detenuto da uno spagnolo così come non si poteva permettere che le truppe italiane venissero pagate come quelle spagnole o i soldati italiani imparassero a combattere più di quelli spagnoli perché in futuro si sarebbero potuti rivoltare contro.
Anche «la fiducia e il prestigio – sottolinea Bertini – che Alessandro Farnese aveva acquistato presso i fiamminghi erano visti con sospetto a Madrid: si temeva che volesse impadronirsi del paese con l’appoggio della popolazione». Alessandro, infatti, a Bruxelles negli ultimi anni alloggiava nell’appartamento del Palazzo reale che era stato di Carlo V e la sua corte nel gennaio del 1587 era più numerosa di quella del padre.
Egli aveva saputo conquistare la simpatia dei fiamminghi per «la sua valenza militare, la sua clemenza verso i popoli conquistati, la sua inclinazione a una certa tolleranza religiosa, la disciplina da lui mantenuta nell’esercito, la cura che, fra tante difficoltà, pur si prendeva degli interessi delle  famiglie a lui affidate». E in questo clima i nemici della Spagna – olandesi, francesi e inglesi - speravano veramente che Alessandro si ribellasse a Filippo II e diventasse sovrano delle Fiandre.
Altra malignità era quella che il duca si fosse arricchito a spese del tesoro spagnolo; semmai era vero il contrario in quanto Alessandro aveva speso di tasca propria più di un milione d’oro per finanziare le tre spedizioni marittime contro i turchi. Non solo, ma per sedici anni percepiva solo quanto gli assegnava Filippo II e si faceva mandare soldi da Parma, dal figlio Ranuccio. Chiedeva poi prestiti ai banchieri di Anversa, che puntualmente rimborsava.
L’ambasciatore veneto Francesco Soranzo aveva definito Alessandro «parziale agli italiani, odioso agli spagnoli, troppo amato da’ fiamminghi». E proprio per rintuzzare le calunnie spagnole il segretario Cosimo Masi, dopo la morte del governatore, aveva suggerito al nuovo duca Ranuccio di conservare i documenti che scagionavano Alessandro e testimoniavano come «non fosse mai venuto meno alla sua fedeltà a Filippo II». E la validità della sua strategia politica tenuta nelle Fiandre verrà confermata dalle vicende degli anni seguenti.
PIER PAOLO MENDOGNI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Futuro “Luigine”, inizio prossima settimana firma accordo

il caso

Futuro “Luigine”, nuovo summit con la Proges: firma nei prossimi giorni? Video

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

politica

Elezioni, domenica sera la lista dei partiti in lizza per il Parlamento Video

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

SORBOLO

Auto fuori strada a Enzano: un ferito

gazzareporter

Via Doberdò, dove la segnaletica stradale viene ignorata: pericolo e poca disciplina Gallery

4commenti

lutto

Addio Bruno, spirito guerriero e animo gentile: aveva 49 anni

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

2commenti

MEDICINA

Uno spray imita lo smog e porta i farmaci al cuore: scoperta (anche) parmigiana

5 STELLE

Parlamentarie: la rabbia degli esclusi di Parma Video

3commenti

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

Acquisito il 52% di power2Retail

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

Maltempo

L'uragano Friederike flagella il Nord Europa: 5 morti

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova