-1°

Arte-Cultura

Spattini, tele ricolme di vita

Spattini, tele ricolme di vita
0

Stefania Provinciali

Un terrazzo che si apre sulla città mentre l’artista assorto sembra guardare altrove. Il pensiero corre a quegli «sguardi» sul paesaggio che ritorneranno negli anni, espressione di una meditazione ricorrente e di una mediazione sulla forma. Lui, l’artista, è Claudio Spattini (1922-2010), protagonista dell’antologica che la Fondazione Cariparma inaugura sabato, alle 17, a Palazzo Bossi Bocchi, con apertura al pubblico da domenica fino al 10 giugno. L’immagine apre il catalogo della mostra e riporta alla vita del pittore, nato a Modena ma parmigiano d’adozione; si trasferisce, infatti, a Parma per rimanervi negli anni Cinquanta quando vince la cattedra di disegno alla scuola media Giovanni Pascoli.
Quel decennio rappresenta anche il periodo più vivace e ricco di spunti della sua carriera artistica che si svolgerà senza interruzioni. Sono più di sessanta le opere presentate in mostra per raccontare sessant’anni ed oltre di pittura, vissuti su esperienze forti quali il dialogo aperto nella Bologna degli anni Trenta con Giorgio Morandi e con Virgilio Guidi, fino alla scoperta della vibrante tensione pittorica insita nella Scuola Romana e nella pittura di Mario Mafai. Incontri intensi di cui Spattini fa tesoro pur delineando, nell’Italia divisa fra il realismo e astrazione, una propria visione che rappresenta il vero ma che è attenta al nuovo, riferito all’Ecole de Paris.
La sua vita artistica si svolgerà così fra rivisitazioni e ritorni, fra forme e colori, dove traspare sul filo di una cronologia necessaria l’attenzione ad un pennello forte e denso di cromia ma anche a composizioni dove la natura morta e le sue tentazioni iconografiche lo hanno avvicinato costantemente alle tematiche morandiane. Riferimenti necessari anche se Spattini, si rivela sempre più alla ricerca di un proprio equilibrio, non facile da delineare in tempi in cui essere realisti portava ad una parziale messa ai margini della pittura, come ben spiega Gloria Bianchino nel saggio in catalogo. Con le sue riletture anche interiori dell’arte del Novecento l’artista apre le porte ad una rinnovata visione compositiva dove dietro ogni immagine paesaggistica, ogni natura morta, ogni ritratto sta un pensiero, un approccio al disegno ed al pennello, vissuto nell’intimità e avviato alla scoperta.
La ripetizione di alcuni temi ed in certi dipinti anche dell’interpretazione formale, non deve però ingannare. Accostandosi ai quadri in sequenza cronologica, si scoprono variazioni non secondarie, cambiamenti di luce, di taglio, e quindi di umori e tensioni. Dipingere per una vita si può allora considerare un’esperienza molto più significativa di un aggiornamento continuo al mutare delle tendenze dell’arte, almeno per questo autore che senza lasciarsi sfuggire le tensioni del secolo ha cercato dentro di sé le possibili adesioni.
Una lettura che è anche riscoperta di un agire volto a mediare dal vero senza chiusure. Ne è testimonianza già nel 1959 la fine penna di Roberto Tassi, che in occasione del catalogo della mostra alla Saletta del Caffè Nazionale «Amici dell’Arte» di Modena, coglieva alcuni aspetti fondamentali «... da un lato una tendenza verso un neo realismo che pur non inquinato da tentazioni banalmente contenutistiche faceva le sue prove formali sulla persona umana e conservava dell’ondata neo realistica... alcune suggestioni cromatiche e soprattutto di vigore plastico. Dall’altro una capacità di commozione assai vivace sullo spettacolo della natura...».
Una sorta di lirismo che rimarrà vivo sulla tela, nella pur intensa ricerca di altre «visioni» interpretative. La mostra, «Claudio Spattini e la memoria del Novecento», realizzata a meno di due anni dalla scomparsa, vuol oggi essere un omaggio all’uomo, la cui attività d’insegnante è ben viva nel ricordo degli allievi, e all’artista che dal terrazzo dello studio sembra guardare oltre il paesaggio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti