-2°

Arte-Cultura

E' la stagione della raganella

E' la stagione della raganella
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo  Sartorio

Anticipava  di poco le amiche lucciole e, nel tempo delle erbe,  ossia nel periodo della fienagione, faceva la sua comparsa allietando le notti estive con il suo gracidio. «Nei campi si sente un breve gre-gre di ranelle», scriveva Giovanni Pascoli  nella  poesia «La mia sera», alludendo  alle raganelle,  caratteristico  anfibio, noto soprattutto per il suo canto e per arrampicarsi  sulle piante oltre che stazionare nell’acqua. Le raganelle, nonostante lotte impari che devono combattere contro inquinamento e diserbanti,  esistono ancora. Un tempo, quando l’acqua dei fossati era quasi potabile, quando l’aria e la terra contenevano meno veleni, le raganelle, unitamente alle lucciole, erano le romantiche compagne delle notti estive dei nostri nonni. «Le popolazioni di raganelle -  riporta  la rivista «Vita in Campagna» - per mantenersi stabili hanno bisogno della presenza di siti idonei alla riproduzione. Sono infatti diversi i fattori che possono rendere difficile questa delicata fase: cali improvvisi d’ acqua o cambiamento di qualità dell’acqua stessa dovuto a fonti inquinanti, temperatura  a lungo sfavorevole, forte concentrazione di predatori (soprattutto pesci).  Inoltre è diventato sempre più difficile lo scambio di individui tra i vari stagni o rivoli d’acqua a causa della presenza di strade, insediamenti  umani e aree agricole a monocoltura».

La raganella, da sempre considerata un portafortuna come la coccinella, è l’unico anfibio europeo che si arrampica sugli alberi. Sfruttando questa sua prerogativa essa si ciba di insetti  attirati dai frutti maturi. E’ una creatura  simpatica, deliziosa e, se sorpresa dall’uomo, raramente tenta di fuggire anche se potrebbe spiccare balzi poderosi grazie alle leve delle sue zampe. Il maschio di raganella si differenzia dalla femmina per il sacco vocale posto sotto al gola che si gonfia durante il canto e che durante il periodo degli amori si dilata  al punto di diventare più grande della testa. E’ infatti il maschio il canterino, mentre la femmina non canta. Evidentemente deve fare dell’ altro. L’habitat della raganella  è costituito da zone umide e cespugliose, al di fuori del periodo  riproduttivo può vivere anche lontano dall’acqua,  mentre,  durante la riproduzione, frequenta stagni, torbiere e  fossati. Nei campi la si può trovare su arbusti, alberelli, nelle siepi e sugli alberi da frutto. Un tempo era molto rispettata dai contadini in quanto la ritenevano una preziosa alleata. La raganella, infatti,  si nutre di insetti nocivi come mosche, zanzare, pappataci, afidi, coleotteri. Ma è anche ghiotta di lumachine e formiche  che incontra nei rami mentre si arrampica sulle piante.  La raganella, grazie alla sua attitudine ad arrampicarsi sugli alberi,  in questo modo,  si mette al riparo dai suoi predatori, abitualmente fa vita notturna  mentre d’inverno cade in letargo riparando sotto le radici degli alberi, grosse pietre o all’interno delle fessure del terreno.

Per anni le simpatiche raganelle hanno cadenzato il duro lavoro delle mondine nelle risaie lombardo-piemontesi,  ma hanno fatto anche compagnia alla gente dei campi quando il mondo era meno chiassoso e si potevano ascoltare con maggiore emozione  le melodie della natura composte dal Creatore. Un’antica usanza popolare voleva che le raganelle  prevedessero il tempo. Se  il rospo,  in mezzo alla strada,  era sicuramente presagio di un temporale,  le raganelle se, dopo essere state rinchiuse in una scatola o in un barattolo, gracidavano, ci sarebbe stata pioggia. Se invece tentavano di risalire le pareti del contenitore il tempo sarebbe stato bello. Le ragazze da marito se  notavano una raganella su un fiore di zucca,  di lì a poco si sarebbero sposate. Se invece la incrociavano appostata sopra una staccionata di legno sarebbero rimaste zitelle. Fino agli inizi degli anni sessanta le raganelle si potevano udire anche nella periferia della città. Chi, ad esempio, risiedeva nel quartiere Cittadella, non può non ricordare i concerti notturni di raganelle  nei fossati d’ acqua purissima che scorrevano ai  lati di strada Budellungo prima che il cemento  rubasse erba alla compagna.  A questo simpatico anfibio canterino fu associato anche uno strumento musicale popolare che porta il suo nome. Si tratta di un aggeggio in legno che, facendolo roteare, riproduce,  attraverso una ruota dentata,  un  suono  che ricorda  il gracidare della raganella. Dalle nostre parti, si chiama «sgrisla» e veniva utilizzato   il  giovedì, venerdì e sabato santo durante le funzioni religiose  quando le campane venivano «legate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

modena

Colpì una 15enne col manganello, chiesto processo per poliziotto

2commenti

SPORT

SPORT

Il ritorno del "Biscione" in Formula Uno: ecco l'Alfa Romeo C37 Foto

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato