Arte-Cultura

E' la stagione della raganella

E' la stagione della raganella
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo  Sartorio

Anticipava  di poco le amiche lucciole e, nel tempo delle erbe,  ossia nel periodo della fienagione, faceva la sua comparsa allietando le notti estive con il suo gracidio. «Nei campi si sente un breve gre-gre di ranelle», scriveva Giovanni Pascoli  nella  poesia «La mia sera», alludendo  alle raganelle,  caratteristico  anfibio, noto soprattutto per il suo canto e per arrampicarsi  sulle piante oltre che stazionare nell’acqua. Le raganelle, nonostante lotte impari che devono combattere contro inquinamento e diserbanti,  esistono ancora. Un tempo, quando l’acqua dei fossati era quasi potabile, quando l’aria e la terra contenevano meno veleni, le raganelle, unitamente alle lucciole, erano le romantiche compagne delle notti estive dei nostri nonni. «Le popolazioni di raganelle -  riporta  la rivista «Vita in Campagna» - per mantenersi stabili hanno bisogno della presenza di siti idonei alla riproduzione. Sono infatti diversi i fattori che possono rendere difficile questa delicata fase: cali improvvisi d’ acqua o cambiamento di qualità dell’acqua stessa dovuto a fonti inquinanti, temperatura  a lungo sfavorevole, forte concentrazione di predatori (soprattutto pesci).  Inoltre è diventato sempre più difficile lo scambio di individui tra i vari stagni o rivoli d’acqua a causa della presenza di strade, insediamenti  umani e aree agricole a monocoltura».

La raganella, da sempre considerata un portafortuna come la coccinella, è l’unico anfibio europeo che si arrampica sugli alberi. Sfruttando questa sua prerogativa essa si ciba di insetti  attirati dai frutti maturi. E’ una creatura  simpatica, deliziosa e, se sorpresa dall’uomo, raramente tenta di fuggire anche se potrebbe spiccare balzi poderosi grazie alle leve delle sue zampe. Il maschio di raganella si differenzia dalla femmina per il sacco vocale posto sotto al gola che si gonfia durante il canto e che durante il periodo degli amori si dilata  al punto di diventare più grande della testa. E’ infatti il maschio il canterino, mentre la femmina non canta. Evidentemente deve fare dell’ altro. L’habitat della raganella  è costituito da zone umide e cespugliose, al di fuori del periodo  riproduttivo può vivere anche lontano dall’acqua,  mentre,  durante la riproduzione, frequenta stagni, torbiere e  fossati. Nei campi la si può trovare su arbusti, alberelli, nelle siepi e sugli alberi da frutto. Un tempo era molto rispettata dai contadini in quanto la ritenevano una preziosa alleata. La raganella, infatti,  si nutre di insetti nocivi come mosche, zanzare, pappataci, afidi, coleotteri. Ma è anche ghiotta di lumachine e formiche  che incontra nei rami mentre si arrampica sulle piante.  La raganella, grazie alla sua attitudine ad arrampicarsi sugli alberi,  in questo modo,  si mette al riparo dai suoi predatori, abitualmente fa vita notturna  mentre d’inverno cade in letargo riparando sotto le radici degli alberi, grosse pietre o all’interno delle fessure del terreno.

Per anni le simpatiche raganelle hanno cadenzato il duro lavoro delle mondine nelle risaie lombardo-piemontesi,  ma hanno fatto anche compagnia alla gente dei campi quando il mondo era meno chiassoso e si potevano ascoltare con maggiore emozione  le melodie della natura composte dal Creatore. Un’antica usanza popolare voleva che le raganelle  prevedessero il tempo. Se  il rospo,  in mezzo alla strada,  era sicuramente presagio di un temporale,  le raganelle se, dopo essere state rinchiuse in una scatola o in un barattolo, gracidavano, ci sarebbe stata pioggia. Se invece tentavano di risalire le pareti del contenitore il tempo sarebbe stato bello. Le ragazze da marito se  notavano una raganella su un fiore di zucca,  di lì a poco si sarebbero sposate. Se invece la incrociavano appostata sopra una staccionata di legno sarebbero rimaste zitelle. Fino agli inizi degli anni sessanta le raganelle si potevano udire anche nella periferia della città. Chi, ad esempio, risiedeva nel quartiere Cittadella, non può non ricordare i concerti notturni di raganelle  nei fossati d’ acqua purissima che scorrevano ai  lati di strada Budellungo prima che il cemento  rubasse erba alla compagna.  A questo simpatico anfibio canterino fu associato anche uno strumento musicale popolare che porta il suo nome. Si tratta di un aggeggio in legno che, facendolo roteare, riproduce,  attraverso una ruota dentata,  un  suono  che ricorda  il gracidare della raganella. Dalle nostre parti, si chiama «sgrisla» e veniva utilizzato   il  giovedì, venerdì e sabato santo durante le funzioni religiose  quando le campane venivano «legate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS