15°

Arte-Cultura

Odoardo, il duca scomunicato

Odoardo, il duca scomunicato
0

Pier Paolo Mendogni
«Io mi son risoluto d’avanzare con tutte le mie forze i miei serenissimi bisavi et avi, il signor duca Ottavio nella sapienza, il signor duca Alessandro nella gloria, il signor duca mio padre nell’abbondanza et pace»: questo nobile proposito veniva pronunciato spesso – davanti al suo istruttore, il severo gesuita Vicedomini – dal piccolo Odoardo, figlio del duca di Parma Ranuccio I Farnese e destinato a succedergli in giovane età; quando Ranuccio è morto (1622), Odoardo aveva solo dieci anni in quanto era nato a Parma quattro secoli or sono, esattamente il 28 aprile 1612.
E questa ricorrenza ci porta a ricordare la figura del quinto duca dello stato di Parma e di Piacenza, uno dei meno conosciuti perché è morto a soli 34 anni e non ha lasciato segni particolarmente incisivi nella città, se si eccettua l’inaugurazione spettacolare del Teatro Farnese, fatto costruire però da suo padre.
I ritratti che si conservano nella Galleria Nazionale, al Museo Lombardi e alla Fondazione Magnani Rocca – probabilmente copie da un originale di Giusto Sustermans – lo mostrano già vistosamente affetto dalla pinguedine derivatagli dalla madre Margherita Aldobrandini e che caratterizzerà tutti i discendenti, portando all’estinzione della casata. Il suo volto è tondo di grasso col doppio mento, due baffi corti come il pizzetto mentre i capelli neri gli scendono sulle spalle; indossa un giustacuore con un largo colletto di pizzo e una camicia bianca dalle ampie maniche; nel quadro del Museo Lombardi (rettangolare mentre gli altri sono ovali) tiene la mano destra sull’elmo e con la sinistra l’elsa della spada per sottolineare il suo valore militare; lo sguardo esprime un’ambizione che lo porterà – con la sua presunzione e i suoi debiti dissennati – a lasciare il ducato in cattive acque.
Fin da bambino gli erano stati inculcati con rigore il senso del dovere e l’orgoglio della grandezza della casata. A 12 anni scriveva «orationcelle» in latino, si esercitava nella danza, nelle armi, a cavalcare e aveva già un appartamento proprio con corte privata. Due anni dopo assumeva il potere e si preparava al matrimonio con Margherita de’ Medici, ostacolato dalla zia di lei Maria de’ Medici regina di Francia che voleva maritarla col suo secondogenito Gastone. Ma Odoardo non cedeva e l’11 ottobre 1628 nella cattedrale di Santa Maria del Fiore, riccamente addobbata, si celebravano le nozze dopodichè la duchessa si portava a Parma, dove erano stati predisposti per l’evento costosissimi apparati tra cui la costruzione dell’arco a San Lazzaro progettato da Giambattista Magnani.
Veniva finalmente inaugurato anche il grande teatro ducale (21 dicembre) con «Mercurio e Marte» scritto da Claudio Achillini e musicato da Claudio Monteverdi con macchine e effetti spettacolari, conclusosi con la naumachia. Purtroppo nel 1630 la peste decimava la popolazione e prostrava l’economia. Nasceva il primogenito Ranuccio che sarà seguito da Orazio e Alessandro (generali), Caterina (carmelitana scalza) e Pietro.
I debiti del ducato, già pesanti, aumentavano per l’allestimento di un esercito che andava ad aiutare i francesi nell’assedio di Valenza, risoltosi miseramente con molte truppe che disertavano. Odoardo aveva ripudiato la tradizionale politica filospagnola in quanto nutriva sentimenti antispagnoli per le umiliazioni subite dai suoi avi; così nel 1633 aveva restituito le insegne del Toson d’oro e la Spagna per ripicca gli aveva confiscato e venduto i feudi d’Abruzzo. L’astuto Richelieu nel frattempo gli aveva messo a fianco Jacopo Gaufrido, nominato presto segretario di Stato. Dopo Valenza (1635) le truppe spagnole invadevano il ducato e Odoardo andava a chiedere aiuto a Parigi, ricevendo solo promesse; a Parma era costretto a tornare di notte, di nascosto. Dopo estenuanti trattative riusciva a riavere il ducato (febbraio 1637) rinunciando all’alleanza con la Francia.
Per i copiosi debiti contratti aveva dato come ipoteca il feudo di Castro, che piaceva ai Barberini nipoti di Urbano VIII. Così nel 1639 il duca veniva invitato a Roma dal Papa che lo accoglieva affettuosamente e i Barberini gli proponevano di acquistare Castro per una forte somma ma Odoardo rifiutava e iniziava a compiere gesti sconvenienti verso i Barberini e lo stesso pontefice entrando senza annunciarsi nei suoi appartamenti per congedarsi (gennaio 1640). Urbano VIII revocava i privilegi concessi ai Farnese da Paolo III con pesanti ripercussioni economiche; nell’ottobre del ’41 le truppe pontificie conquistavano Castro e Odoardo veniva scomunicato. Il duca allora espelleva dallo stato i religiosi legati ai Barberini e nel settembre del ’42 partiva da Parma con un esercito di 3.500 cavalli e altrettanti fanti entrando nello Stato pontificio fino ad Acquapendente, ma gli mancava il coraggio di proseguire. Iniziavano lunghe trattative per comporre la vertenza, concluse con la pace di Venezia (1644) che stabiliva la restituzione al Farnese di Castro, lasciando insoluto il problema dei debiti. Alla morte di Urbano VIII gli succedeva Innocenzo X che confermava Odoardo gonfaloniere della Chiesa e concedeva la porpora al fratello Francesco Maria (dicembre 1645). L’anno seguente era funestato dalla morte della sorella Maria duchessa di Modena in giugno, della duchessa madre Margherita Aldobrandini in agosto e dello stesso Odoardo (12 settembre) per apoplessia: lasciava «lo stato devastato, immiserito e decisamente avviato alla decadenza».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Chiede i soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

parma calcio

Parma, lotta di nervi col Venezia. Lucarelli: "Attenzione alla Feralpi" Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

20commenti

tg parma

Pesticidi nel Po: dati preoccupanti, trovate anche sostanze proibite

Pubblicato un dossier Ispra

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

TARANTO

Assolto dall'accusa di omicidio: scarcerato dopo 20 anni

1commento

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Mondiali

Sci nordico: Pellegrino vince l'oro

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video