-5°

Arte-Cultura

Nel buio della Storia

Nel buio della Storia
0

di Camillo Bacchini

Sorprende Paola Soriga al suo esordio narrativo con «Dove finisce Roma» (Einaudi, pag. 140, euro 15,5), perché una donna nata alla fine degli anni Settanta  scrive un romanzo sulla Resistenza con una freschezza che oggi, tempo in cui la distanza storica da quegli eventi si è fatta più densa ed articolata, più distaccata e riflessiva, lascia perplessi. La protagonista, Ida, una ragazzina, che ha preso a collaborare con i partigiani, tradita da una spia, è seguita e sta per essere arrestata; si rifugia allora, come in un utero materno, nelle viscere dell’Urbe, in una galleria dove si rintanava da piccola, assieme alla compagna di giochi. Da quel momento la vita di sopra comincia ad entrare - a colare dalle pareti e dal soffitto - e ad essere recuperata tramite una serie martellante di flashback, orientati nel tempo e nello spazio. In quel buco piovono dall’alto, come le acque stillanti dalle pareti umide che Ida beve avidamente per non morire di sete, i ricordi, le impressioni e le paure di una giovanissima troppo presto buttata nel fango della vita. Piovono anche i personaggi, con il loro carico affettivo. Allora, mentre le pagine proseguono e ci si chiede se alla fine Ida uscirà o meno dal suo buio sotterraneo, ad uno sguardo più attento, le cose si chiariscono, e si fanno meno scontate: innanzitutto non è esattamente un romanzo sulla Resistenza, o, se lo è, non è incisivo. Non aggiunge nulla al racconto dei drammi dell’Italia intorno al Secondo Conflitto, nessuna storia importante o comunque nessun modo particolarmente originale di ritrarre quel momento critico del nostro passato. Ad esempio, certi personaggi muoiono o soffrono senza che il lettore abbia fatto in tempo ad affezionarsi ad essi, e dunque non si piange nemmeno troppo. Compare persino una Micol, amichetta di Ida, ricca, che la riceve spesso nella sua casa signorile, coi genitori e il tè, e le sue stanze avranno poi le finestre chiuse, perché le retate se la sono portata via, Micol; una ragazza dolcissima, bionda, che vive in un’atmosfera struggente, dove tutto è precario, tanto che basterebbe aggiunger un campo da tennis, un solo campo da tennis! per ritrovare la Micol Finzi Contini di Bassani che tutti abbiamo amato. Più che citazione. Ecco perché il ritratto dell’Italia di allora è uno spaccato corretto, senza sbavature, ma sembra recuperato dalla letteratura più che dalla testimonianza, anche se dietro alla stesura si intuisce anche un puntuale lavoro di ricerca. Tutto questo, però, ha un senso, perché la qualità indiscussa di questo romanzo risiede nella sua attualità: si tratta di un romanzo psicologico, il dramma di una ragazzina a cavallo tra i primi ricordi e le aspettative di un futuro incerto, pieno di ma e di se, di paure e di angosce. Un ragazzina che fa pensare all’Italia che rinasce dopo l’incubo della guerra e che oggi si volta indietro dicendo: “è da lì che proveniamo, ed ecco cosa siamo diventati” (nel bene e nel male). Ma, al di là di queste simbologie social-collettive, è un «regressum ad uterum», quella discesa agli inferi di Ida, che ricorda da vicino, e dunque in chiave del tutto contemporanea, la fuga del protagonista del recentissimo «Io e te» di Ammanniti, un coetaneo di Ida che si rifugia in cantina all’insaputa di tutti, una cantina affollata di pensieri, ricordi, incertezze; entrambi, Ida e il ragazzo di Ammanniti, ricevono visite, che saranno la chiave della svolta per la trama. Il personaggio della Soriga è quindi una ragazzina di ieri, di oggi, di sempre, alle prese con il magma del suo animo sotto stress: la vita, da cui si è assentata per un momento, da un lato la chiama, dall’altro la spaventa. E questa assenza, questa pausa, diventa un modo per stare con se stessi, a metà tra il coatto e l’intenzionale. In una prospettiva, tra l’altro, tutta femminile, che è poi quella dominante nel romanzo. La fuga si tramuta dunque in un’occasione di riflessione su di sè, sugli eventi che urgono e che saranno determinanti per il futuro, non solo di Ida. Uno stress, quello della protagonista, che si traduce in scrittura costruita con consapevolezza letteraria, a dispetto della sua veloce spontaneità; un periodo che da un lato fa l’occhiolino a certa letteratura che conosciamo bene - con il ricorrere spesso al discorso indiretto libero in modi del tutto già letti (in primis Verga e la sua stirpe) - ma che, dall’altro, giunge però a torcersi e a far confluire il discorso indiretto libero stesso, spremuto al limite delle sue possibilità, tra espressioni dialettali sarde (Paola e Ida vengono dalla Sardegna, isola che amano visceralmente) e anacoluti continui, nello «stream of consciousness» in modi davvero efficaci. Una voce coraggiosa, come il suo personaggio.

Dove finisce Roma 
   Einaudi, pag. 140,  € 15,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

EMERGENZA

Parma si mobilita

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta