Arte-Cultura

Nel buio della Storia

Nel buio della Storia
0

di Camillo Bacchini

Sorprende Paola Soriga al suo esordio narrativo con «Dove finisce Roma» (Einaudi, pag. 140, euro 15,5), perché una donna nata alla fine degli anni Settanta  scrive un romanzo sulla Resistenza con una freschezza che oggi, tempo in cui la distanza storica da quegli eventi si è fatta più densa ed articolata, più distaccata e riflessiva, lascia perplessi. La protagonista, Ida, una ragazzina, che ha preso a collaborare con i partigiani, tradita da una spia, è seguita e sta per essere arrestata; si rifugia allora, come in un utero materno, nelle viscere dell’Urbe, in una galleria dove si rintanava da piccola, assieme alla compagna di giochi. Da quel momento la vita di sopra comincia ad entrare - a colare dalle pareti e dal soffitto - e ad essere recuperata tramite una serie martellante di flashback, orientati nel tempo e nello spazio. In quel buco piovono dall’alto, come le acque stillanti dalle pareti umide che Ida beve avidamente per non morire di sete, i ricordi, le impressioni e le paure di una giovanissima troppo presto buttata nel fango della vita. Piovono anche i personaggi, con il loro carico affettivo. Allora, mentre le pagine proseguono e ci si chiede se alla fine Ida uscirà o meno dal suo buio sotterraneo, ad uno sguardo più attento, le cose si chiariscono, e si fanno meno scontate: innanzitutto non è esattamente un romanzo sulla Resistenza, o, se lo è, non è incisivo. Non aggiunge nulla al racconto dei drammi dell’Italia intorno al Secondo Conflitto, nessuna storia importante o comunque nessun modo particolarmente originale di ritrarre quel momento critico del nostro passato. Ad esempio, certi personaggi muoiono o soffrono senza che il lettore abbia fatto in tempo ad affezionarsi ad essi, e dunque non si piange nemmeno troppo. Compare persino una Micol, amichetta di Ida, ricca, che la riceve spesso nella sua casa signorile, coi genitori e il tè, e le sue stanze avranno poi le finestre chiuse, perché le retate se la sono portata via, Micol; una ragazza dolcissima, bionda, che vive in un’atmosfera struggente, dove tutto è precario, tanto che basterebbe aggiunger un campo da tennis, un solo campo da tennis! per ritrovare la Micol Finzi Contini di Bassani che tutti abbiamo amato. Più che citazione. Ecco perché il ritratto dell’Italia di allora è uno spaccato corretto, senza sbavature, ma sembra recuperato dalla letteratura più che dalla testimonianza, anche se dietro alla stesura si intuisce anche un puntuale lavoro di ricerca. Tutto questo, però, ha un senso, perché la qualità indiscussa di questo romanzo risiede nella sua attualità: si tratta di un romanzo psicologico, il dramma di una ragazzina a cavallo tra i primi ricordi e le aspettative di un futuro incerto, pieno di ma e di se, di paure e di angosce. Un ragazzina che fa pensare all’Italia che rinasce dopo l’incubo della guerra e che oggi si volta indietro dicendo: “è da lì che proveniamo, ed ecco cosa siamo diventati” (nel bene e nel male). Ma, al di là di queste simbologie social-collettive, è un «regressum ad uterum», quella discesa agli inferi di Ida, che ricorda da vicino, e dunque in chiave del tutto contemporanea, la fuga del protagonista del recentissimo «Io e te» di Ammanniti, un coetaneo di Ida che si rifugia in cantina all’insaputa di tutti, una cantina affollata di pensieri, ricordi, incertezze; entrambi, Ida e il ragazzo di Ammanniti, ricevono visite, che saranno la chiave della svolta per la trama. Il personaggio della Soriga è quindi una ragazzina di ieri, di oggi, di sempre, alle prese con il magma del suo animo sotto stress: la vita, da cui si è assentata per un momento, da un lato la chiama, dall’altro la spaventa. E questa assenza, questa pausa, diventa un modo per stare con se stessi, a metà tra il coatto e l’intenzionale. In una prospettiva, tra l’altro, tutta femminile, che è poi quella dominante nel romanzo. La fuga si tramuta dunque in un’occasione di riflessione su di sè, sugli eventi che urgono e che saranno determinanti per il futuro, non solo di Ida. Uno stress, quello della protagonista, che si traduce in scrittura costruita con consapevolezza letteraria, a dispetto della sua veloce spontaneità; un periodo che da un lato fa l’occhiolino a certa letteratura che conosciamo bene - con il ricorrere spesso al discorso indiretto libero in modi del tutto già letti (in primis Verga e la sua stirpe) - ma che, dall’altro, giunge però a torcersi e a far confluire il discorso indiretto libero stesso, spremuto al limite delle sue possibilità, tra espressioni dialettali sarde (Paola e Ida vengono dalla Sardegna, isola che amano visceralmente) e anacoluti continui, nello «stream of consciousness» in modi davvero efficaci. Una voce coraggiosa, come il suo personaggio.

Dove finisce Roma 
   Einaudi, pag. 140,  € 15,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Palazzo Chigi: Renzi parlerà a mezzanotte

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città successo dei Sì per pochi voti

55 sezioni su 470: 52.50 il No. In città Si al 50.33%

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

7commenti

Amatori Rugby Parma

Beppe Carra: "Non ci basta: vogliamo altre vittorie" Intervista

II capitano commenta l'importante successo, il primo casalingo, contro Livorno - Esplode la festa in campo e negli spogliatoi (guarda le foto)

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

13commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)