-2°

Arte-Cultura

Luis Sepùlveda oggi a Parma per gli 80 anni della Guanda

Luis Sepùlveda oggi a Parma per gli 80 anni della Guanda
1

Gli appuntamenti
Lunedì  alle 18,30 all'Auditorium del Carmine il grande narratore Luis Sepúlveda converserà con lo scrittore Bruno Arpaia. Martedì alle 11,30 alla Galleria San Ludovico verrà inaugurata la mostra di illustrazioni di Guido Scarabottolo «Sotto le copertine» (aperta fino al 10 giugno da mercoledì a domenica dalle 10 alle 19). Poi, alle 16,30 a Palazzo del Governatore conversazione sul rapporto tra autore ed editore con Marta Morazzoni, Andrea Kerbaker, Luigi Brioschi, Giuseppe Marchetti.  Infine, alle 18, sempre a Palazzo del Governatore, lectio magistralis sulla poesia del grande poeta siriano-libanese Adonis.


Riccardo Di Vincenzo
Il mio rapporto con Guanda è sempre stato felice, sin dal primo giorno. Non mi è mai successo ciò di cui parla Robert Musil, ossia che lo scrittore si senta quasi di troppo in una casa editrice che pure vive del suo lavoro».
Così Luis Sepúlveda racconta il suo legame con la Ugo Guanda editore di  Parma, di cui lunedì e martedì verrà festaggiato  l’ottantesimo compleanno.
Com’è nata la vostra collaborazione?
 È cominciata vent’anni fa con la pubblicazione de «Il vecchio che leggeva romanzi d’amore». Quel romanzo è stato tradotto in cinquantadue lingue, quindi ho avuto rapporti con molti editori. Solo che con Guanda il rapporto professionale è diventato un incontro di persone. Mi riferisco in particolare a Luigi Brioschi, che è il rappresentante di una razza in via d’estinzione: quella dell’editore vero. È una persona colta e di grande saggezza letteraria, con un molto fiuto per i libri e abile nel destreggiarsi tra i pericolosi flutti del mercato. Non è facile perché spesso gli editori che propongono grande letteratura, o grande poesia, come fa Guanda, sono penalizzati. Tuttavia un editore non può e non deve diventare un direttore di marketing, non può trattare i libri come se fossero formaggini. Dalla collaborazione all’amicizia il passo è stato naturale. La nostra amicizia si nutre di stima, di complicità, di scoperte di autori ignoti che ci siamo segnalati a vicenda, condividendoli quasi segretamente, magari prima che diventassero autori di fama internazionale.
Guanda ha appena pubblicato  la sua raccolta di «Tutti i racconti», a cura di Bruno Arpaia. Lei ha scritto che il racconto breve è il genere che più le piace. Perché?
Scrivere racconti è molto impegnativo. Cortazar diceva che nella lotta tra un testo e il lettore, un romanzo può vincere ai punti, il racconto deve vincere per knock out. Io credo che avesse ragione. I racconti richiedono grande sicurezza e disinvoltura nel rapporto con la scrittura. In un romanzo, se un capitolo è debole, si può sempre rimediare nel capitolo successivo. Nel racconto non è così. È una prova unica, o riesce o fallisce.

Anni fa lei scrisse che si deve procedere di sconfitta in sconfitta fino alla vittoria finale. Ne è ancora convinto?
 Sì ne sono ancora convinto. Io continuo a nutrire la bella utopia di un mondo più giusto e migliore. So per esperienza che ogni volta le grandi idee e le grandi promesse saranno disattese, subiranno una grande sconfitta che deluderà molti, tuttavia sconfitta dopo sconfitta il mondo progredisce lentamente. Perciò non ci sono buoni motivi per abbandonare questa utopia. Probabilmente, io la vittoria finale non la vedrò, ma posso sperare che la vedano i miei figli. O almeno che vedano un mondo migliore del nostro.
Cos’è per lei un mondo migliore?
Ad esempio, un mondo diverso da quello odierno. Oggi mi sembra che ci sia un regime di banchieri. Pare che l’economia si sia sbarazzata della politica e governi direttamente. Il mercato finanziario decide tutto: anche l’idea etica di bene e di male, dove è considerato un bene ciò che favorisce il mercato. Credo che i cittadini debbano riscoprire i propri diritti, a cominciare dal diritto di essere cittadini e non solo consumatori. A volte, mi sembra che abbiamo dimenticato l’abc della democrazia per lasciare tutto in mano al mercato, comprese quelle decisioni politiche che spettano a noi.
C’è un libro che avrebbe voluto scrivere e non ha scritto?
Sì, ma non dispero di poterlo scrivere un giorno. Sento di dovere un libro a mio nonno, anarchico andaluso, e a mia nonna abruzzese. Hanno avuto una vita sorprendente, leggendaria in alcuni momenti. Da anni raccolgo materiali su di loro, e sento che dovrei decidermi a trasformare questi materiali in un’idea letteraria compiuta, elaborandoli nella scrittura, affinché scaturisca il romanzo che devo loro. E non solo per gratitudine.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Natalia

    14 Maggio @ 19.18

    Grande Sepùlveda( firmato : una "vallisoletana" di Parma)

    Rispondi

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

12commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti