12°

22°

Arte-Cultura

Memorie di Parma medievale

Memorie di Parma medievale
0

Stella Leprai
Parma medievale: le fonti documentarie e i luoghi della memoria. Pubblichiamo a seguire un contributo sulla storia medievale della nostra città a cura di Stella Leprai, dottore di ricerca in Storia medievale all’Università degli Studi di Milano e autrice del saggio «La società urbana. Conflitti e strumenti di pacificazione», contenuto in «Parma medievale. Economia, società, memoria», quarto volume dell’opera editoriale Storia di Parma, edita da Mup Editore grazie al sostegno di Fondazione Monte Parma, Università degli Studi di Parma e Camera di Commercio di Parma. Stella Leprai sarà ospite dell’incontro «Guerra e pace nel medioevo parmense». L'incontro si terrà sabato 26 maggio, alle ore 17, alla Biblioteca Manara di Borgotaro (piazza Manara, 7).
In epoca medievale Parma rivestì un ruolo importante all’interno della realtà padana, inserendosi entro ampie e durevoli reti di relazioni che trovavano espressione sul piano politico, economico e culturale. Strumento indispensabile per ricostruire le vicende che videro protagonista la città durante il lungo millennio medievale è la documentazione di natura archivistica, in gran parte inedita, raccolta presso gli archivi e le biblioteche cittadini (e non). L’attuale panorama archivistico parmense, caratterizzato da una condizione di grande frammentarietà, trova spiegazione non soltanto nelle vicende che, in età medievale, videro protagonisti i produttori di documentazione ma anche in quelle degli archivi e delle biblioteche che hanno accolto tale documentazione. Assai significativo è il caso dell’Archivio del Comune di Parma, la cui parte più antica, conservata presso il locale Archivio di Stato, rappresenta ad oggi uno dei complessi documentari di maggiore interesse per i medievisti. Le prime dispersioni di cui si ha notizia avvennero già nel 1308, in occasione degli scontri che videro i Lupi di Soragna contrapporsi al signore della città, Giberto da Correggio. In questa circostanza i sostenitori dei Lupi distrussero buona parte delle carte conservate presso l’archivio. Le parti in concorrenza per il controllo sulla città cercavano infatti di eliminare la memoria delle pendenze fiscali e giuridiche che le riguardavano. Non a caso lo stesso Giberto, riconquistato il potere, fece distruggere i libri antiqui delle delibere comunali al fine di rinsaldare il controllo esercitato sulle istituzioni cittadine. La documentazione sopravvissuta alle vicende appena descritte fu dunque in gran parte distrutta nel 1404 in occasione del passaggio di Parma sotto il controllo di Ottobuono Terzi. A tali danni si aggiunsero poi quelli derivanti dagli incendi scoppiati in occasione della sommossa che, a metà Quattrocento, accompagnò l’affermazione del dominio sforzesco su Parma. Già alla fine del Quattrocento, dunque, l’Archivio del Comune aveva subito pesanti e irrimediabili perdite che interessavano principalmente gli atti di carattere giudiziario e fiscale ma anche i registri delle delibere comunali. Le dispersioni proseguirono anche in età moderna, in seguito agli spostamenti che l’archivio sperimentò prima di giungere alla sua sede odierna e a causa dell’inadeguatezza dei locali nei quali esso fu ospitato e alla carenza di efficaci provvedimenti finalizzati alla sua conservazione. Non mancarono poi eventi drammatici come il crollo, avvenuto nel 1606, della torre del palazzo comunale che accoglieva l’archivio, solo in parte recuperato. Il caso descritto esemplifica come lo studio delle vicende che interessano gli enti conservativi cittadini possa portare a una migliore comprensione di un panorama archivistico che ha molto da offrire a chi si occupa di Medioevo. Particolarmente interessanti sono i complessi documentari conservati presso il locale Archivio di Stato. Tra i fondi ivi conservati, oltre al già ricordato Archivio del Comune, un ruolo di primo piano è rivestito dal Diplomatico, una collezione di migliaia di atti membranacei, di matrice pubblica e privata, formata in prevalenza da scritture di enti ecclesiastici soppressi durante la dominazione francese. Non vanno poi dimenticati il fondo Conventi e Confraternite, formatosi in seguito alla soppressione delle corporazioni religiose di età napoleonica e formato da oltre 7.000 buste e volumi; la documentazione proveniente dai cosiddetti «Antichi Ospizi di Parma» lasciata in deposito perpetuo all’Archivio di Stato durante la prima metà del XX secolo; i fondi Famiglie e Notarile e molti altri ancora..L’elencazione delle fonti custodite presso l’Archivio di Stato potrebbe in realtà andare avanti ancora a lungo, vista l’enorme mole di documentazione che esso contiene. Al confronto, gli altri enti conservativi cittadini presentano strutture inevitabilmente più lineari. Di notevole interesse è comunque l’Archivio Capitolare che, nonostante le dispersioni documentarie subite nel tempo, accoglie tuttora un imponente corpus di atti medievali, pergamenacei e cartacei, di natura prevalentemente amministrativa e patrimoniale. Importanti, anche se meno ricchi di fonti medievali, sono anche l’Archivio Diocesano Vescovile, dotato comunque di una bella collezione pergamenacea, e la Biblioteca Palatina i cui fondi documentari risultano in gran parte ancora inesplorati. Last but not least, va infine ricordata l’esistenza, fuori dai confini cittadini, di importanti nuclei documentari riguardanti Parma e il suo territorio in età medievale: è il caso della ricchissima documentazione prodotta durante la dominazione visconteo-sforzesca su Parma e conservata presso l’Archivio di Stato di Milano.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'abbraccio di Samuele Bersani

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

2commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

Anno 2016

Emilia-Romagna, distretti industriali in crescita. I salumi di Parma tra i migliori

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

2commenti

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

1commento

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

cinema

Morto Jonathan Demme, il regista del "Silenzio degli Innocenti"

Autostrada

Ancora uno scontro fra camion in A1: un morto a Modena

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Smartphone, i giovani italiani sono meno "dipendenti" in Europa

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

SPORT

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

2commenti

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport