23°

Arte-Cultura

Carrette del mare, epica del dolore

Carrette del mare, epica del dolore
Ricevi gratis le news
0

di Sergio Caroli

Capita di rado, leggendo un’opera letteraria, di essere rapiti dalla potenza ammaliatrice della poesia che si fa racconto. Mentre tanti orrori vanno devastando la civiltà, ci conforta la voce della «poiesis» che si sprigiona da «Sarabanda. Oratorio in tre tempi per voce sola» di Salvatore Veca (Feltrinelli, pag. 109, 12 euro). Una carretta sul mare al largo di una costa probabilmente italiana reca a bordo una folla di migranti in fuga dalla guerra, dalla fame, dalla tirannia «con il sogno opaco di un altrove». Nella narrazione di un vecchio, carico di anni e di saggezza - una sorta di sciamano che ha vissuto, in tempi diversi, molte vite in molti luoghi del mondo - prendono corpo tragedie storiche che trascinano la loro sanguinosa vicenda su questo lacrimoso teatro della terra. L’arte mimetica di Veca, esponente tra i più insigni della filosofia contemporanea (è attualmente ordinario di Filosofia politica all’Istituto universitario di Studi superiori di Pavia), ci offre un racconto pregnante di storia e umanità, nel quale la scrittura entra in gara con la lingua del teatro, dando vita a intrecci senza numero tra immaginazione lirica e meditazione filosofica.
Professor Veca, all’esordio del suo «Oratorio» leggo: «In principio era la voce. La voce che canta. Che implora. O sussurra. Che ingiunge e comanda. O piange e seduce. Voce di nenie e di fiabe e di canti e di lunghi poemi». E’ un omaggio all’epica, quale fonte della sua ispirazione?
Ho scritto una prima versione di Sarabanda per il teatro Nohma di Milano. Per questo, il tema della voce è naturale e, del resto, accompagna l’ascoltatore o il lettore dall’inizio alla fine. Vi è una voce che narra e vi sono mille voci d’umanità nell’Oratorio. E’ il mio omaggio all’epica e alla «phoné», come avrebbe detto Carmelo Bene. Ed è anche il promemoria semplice del nostro rivolgere parole ad altri. Contro la condanna al silenzio. O all’afasia.
Nel primo tempo ci sono tre donne. Che cosa rappresentano?
Laila, l’afghana, è la prima delle tre donne che sulla zattera del mare narrano la loro esperienza della fuga e dell’angoscia di una decisione terribile: quella dell’addio a un paese e a un mondo che non lascia speranza. Laila vuole fare pediatria, ma non può. Vuole scegliere il suo futuro di donna, ma non può. L’altra è Chika, che con il suo piccolo Nelson viene dalla Somalia e scappa per fame e condanna alla solitudine. La terza è Zahra, che fugge da Teheran dove non può fare musica all’aperto, né amare all’aperto. Il vecchio sciamano risponde alle loro domande con voci di donna. Con voci di poesie di donne, da Saffo a Achmatova, a Dickinson.
Il secondo tempo parla delle cose d’amore. Perché questo tema?
Il tema dell’amore irrompe nel secondo tempo con la storia di Yamila e Shahbal. Due giovani iraniani che si reincontrano sulla barca, dopo l’estate della speranza e della oppressione a Teheran, al tempo della grande partecipazione giovanile alle elezioni del 2009. Cose d’amore possono aver luogo anche sulle carrette del mare. Il tema dell’amore chiama in causa la forza suprema del desiderio che salva, o può salvare, il riconoscimento d’umanità anche nelle condizioni della perdita e della più dura minaccia. Ma, come quello della voce, anche il tema dell’amore, nelle sue metamorfosi, accompagna chi legge sino alla fine dell’Oratorio. Nel secondo tempo, vi è luce aurorale, dopo la notte di bonaccia. E il vecchio riconosce nel volo dei gabbiani il promemoria della Sarabanda d’umanità. Grazie alle cose d’amore. E alle voci che nel tempo le salvano e le custodiscono.
«Sarabanda» è una selva di significati e allegorie. Quale le piace sottolineare?
Alla base, il riconoscimento del fatto o del valore della diversità. L’umanità è, o dovrebbe essere, riconosciuta come un pasticcio di modi diversi di essere diversi. In fondo, Sarabanda è un termine che designa una danza un po' «disordinata». Alla questione della diversità e della variabilità o della porosità dei confini di un qualche «noi» ho dedicato le mie ricerche filosofiche sul paradigma dell’incertezza e dell’incompletezza. E credo si tratti di una sfida per tutti noi, in un mondo che cambia.
Il vecchio scruta forse le sorti dell’Occidente su cui pare incombere la catastrofe?
Nel terzo tempo dell’Oratorio i migranti sono sbarcati e il vecchio rimane solo. Nel crepuscolo e, poi, nella notte. Sulla scena rimane lui e rimane la carretta del mare, che affonda lentamente, come l’animale morente. Il vecchio non risponde più alle domande dei migranti. E’ lui che pone domande a se stesso. E inizia l’indagine sul senso delle cose. Le voci che ora ascolta, mentre la barca affonda, sono l’eco dei grandi repertori di saggezza, di speranza e di civiltà. Il vecchio ha visioni: visioni occidentali e visioni orientali. Alla fine, sembra che del sogno di una cosa resti ben poco. E che il silenzio sia destinato a prevalere. Alla fine, sembra che il bilancio conosca più perdite che profitti, per dirla con T. S. Eliot.
C'è luce di speranza?
Credo di sì. Ma lascio al lettore o all’ascoltatore della voce e delle voci d’umanità la risposta. Alla fine, quando è ormai buio, il vecchio scorge nell’acqua scura, vicino al pontile, la testa del bambolotto di Nelson, il piccolo di Chika. Con un occhio vuoto. Il vecchio la raccoglie e quel piccolo occhio vuoto gli ricorda le piccole porte da cui può venire un Messia, di cui parlava Walter Benjamin. Il vecchio si alza, e riprende il suo viaggio. Forse, la speranza sta semplicemente in questo semplice gesto. 
Sarabanda - Feltrinelli, pag. 109, 12,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

Cane veglia per ore "amico" morto in strada. La foto commuove il web

ANIMALI

Un cane veglia per ore il suo "amico" morto in strada: commozione a Roma (e sul web)

Angelina Jolie, perdono Brad se ha imparato lezione

cinema

Angelina Jolie: "Perdono Brad se ha imparato la lezione"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

52 offerte di lavor

LA BACHECA

79 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Madregolo, schianto tra un'auto e una moto: un ferito grave

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

ladri in azione

Sorbolo, foto-cronaca da un tentato furto in abitazione

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Sicurezza: "Un'intesa è fondamentale perché è un bene di tutti i cittadini"

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

13commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

6commenti

COMUNE

Sicurezza: proposte del centrosinistra su vigili, controlli e inclusione sociale

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, si attendono gli interrogatori

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

17commenti

SOS ANIMALI

E' scomparsa Molletta in zona Cornocchio

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

Terremoto

Messico: una bimba viva sotto le macerie della scuola Foto

BERGAMO

Violentata operatrice del centro per migranti: arrestato 27enne della Sierra Leone

3commenti

SPORT

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

Moto

Valentino Rossi annuncia: "Ad Aragon ci sarò"

SOCIETA'

MUSICA

"Wise - Lettere di scuse": canzone parmigiana della band "The Opposite" Video

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

PNEUMATICI

Michelin ha una "Vision". Ed è in 3D