21°

35°

Arte-Cultura

La ragione smarrita nelle tenebre

La ragione smarrita nelle tenebre
Ricevi gratis le news
0

di Elissa Piccinini
O gni fine è, in fondo, un nuovo inizio. Per quanto desolato, disperato e abbacinante nel suo abbandono, è comunque un inizio da cui, in qualche modo, è possibile ripartire. Apocalittico, ai limiti dell'antiutopia, il romanzo d’esordio dello scrittore galiziano David Monteagudo, «Fine» (pp. 343, euro 18,00), ha rappresentato in Spagna un vero e proprio caso letterario che ha strappato giudizi che hanno scomodato lo stesso fantasma di Buñuel (si è parlato di «opera bunueliana... splendida»).
 Pubblicato in Italia da Guanda, che ne ha sottolineato il potentissimo portato metaforico nonché l’efficacia della scrittura, il romanzo di Monteagudo sta a cavallo fra la topica della rimpatriata tra vecchi amici (in stile «Grande freddo», per intenderci) e quella dell’eliminazione sistematica degli stessi (alla «Dieci piccoli indiani»). La trama è presto detta: alcuni amici si ritrovano dopo venticinque anni nel medesimo rifugio di montagna in cui si erano ripromessi di tornare in età matura per vedere le stelle. All’appello manca un solo componente, il fantomatico «Profeta», che, ai tempi, era stato vittima di un terribile scherzo da parte del gruppo. Verso mezzanotte nel cielo brillano stelle di un bagliore inusuale: è l’inizio della fine.
 Un misterioso black-out blocca tutti gli apparecchi elettrici, le persone cominciano incomprensibilmente a scomparire, mentre fanno la loro inquietante comparsa animali selvaggi venuti da chissà dove. Una compagnia di picari sbalorditi e sconcertati, in preda a timori superstiziosi, si mette in viaggio verso l’ignoto. Ed è destinata a ridursi con progressiva, inesorabile fatalità («ne rimarrà soltanto uno»...). La fine sarà solo disperazione, desolazione e abbacinante abbandono. Questa la storia (indubbiamente nichilistica). Per quanto riguarda l’autore, si tratta di un quasi cinquantenne, operaio in una fabbrica di imballaggi della Catalogna scopertosi improvvisamente scrittore. Monteagudo è infatti balzato agli onori della cronaca per l’enorme successo tributatogli in patria da pubblico e critica: stampe, ristampe, edizioni per i mercati esteri hanno fatto il caso letterario. Paragonato ad autori del calibro di Philip K. Dick, Ray Bradbury e Cormac McCarthy, Monteagudo non ha forse esattamente la medesima carica visionaria di questi scrittori in quell'opera demolitivo-costruttiva che è base dell’ideazione di possibili mondi o realtà alternative. Ciononostante questo suo primo romanzo, che pure ha ancora tutte le ingenuità e le asprezze di qualsiasi opera prima, risulta particolarmente interessante per la ricchezza metaforica che porta con sé. Best seller per caso, «Fine» è infatti un libro sulla fine del mondo e delle utopie. Il blocco delle tecnologie avanzate e il dominio degli animali selvaggi decreta la fine di qualsiasi possibile redenzione che venga dal razionale, fosse anche l’eroe di turno, figura di fatto del tutto assente dal romanzo. Ha detto lo stesso autore in un’intervista: «Gli animali rappresentano l’irrazionale, ciò che non può essere tenuto sotto controllo: le paure primarie che risaltano fuori appena il network tecnologico, la protezione sociale fornita dalla civiltà, scompaiono. Per quanto riguarda gli eroi, in certi film c'è sempre chi è pronto a salvare il mondo. Mi sembra un approccio poco realistico. Se prendi dieci persone a caso, come nel romanzo, è facile che nessuno di loro si dimostri un eroe».
Fine
Guanda, pag. 343, 18,00
 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Enrica Merlo, libero della Savino Del Bene Scandicci

SPORT

Enrica Merlo fra pallavolo e beach volley: "Gioco perché mi diverto" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: premiata lettrice "cronista di strada"

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

Il caso

Liti stradali, un'epidemia

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Spettacoli

Lorenzo Campani: «Sogno Jesus Christ Superstar»

VALMOZZOLA

Il partigiano russo ritrovato

OSPEDALE VECCHIO

Quel museo straordinario degli oggetti ordinari

Sant'Ilario

Tari azzerata a chi si occupa del verde pubblico

Varano

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

gaione

Schiacciato dal muletto: muore l'imprenditore Alberto Greci

Aveva 74 anni

1commento

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

5commenti

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'Azeglio: arrestato

8commenti

BASSA

Un uomo scompare nel Po: ricerche in corso

Disperso un uomo originario del Parmense

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

San Teodoro

Donna uccisa durante una vacanza in Sardegna: il fidanzato confessa

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

SPORT

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up