Arte-Cultura

Se la ricchezza si fa rimorso

Ricevi gratis le news
0

di Marta Silvi Bergamaschi

Da quanto tempo non mi sento così giovane, pensò Virginia sprofondata nell’antica poltrona color aragosta. Sbirciò il marito e la cognata che bruciavano con occhi allarmati le pagine dei molti giornali che ogni mattina arrivavano alla casa. Perché mi sento così giovane, pensò confusa Virginia, visto che l’età matura era ben visibile e nel suo volto e in tutto il resto della persona. Gli anni, clementi, non l’avevano appesantita, ecco tutto. La sua bella figura era rimasta asciutta, diritta, naturalmente elegante. Provò un’improvvisa eccitazione: è per questo splendido sole, pensò ancora Virginia. Il soggiorno era armoniosamente accogliente: delicati toni di luce bagnavano l’ampia vetrata, oltre la quale s’apriva lo splendido giardino. Fu in quell’attimo che lo sguardo di Virginia si posò sull’orologio che occhieggiava dal tavolino liberty accanto a una bomboniera d’argento. L’orologio, con i suoi numeri inequivocabili, segnava le quattordici e trenta.
–Me ne vado in giardino, disse forte Virginia, ad ammirare le rose appena fiorite. Stamattina, bagnate di rugiada, erano così luminosamente belle. Il loro intenso profumo è la canzone gioiosa della primavera.-
Avrebbe voluto continuare, ma il momento che stava vivendo con tanta intensità ritornò dentro di lei, restò esclusivamente suo. Proprio non si espanse. Virginia ne fu contenta. Stava uscendo, quando udì la voce della cognata; la lasciò alle sue spalle con un brevissimo sorriso tra il bonario e l’ironico.
–I giornali sono terribilmente noiosi, stava dicendo Beatrice, i soliti litigi politici, i soliti problemi sociali irrisolti e irrisolvibili. La verità se ne sta sempre nascosta chissà dove.-
-La verità, rispose Bruno, il marito di Virginia, è  che siamo immersi in una crisi molto seria. Speriamo uscirne, specialmente per i giovani. Noi…ormai. Non abbiamo problemi. E questo mi fa sentire quasi in colpa. Ma dove è Virginia?-
-E’ corsa improvvisamente dalle sue rose. È così anacronistica, così…le rose…Beata lei.- Si trattenne e deglutì un pizzico di acidità. Era una famiglia ricca. Tre persone in una grande, bellissima casa. Bruno era stato un illuminato industriale, amato per la sua preparazione. Se fossero arrivati dei figli, aveva detto una volta Beatrice, non ci saremmo adagiati in questo soffocante silenzio. E l’impresa avrebbe avuto un futuro.- Virginia aveva taciuto. Bruno aveva scrollato le spalle: –Quando ci si vuol bene si può vivere felici anche senza figli. Non sono arrivati: pazienza. È forse meglio così, vero Virginia?-
E’ meglio così, aveva pensato Beatrice. Io non mi sono sposata per l’azienda, per dedicarmi al lavoro, quando Virginia con certe strane amiche parlava di voler cambiare il mondo, di fare dell’industria una specie di parrocchia benefica: idee…e parole, parole, attinte da certi libracci…Sempre libri su quei divani stropicciati da interminabili discussioni. Il lavoro è lo scopo della vita. Lavoro uguale guadagno. Bruno? Bruno restava affascinato, come sempre. Bruno intanto si dirigeva verso il suo studio. Pensava: non cambierà mai la mia sorellina. Anacronistica Virginia: come fosse proibito godere della natura. Lei, la sorellina, razionale, sentenziosa e immodesta. E non se ne accorge. Beatrice, nonostante alcune molto pratiche qualità, è terribilmente noiosa. Pensò al suo amore per Virginia, intatto. Virginia dalle mille incertezze, conscia di ingiuste distanze sociali, ferma, testarda, afferrata dal dubbio. Ed è il dubbio la luce che salva. Il contrario di Beatrice: dogmatica, monolitica, con assolute certezze che intimidivano e non consentivano amichevoli conversazioni. Bruno uscì dallo studio perché gli parve di aver sentito la moglie rientrare. La vide infatti inquadrata presso la vetrata, una sola rosa in mano, le gote rosse, i capelli biondi scomposti, il suo bel sorriso quasi irriverente.
–Sei una perfetta giardiniera,- disse teneramente il marito.
–I nostri pensieri, mormorò improvvisamente Virginia, sono leggeri come piume. Anche la nostra vita è una nuvola di piume…Quando…-
-Quando?- rispose Bruno.
–Quando dalla palude della coscienza affiorano pensieri angosciosi. Lo sai vero che la crisi significa soprattutto «fame»? Noi siamo ricchi, Bruno, molto ricchi. E la ricchezza può diventare un rimorso. No, non è retorica. Quanti suicidi, miodio, quanta ingiusta miseria.-
-Lo so, rispose Bruno, e insieme faremo qualcosa.-
-Silenziosamente, senza pubblicizzare.-
-Certo.-
-E che cosa faremo?-
-Semplicemente aiuteremo il prossimo. Apriremo un’enorme gratuita mensa. Poi si vedrà. Ho nella mente utili progetti: abbi fiducia.-

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Arrestato un altro spacciatore di viale dei Mille

Foto d'archivio

carbinieri

Viale dei Mille, si mette in bocca le dosi di cocaina e inforca la bici: arrestato

polizia

Insegue e molesta la ex in Cittadella: la fuga finisce contro un'auto. E poi in cella

1commento

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

2commenti

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

3commenti

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

1commento

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

8commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

15commenti

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

2commenti

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

afghanistan

Attaccata la sede di Save The Children: almeno 11 feriti

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

1commento

SPORT

GAZZAFUN

Vota i grandi dello sport di Parma (e non)

TENNIS

Australian Open, l'eterno Federer in semifinale. Contro la sorpresa Chung

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

3commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video