-2°

Arte-Cultura

Se la ricchezza si fa rimorso

0

di Marta Silvi Bergamaschi

Da quanto tempo non mi sento così giovane, pensò Virginia sprofondata nell’antica poltrona color aragosta. Sbirciò il marito e la cognata che bruciavano con occhi allarmati le pagine dei molti giornali che ogni mattina arrivavano alla casa. Perché mi sento così giovane, pensò confusa Virginia, visto che l’età matura era ben visibile e nel suo volto e in tutto il resto della persona. Gli anni, clementi, non l’avevano appesantita, ecco tutto. La sua bella figura era rimasta asciutta, diritta, naturalmente elegante. Provò un’improvvisa eccitazione: è per questo splendido sole, pensò ancora Virginia. Il soggiorno era armoniosamente accogliente: delicati toni di luce bagnavano l’ampia vetrata, oltre la quale s’apriva lo splendido giardino. Fu in quell’attimo che lo sguardo di Virginia si posò sull’orologio che occhieggiava dal tavolino liberty accanto a una bomboniera d’argento. L’orologio, con i suoi numeri inequivocabili, segnava le quattordici e trenta.
–Me ne vado in giardino, disse forte Virginia, ad ammirare le rose appena fiorite. Stamattina, bagnate di rugiada, erano così luminosamente belle. Il loro intenso profumo è la canzone gioiosa della primavera.-
Avrebbe voluto continuare, ma il momento che stava vivendo con tanta intensità ritornò dentro di lei, restò esclusivamente suo. Proprio non si espanse. Virginia ne fu contenta. Stava uscendo, quando udì la voce della cognata; la lasciò alle sue spalle con un brevissimo sorriso tra il bonario e l’ironico.
–I giornali sono terribilmente noiosi, stava dicendo Beatrice, i soliti litigi politici, i soliti problemi sociali irrisolti e irrisolvibili. La verità se ne sta sempre nascosta chissà dove.-
-La verità, rispose Bruno, il marito di Virginia, è  che siamo immersi in una crisi molto seria. Speriamo uscirne, specialmente per i giovani. Noi…ormai. Non abbiamo problemi. E questo mi fa sentire quasi in colpa. Ma dove è Virginia?-
-E’ corsa improvvisamente dalle sue rose. È così anacronistica, così…le rose…Beata lei.- Si trattenne e deglutì un pizzico di acidità. Era una famiglia ricca. Tre persone in una grande, bellissima casa. Bruno era stato un illuminato industriale, amato per la sua preparazione. Se fossero arrivati dei figli, aveva detto una volta Beatrice, non ci saremmo adagiati in questo soffocante silenzio. E l’impresa avrebbe avuto un futuro.- Virginia aveva taciuto. Bruno aveva scrollato le spalle: –Quando ci si vuol bene si può vivere felici anche senza figli. Non sono arrivati: pazienza. È forse meglio così, vero Virginia?-
E’ meglio così, aveva pensato Beatrice. Io non mi sono sposata per l’azienda, per dedicarmi al lavoro, quando Virginia con certe strane amiche parlava di voler cambiare il mondo, di fare dell’industria una specie di parrocchia benefica: idee…e parole, parole, attinte da certi libracci…Sempre libri su quei divani stropicciati da interminabili discussioni. Il lavoro è lo scopo della vita. Lavoro uguale guadagno. Bruno? Bruno restava affascinato, come sempre. Bruno intanto si dirigeva verso il suo studio. Pensava: non cambierà mai la mia sorellina. Anacronistica Virginia: come fosse proibito godere della natura. Lei, la sorellina, razionale, sentenziosa e immodesta. E non se ne accorge. Beatrice, nonostante alcune molto pratiche qualità, è terribilmente noiosa. Pensò al suo amore per Virginia, intatto. Virginia dalle mille incertezze, conscia di ingiuste distanze sociali, ferma, testarda, afferrata dal dubbio. Ed è il dubbio la luce che salva. Il contrario di Beatrice: dogmatica, monolitica, con assolute certezze che intimidivano e non consentivano amichevoli conversazioni. Bruno uscì dallo studio perché gli parve di aver sentito la moglie rientrare. La vide infatti inquadrata presso la vetrata, una sola rosa in mano, le gote rosse, i capelli biondi scomposti, il suo bel sorriso quasi irriverente.
–Sei una perfetta giardiniera,- disse teneramente il marito.
–I nostri pensieri, mormorò improvvisamente Virginia, sono leggeri come piume. Anche la nostra vita è una nuvola di piume…Quando…-
-Quando?- rispose Bruno.
–Quando dalla palude della coscienza affiorano pensieri angosciosi. Lo sai vero che la crisi significa soprattutto «fame»? Noi siamo ricchi, Bruno, molto ricchi. E la ricchezza può diventare un rimorso. No, non è retorica. Quanti suicidi, miodio, quanta ingiusta miseria.-
-Lo so, rispose Bruno, e insieme faremo qualcosa.-
-Silenziosamente, senza pubblicizzare.-
-Certo.-
-E che cosa faremo?-
-Semplicemente aiuteremo il prossimo. Apriremo un’enorme gratuita mensa. Poi si vedrà. Ho nella mente utili progetti: abbi fiducia.-

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

12commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti