-4°

Arte-Cultura

"Cristo in gloria". È del Correggio

"Cristo in gloria". È del Correggio
0

Pier Paolo Mendogni
La perspicacia intuitiva, la tenacia e l’amore per il «suo» Correggio di Giuseppe Adani, presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Il Correggio,  hanno ricondotto direttamente ad Antonio Allegri «Il Cristo in gloria» (una tela di cm. 105 x 98) che da quasi due secoli è nella Pinacoteca Vaticana, etichettato come «copia» e poi «nell’ambito» dell’artista. E’ stato lui nel 2008, in concomitanza con le mostre di Roma e di Parma, a volere il quadro a Correggio per sottoporlo alla diretta visione del pubblico e degli studiosi. E da quel contatto ravvicinato scaturì per molti la convinzione dell’autografia in quanto – come scrive Adani - «l’intensità suprema della luce ultraterrena, vibrante della presenza dei putti angelici, qui si accompagna ai gorghi profondi delle ombre nel vestimento rivelando da parte dell’Autore la concomitanza con l’esperienza della cupola giovannea. La sicurezza fattuale, infatti, coincide con la stesura degli affreschi, sia nelle figure corporali, sia nel turbine via via evanescente degli spiriti celesti nell’empireo».
Si decideva quindi di sottoporre il dipinto a una serie di esami scientifici affidati al Laboratorio di Diagnostica dei Musei Vaticani (riflettografie, restituzioni in infrarossi e ultravioletti) e Ulderico Santamaria e Fabio Moresi hanno trovato che sotto la pittura c’è un disegno preparatorio che presenta pentimenti e rettifiche. Una rilevazione di notevole importanza perché quando si fanno copie non c’è bisogno di disegno sottostante né vi sono pentimenti. Il sapiente restauro di Claudio Rossi de Gasperis ha fatto riemergere i delicatissimi passaggi che smaterializzano le immagini dei putti che circondano Cristo. Nel contempo Gianluca Nicolini con un paziente, straordinario lavoro di ricerca negli archivi ha ricostruito la storia del dipinto e dei vari passaggi di proprietà portando un ulteriore contributo alla paternità correggesca dell’opera.
Sigillo di questa eccezionale operazione è la pubblicazione – sostenuta dalla Fondazione Il Correggio col presidente Giovanni Orlandi e il direttore Nadia Stefanel e presentata recentemente alla Pinacoteca Stuard – del volume «Correggio. Il trittico di Santa Maria della Misericordia in Correggio», curato da Giuseppe Adani, Margherita Fontanesi e Gianluca Nicolini (edito da Silvana Editoriale) con numerosi saggi e gli interventi di Antonio Paolucci e David Ekserdjan.
Il dipinto del Cristo con le braccia aperte, seduto sulle nubi e circondato dagli amabili vivacissimi putti, faceva parte come cimasa della solenne ancona che copriva la parete di fondo, sopra l’altare maggiore, di Santa Maria della Misericordia a Correggio ed era composta anche da due tavole laterali coi santi Giovanni Battista e Bartolomeo, sempre dipinte dal Correggio e di cui ci sono rimaste le copie, mentre al centro aveva la bella statua della Madonna col Bambino in terracotta policroma di Desiderio da Settignano. La Confraternita della Misericordia è la più antica di Correggio, attiva già nel 1316, e nel Quattrocento sull’altare maggiore della sua chiesa troneggiava appunto la statua della Madonna della Misericordia – seduta col Bambino sulle ginocchia - di cui ci è giunta solo la parte alta del busto.
All’inizio degli anni Venti del Cinquecento l’apparato scenico intorno alla statua della Madonna veniva ampliato per includervi tre dipinti dell’Allegri, eseguiti nel periodo in cui lavorava a Parma nella chiesa benedettina di San Giovanni Evangelista: in alto il «Creatore sull’iride fra angeli» e ai lati i santi Giovanni Battista e Bartolomeo Apostolo. Rodolfo Papa ha dato una intrigante lettura iconologica del complesso apparato figurativo e del rapporto fra le varie immagini. Dopo aver sottolineato come il Cristo correggesco – senza ferite, con le braccia aperte e le mani rivolte verso il basso – non si colleghi ad altre tipologie, conclude indicandolo come «il Verbo che, presente e agente fin da principio della Creazione del mondo, fattosi carne nel ventre della Santissima Vergine Maria, morto e risorto, avendo riconciliato il cielo con la terra, abbraccia e accoglie tutta l’umanità». Quindi il Dio della misericordia che opera attraverso la mediazione della Madonna e dei santi patroni del sodalizio.
Giuliano Nicolini ha ripercorso con acribia, consultando tantissimi documenti, tutta la complessa storia del dipinto centrale fino al suo ingresso nel 1829 nella Pinacoteca Vaticana col significativo viatico di artisti quali Thorvaldsen e Minardi. L’approfondimento stilistico del dipinto, confrontato con altre opere del maestro, è stato affrontato in modo ampio e penetrante da Margherita Fontanesi che ha aggiunto ulteriori motivi di conferma a quanto già indicato dalle analisi scientifiche e storiche. «Nel campo della storia dell’arte – ha scritto David Ekserdjian, il più qualificato studioso del Correggio – le conversioni non sono tutte certamente di rapidità damescena, ma anche gli scettici dovranno concedere che il caso in favore di quest’opera non è mai stato più avvincentemente argomentato».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video