-4°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Le burle della ferrovia fantasma

0

di Gustavo Marchesi

«Diego», il trenino della Ferrovia Veneta è sospeso: il passaggio dell’Alta Velocità potrebbe spazzarlo via. Lavorano di notte a spostare la linea, assicura Roberta D, che abita in zona. Di notte, mormorano i vicini, la Roberta esce all’insaputa della famiglia, e sta con gli operai. Il trenino le va su e giù per il cuore.
Poco più di un balocco, «Diego» sembrava acconciato da cow-boy e favoriva i viaggiatori spericolati, studenti fiaccati dalla scuola, che praticavano i lanci col lazo ad acchiappare le bestie grosse e qualche bestione umano, qualche casellante che pisolava lungo la linea. Quando rinunciavano al lazo, e questo si verificava d’inverno, i ragazzi ammassavano della neve sui terrazzini e prendevano di mira i pollai. Sciolta la neve, si considerava l’opportunità di metter mano ai proiettili solidi, sassi e pietrame che la massicciata offriva di prima qualità in tutte le stagioni.
Bande improvvisate di irregolari, non rispettavano la proprietà privata. Se agganciavano qualche recinzione, la trascinavano col convoglio, rischiando il grosso incidente. Uno simile, se fosse maturato, diventava una brutta faccenda, la peggiore. Gli studenti qui non avevano colpa, ma un po’ era colpa della scuola, che indirizzava i più piccoli a insistere con le domande, dichiarando la propria insoddisfazione alle risposte distratte degli adulti. Quella volta una nonna di Pieve non sapeva come cavarsela col nipote, un pettegolino di prima elementare appena e già apprezzato per la sua intraprendenza. Siccome di fermate il treno ne faceva ogni pochi minuti, il pettegolino insisteva: «Oh insomma, perché si ferma sempre»? La nonna era di quelle che non considerano i bambini in grado di capire le regole del progresso. Le sembrava impossibile spiegare, oltre al perché delle fermate, come riusciva il treno a riprendere il viaggio, vale a dire tutta la complessa articolazione del movimento. Nell’imbarazzo aveva trovato una giustificazione secondo lei adatta al comprendonio di quella testolina. Il treno si fermava per fare pipì. Le soste però erano così frequenti, che anche un bambino doveva sospettare l’esistenza di una disfunzione: «Oh ma quanta pipì»! sbottò infatti, da intenditore. E ricominciò a pretendere qualche risposta sensata. La nonna si imbrogliò, perdé il filo, non si accorse di essere già arrivata e non scese a Pieve. Così chiese aiuto al capotreno, il Pantòla, famigerato anche lui per le sue vaghezze, unite a un pudore infantile. Di recente, allettato dal progresso, si era preso una Vespa e l’aveva provata in camera da letto, entrando nell’armadio... Sua moglie minacciò di piantarlo, lui chiamò in soccorso gli amici e la pezzò; stavolta era una faccenda diversa e si rivolse agli altri passeggeri: se non avevano premura, si tornava indietro due stazioni, a permettere che la nonna e il bimbo inquisitore arrivassero in orario a casa, dove li aspettavano col cardiopalmo. Nessuno obiettò e il macchinista andò in retromarcia. La collisione con un merci venne scongiurata forse per intervento segreto di Mercurio, ma Pantòla fu inquisito e degradato. 
Gli studenti gli volevano bene dal profondo del loro istinto ribelle: il suo gesto non meritava una punizione. Poi era un soggetto tanto simpatico… Quando l’ispettore non vigilava, raccontava le barzellette sporche. A vendicare Pantòla fu un allievo del Conservatorio, che sotto Natale suonò in anticipo la trombetta della partenza, ingannando il macchinista. Per poco i controllori non rimasero in pensilina.
Tempo qualche anno, levato il trasporto su gomma, sostituto inquinante per eccellenza, «Diego» ritornerà. Ma non sarà mai quello di prima, credimi Roberta: ci manca Pantòla, e i ferrovieri non suoneranno più la trombetta. Da un pezzo i passeggeri la criticavano perché ricordava i vecchi spazzini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

2commenti

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

1commento

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta