Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Le burle della ferrovia fantasma

Ricevi gratis le news
0

di Gustavo Marchesi

«Diego», il trenino della Ferrovia Veneta è sospeso: il passaggio dell’Alta Velocità potrebbe spazzarlo via. Lavorano di notte a spostare la linea, assicura Roberta D, che abita in zona. Di notte, mormorano i vicini, la Roberta esce all’insaputa della famiglia, e sta con gli operai. Il trenino le va su e giù per il cuore.
Poco più di un balocco, «Diego» sembrava acconciato da cow-boy e favoriva i viaggiatori spericolati, studenti fiaccati dalla scuola, che praticavano i lanci col lazo ad acchiappare le bestie grosse e qualche bestione umano, qualche casellante che pisolava lungo la linea. Quando rinunciavano al lazo, e questo si verificava d’inverno, i ragazzi ammassavano della neve sui terrazzini e prendevano di mira i pollai. Sciolta la neve, si considerava l’opportunità di metter mano ai proiettili solidi, sassi e pietrame che la massicciata offriva di prima qualità in tutte le stagioni.
Bande improvvisate di irregolari, non rispettavano la proprietà privata. Se agganciavano qualche recinzione, la trascinavano col convoglio, rischiando il grosso incidente. Uno simile, se fosse maturato, diventava una brutta faccenda, la peggiore. Gli studenti qui non avevano colpa, ma un po’ era colpa della scuola, che indirizzava i più piccoli a insistere con le domande, dichiarando la propria insoddisfazione alle risposte distratte degli adulti. Quella volta una nonna di Pieve non sapeva come cavarsela col nipote, un pettegolino di prima elementare appena e già apprezzato per la sua intraprendenza. Siccome di fermate il treno ne faceva ogni pochi minuti, il pettegolino insisteva: «Oh insomma, perché si ferma sempre»? La nonna era di quelle che non considerano i bambini in grado di capire le regole del progresso. Le sembrava impossibile spiegare, oltre al perché delle fermate, come riusciva il treno a riprendere il viaggio, vale a dire tutta la complessa articolazione del movimento. Nell’imbarazzo aveva trovato una giustificazione secondo lei adatta al comprendonio di quella testolina. Il treno si fermava per fare pipì. Le soste però erano così frequenti, che anche un bambino doveva sospettare l’esistenza di una disfunzione: «Oh ma quanta pipì»! sbottò infatti, da intenditore. E ricominciò a pretendere qualche risposta sensata. La nonna si imbrogliò, perdé il filo, non si accorse di essere già arrivata e non scese a Pieve. Così chiese aiuto al capotreno, il Pantòla, famigerato anche lui per le sue vaghezze, unite a un pudore infantile. Di recente, allettato dal progresso, si era preso una Vespa e l’aveva provata in camera da letto, entrando nell’armadio... Sua moglie minacciò di piantarlo, lui chiamò in soccorso gli amici e la pezzò; stavolta era una faccenda diversa e si rivolse agli altri passeggeri: se non avevano premura, si tornava indietro due stazioni, a permettere che la nonna e il bimbo inquisitore arrivassero in orario a casa, dove li aspettavano col cardiopalmo. Nessuno obiettò e il macchinista andò in retromarcia. La collisione con un merci venne scongiurata forse per intervento segreto di Mercurio, ma Pantòla fu inquisito e degradato. 
Gli studenti gli volevano bene dal profondo del loro istinto ribelle: il suo gesto non meritava una punizione. Poi era un soggetto tanto simpatico… Quando l’ispettore non vigilava, raccontava le barzellette sporche. A vendicare Pantòla fu un allievo del Conservatorio, che sotto Natale suonò in anticipo la trombetta della partenza, ingannando il macchinista. Per poco i controllori non rimasero in pensilina.
Tempo qualche anno, levato il trasporto su gomma, sostituto inquinante per eccellenza, «Diego» ritornerà. Ma non sarà mai quello di prima, credimi Roberta: ci manca Pantòla, e i ferrovieri non suoneranno più la trombetta. Da un pezzo i passeggeri la criticavano perché ricordava i vecchi spazzini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mai, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

8commenti

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareprter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

CASSINO

Abusa della figlia 14enne: trovato impiccato davanti a una chiesa

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

FESTE PGN

Open Bar al castello di Felino Foto

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova