11°

26°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Le burle della ferrovia fantasma

0

di Gustavo Marchesi

«Diego», il trenino della Ferrovia Veneta è sospeso: il passaggio dell’Alta Velocità potrebbe spazzarlo via. Lavorano di notte a spostare la linea, assicura Roberta D, che abita in zona. Di notte, mormorano i vicini, la Roberta esce all’insaputa della famiglia, e sta con gli operai. Il trenino le va su e giù per il cuore.
Poco più di un balocco, «Diego» sembrava acconciato da cow-boy e favoriva i viaggiatori spericolati, studenti fiaccati dalla scuola, che praticavano i lanci col lazo ad acchiappare le bestie grosse e qualche bestione umano, qualche casellante che pisolava lungo la linea. Quando rinunciavano al lazo, e questo si verificava d’inverno, i ragazzi ammassavano della neve sui terrazzini e prendevano di mira i pollai. Sciolta la neve, si considerava l’opportunità di metter mano ai proiettili solidi, sassi e pietrame che la massicciata offriva di prima qualità in tutte le stagioni.
Bande improvvisate di irregolari, non rispettavano la proprietà privata. Se agganciavano qualche recinzione, la trascinavano col convoglio, rischiando il grosso incidente. Uno simile, se fosse maturato, diventava una brutta faccenda, la peggiore. Gli studenti qui non avevano colpa, ma un po’ era colpa della scuola, che indirizzava i più piccoli a insistere con le domande, dichiarando la propria insoddisfazione alle risposte distratte degli adulti. Quella volta una nonna di Pieve non sapeva come cavarsela col nipote, un pettegolino di prima elementare appena e già apprezzato per la sua intraprendenza. Siccome di fermate il treno ne faceva ogni pochi minuti, il pettegolino insisteva: «Oh insomma, perché si ferma sempre»? La nonna era di quelle che non considerano i bambini in grado di capire le regole del progresso. Le sembrava impossibile spiegare, oltre al perché delle fermate, come riusciva il treno a riprendere il viaggio, vale a dire tutta la complessa articolazione del movimento. Nell’imbarazzo aveva trovato una giustificazione secondo lei adatta al comprendonio di quella testolina. Il treno si fermava per fare pipì. Le soste però erano così frequenti, che anche un bambino doveva sospettare l’esistenza di una disfunzione: «Oh ma quanta pipì»! sbottò infatti, da intenditore. E ricominciò a pretendere qualche risposta sensata. La nonna si imbrogliò, perdé il filo, non si accorse di essere già arrivata e non scese a Pieve. Così chiese aiuto al capotreno, il Pantòla, famigerato anche lui per le sue vaghezze, unite a un pudore infantile. Di recente, allettato dal progresso, si era preso una Vespa e l’aveva provata in camera da letto, entrando nell’armadio... Sua moglie minacciò di piantarlo, lui chiamò in soccorso gli amici e la pezzò; stavolta era una faccenda diversa e si rivolse agli altri passeggeri: se non avevano premura, si tornava indietro due stazioni, a permettere che la nonna e il bimbo inquisitore arrivassero in orario a casa, dove li aspettavano col cardiopalmo. Nessuno obiettò e il macchinista andò in retromarcia. La collisione con un merci venne scongiurata forse per intervento segreto di Mercurio, ma Pantòla fu inquisito e degradato. 
Gli studenti gli volevano bene dal profondo del loro istinto ribelle: il suo gesto non meritava una punizione. Poi era un soggetto tanto simpatico… Quando l’ispettore non vigilava, raccontava le barzellette sporche. A vendicare Pantòla fu un allievo del Conservatorio, che sotto Natale suonò in anticipo la trombetta della partenza, ingannando il macchinista. Per poco i controllori non rimasero in pensilina.
Tempo qualche anno, levato il trasporto su gomma, sostituto inquinante per eccellenza, «Diego» ritornerà. Ma non sarà mai quello di prima, credimi Roberta: ci manca Pantòla, e i ferrovieri non suoneranno più la trombetta. Da un pezzo i passeggeri la criticavano perché ricordava i vecchi spazzini. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

3commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

1commento

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

tardini

Da domani (sabato 27) la prevendita di Parma-Lucchese

COLLECCHIO

Guardia di Finanza alla Copador

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

4commenti

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

3commenti

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

4commenti

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

3commenti

Lega Pro

Parma, e adesso la Lucchese

1commento

Intervista al dG

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Iniziativa

Per il mese di giugno acqua gratis nelle casette Iren

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

Iniziativa

Acer Parma, bollette listate a lutto per le vittime di Manchester

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

2commenti

ITALIA/MONDO

made in italy

Addio a Laura Biagiotti, "signora della moda" - Gallery

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

WEEKEND

L'INDISCRETO

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

Moto

Rossi, notte serena all'ospedale

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

2commenti

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima