13°

31°

Arte-Cultura

Tintoretto, sacralità della luce

Tintoretto, sacralità della luce
0

Stefania Provinciali

 Il dipinto raffigurante l’«Ultima cena», capolavoro di Jacopo Robusti, detto Tintoretto (1519- 1594), torna a casa, nella chiesa di San Polo a Venezia dove ha vissuto fin dalla nascita. Realizzato dal maestro veneziano tra il 1574 e il 1575, grazie all’accurato restauro finanziato da Cariparma Crédit Agricole, il quadro, un olio su tela di 228 x 535 cm, è stato per la prima volta trasportato fuori dalla città lagunare per la mostra monografica sull’artista appena conclusa alle Scuderie del Quirinale di Roma e poi esposto al Museo Diocesano di Milano. Quest’ultima esposizione si è chiusa ieri ed il dipinto è ora destinato a tornare nel luogo per cui è stato realizzato e in cui è stato conservato dal XVI secolo, collocato accanto alla porta di ingresso, nonostante l’antico aspetto della chiesa di San Polo sia stato modificato all’inizio dell’Ottocento.
Lunedì sera l’opera ed il restauro sono stati presentati in mostra da Paolo Biscottini, direttore del Museo Diocesano, ai rappresentanti delle istituzioni e ad esponenti del mondo economico e culturale. Ad accoglierli  Ariberto Fassati, presidente di Cariparma Crédit Agricole, Giampiero Maioli, amministratore delegato di Cariparma Crédit Agricole e Monsignor Erminio De Scalzi, Abate della Basilica di Sant’Ambrogio, in rappresentanza della Curia. Valorizzare l’arte e la cultura italiana per Cariparma Crédit Agricole significa costruire un legame di continuità tra passato e futuro partendo da ciò che ha sempre rappresentato per il Paese motivo d’orgoglio. Il sostegno alla cultura in tutte le sue forme rappresenta uno degli ambiti della responsabilità sociale del Gruppo bancario, uno dei canali attraverso i quali restituire alla collettività parte di quanto ottenuto con l’attività d’impresa. Queste le motivazioni che hanno portato a finanziare il restauro del capolavoro, ammirato l’altra sera dai numerosi ospiti tra cui il Ministro per i beni e le attività culturali, Lorenzo Ornaghi, John Elkann presidente Fiat Group, Alberto Nagel, amministratore delegato di Mediobanca, Diana Bracco, presidente e amministratore delegato del Gruppo Bracco, Gabriele Galateri Di Genola, presidente Generali e Telecom, Evelina Christillin, presidente della Fondazione Teatro Stabile di Torino, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, Carlo Gabbi, presidente Fondazione Cariparma, Paolo Pizzarotti, presidente della Pizzarotti spa, Annamaria Artoni di Artoni Trasporti, Giuliano Molossi, direttore della Gazzetta di Parma.
Commissionata dalla Scuola del Sacramento della chiesa, l’Ultima Cena raffigura il noto episodio del Vangelo in un’ambientazione che suggerisce l’intimità di un interno domestico e per la prima volta, rispetto a precedenti tele di uguale soggetto, rappresenta il momento dell’Eucarestia e non l’annuncio del tradimento, secondo la disposizione del concilio di Trento. La creazione di una nuova iconografia si accompagna nel dipinto alla rappresentazione di una struttura spaziale, in cui gli elementi della sintassi compositiva quali le piastrelle del pavimento, la tavola in angolo, il contrasto chiaroscurale tra il primo piano illuminato e la parete di fondo inghiottita nell’ombra, l’ariosa apertura paesaggistica sulla destra con i due candidi edifici, sono tra loro in un rapporto dialettico di forte tensione strutturale ed emotiva. Proprio la costruzione dello spazio secondo una geometria curva avverte dello straordinario salto di qualità compiuto da Tintoretto rispetto alle precedenti redazioni del tema. I protagonisti dell’evento, come indica nella scheda storico critica Margaret Bigotto, recitano la parte loro assegnata dal testo evangelico, ma nel contempo si fanno portatori di altri più sottesi e simbolici significati. Cristo si alza all’improvviso e spalanca le braccia per distribuire il pane ai due discepoli con un gesto che prefigura l’imminente sacrificio sulla croce. Tra i partecipanti al rito il più riconoscibile è Giuda, che porta alla cintura la bisaccia e appoggia la mano traditrice sul tavolo. Inoltre l’esame ravvicinato della pellicola pittorica, permesso dal recente restauro, ha dato la possibilità di esclude la presenza di una tecnica pittorica diversa nell’inserto paesaggistico (ipotesi Meijer 1975), accertandone la totale autografia tintorettesca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover