21°

Arte-Cultura

La Bassa di Guareschi raccontata coi disegni

La Bassa di Guareschi raccontata coi disegni
Ricevi gratis le news
1

di Egidio Bandini

Era successo anche a Giovannino Guareschi: nel 1952, nonostante la sua idea del pretone e del grosso sindaco della Bassa fosse totalmente diversa, dopo il film di Julien Duvivier, lo stesso autore si ritrovava - sono parole sue - a far lavorare un prete che ha il sorriso di Fernandel e un sindaco che ha il volto rassicurante ed «emilianissimo» di Gino Cervi. Così, come accadde a Giovannino, per tutti coloro che pensano o scrivono del «Mondo piccolo», l’immagine di don Camillo resta legata indissolubilmente alla «faccia da cavallo» (sono sempre parole di Guareschi) di Fernandel e quella di Peppone ai baffi (finti) di Gino Cervi. A questo punto, immaginate cosa possano aver provato Alberto e Carlotta Guareschi quando la ReNoir Comics propose loro l’idea di realizzare un nuovissimo «Don Camillo a fumetti». Il rischio era quello di scimiottare, una volta di più, gli arcinoti personaggi cinematografici e quindi di mettere su carta le stesse avventure che i due avevano portato sessant’anni prima sul grande schermo. Non fu così. Da subito gli sceneggiatori, dicono Albertino e la Pasionaria, partirono col piede giusto: decine e decine di chilometri lungo la Bassa parmense (unico teatro vero delle vicende di «Mondo piccolo») alla ricerca di quei luoghi dove, ancora oggi, si riescono a leggere dal vivo i racconti guareschiani e dove non è difficile incontrare uno «Smilzo», piuttosto che un «Brusco» o, addirittura, imbattersi in don Camillo (al secolo don Andrea Mazzola) parroco di Ragazzola, che parla con il Crocifisso e si ritrova ogni domenica la chiesa piena, in un borgo dove la gente, da sempre, vota Rifondazione Comunista. «Il viaggio che i ragazzi di ReNoir hanno fatto nella nostra Bassa - dice Alberto Guareschi - li ha portati a scattare decine di fotografie e ad adottare in toto l’idea che nostro padre aveva del suo «Mondo piccolo»: «strade lunghe e diritte, case piccole pitturate di giallo, di rosso o di blu oltremare», le piazze dei paesi e i personaggi delle storie di nostro padre: personaggi veri, non inventati, protagonisti, diceva sempre nostro padre, di vicende che non stonano mai col paesaggio». «Per la chiesa di don Camillo - ci ha detto Carlotta - scelsero, cogliendo in pieno quello che era anche il nostro desiderio, proprio la chiesa di Fontanelle, dove nostro padre era nato, la chiesa che aveva disegnato per collocare al posto giusto nei racconti la canonica, l’orto, le finestre, il cancello, insomma tutto ciò che doveva descrivere dell’immaginario (ma non poi tanto) paese di don Camillo». Rimaneva l’ultimo ostacolo: i volti dei due protagonisti. Scartati, per i motivi che sappiamo, Fernandel e Gino Cervi, non fu difficile trovare il modello per il pretone e il grosso sindaco di «Mondo piccolo». «Il suggerimento - ci ha confermato Albertino - è venuto direttamente da nostro padre, che scriveva: «Un giornalista comunista col quale sostenni nel 1951 a Reggio Emilia un clamoroso match disse, a un certo punto «Peppone non è un comunista: Peppone è Guareschi!». Non sbagliava: per essere esatto avrebbe dovuto dire: Peppone, don Camillo e il Cristo sono Guareschi». Tutto semplice e naturale, perciò: Peppone era Guareschi e don Camillo era Guareschi». «Il che - ha proseguito la Pasionaria - sebbene agevole all’apparenza, complicava in effetti le cose». Proprio così: se per Peppone la somiglianza con Giovannino era plausibilissima, dal momento che lo stesso Guareschi aveva, seppure con assai scarsi risultati, provato ad interpretare il sindaco comunista nel primo film della serie, per don Camillo non si poteva, ovviamente, percorrere la medesima strada. E fu proprio don Camillo, questa volta, a venire in aiuto. Nella scena finale de «Il compagno don Camillo», vedendo Gino Cervi travestito da prete che si accinge a partire con il parroco alla volta degli Stati Uniti, Fernandel, rivolto al Cristo dice: «Gesù, avete visto Peppone senza baffi che faccia da prete che ha?». Detto, fatto: il pretone del «Mondo piccolo a fumetti» avrebbe avuto il viso del giovane Guareschi, quello del Bertoldo: il Giovannino senza baffoni che, come valeva per Gino Cervi, aveva una discreta «faccia da prete»! Trovato il bandolo della matassa per i due interpreti principali e individuata la giusta ambientazione per le storie a fumetti di don Camillo, a quel punto fu agevole anche dare un volto agli altri personaggi: Lo Smilzo, Il Brusco, Il Lungo, Manecchia il campanaro, la Desolina eccetera. Bastò, ai ragazzi di ReNoir, utilizzare le facce della gente della Bassa, quella gente che avevano ritratto in fotografia durante il viaggio nel «Mondo piccolo». «L’idea dei curatori - dice Carlotta - è stata davvero innovativa: costruire nella collana del "Don Camillo a fumetti, un percorso filologico attraverso i 346 racconti di Mondo piccolo", seguendo scrupolosamente la sequenza di pubblicazione su Candido, però con una azzeccatissima "digressione": il racconto che apre la serie è uno degli ultimi che nostro padre scrisse, "Il capobanda piovuto dal cielo"». L’unico racconto che ha per protagonisti Peppone e don Camillo ragazzini. Così, si direbbe oggi in gergo cinematografico, il prequel scritto da Guareschi nel 1960 è diventato la storia di apertura di tutta la saga della Bassa, iniziata la vigilia di Natale del 1946». Il successo crescente del «Don Camillo a fumetti» sta a dimostrare che non sono necessari Fernandel e Gino Cervi, nonostante la loro inarrivabile bravura, per dar voce e volti al «Mondo piccolo». Bastano e avanzano Peppone e don Camillo: il pretone e il grosso sindaco dell’immaginario, ma realissimo paese della Bassa parmense, di quel piccolo mondo dove, diceva lo stesso Giovannino «... basta fermarsi sulla strada a guardare una casa colonica affogata in mezzo al granturco e alla canapa, e subito nasce una storia. Perché bisogna rendersi conto che, in quella fettaccia di terra tra il fiume e il monte, possono succedere cose che da altre parti non succedono. E là tira un’aria speciale che va bene per i vivi e per i morti. Allora si capisce meglio don Camillo, Peppone e tutta l’altra mercanzia. E non ci si stupisce che due nemici si trovino, alla fine, d’accordo nelle cose essenziali». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • egidio guareschi

    16 Dicembre @ 08.50

    mi piace . Continua..............

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Gestione rifiuti: bando da 44 milioni per 15 anni di affidamento del servizio

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

tg parma

Smog: ieri terzo giorno consecutivo con Pm10 alle stelle Video

1commento

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

4commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

LUTTO

In duomo a Fidenza l'ultimo saluto a Luca Moroni

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

salute

Un'équipe dell'Università di Parma studia la chirurgia mini-invasiva contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 10

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

7commenti

Lesignano

Festa per i 18 anni dei due migranti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

CRIMINALITA'

Delitti di 'Ndrangheta nel 1992 a a Reggio Emilia: tre arresti della polizia

Massa

Lite per un parcheggio: gli spara e lo ferisce al volto

SPORT

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

3commenti

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

MOTORI

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compattodi Seat in 5 mosse Foto

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»