21°

32°

Arte-Cultura

Sardegna, radici ritrovate

Sardegna, radici ritrovate
0

di Francesco Mannoni

Vincenzo Chironi, il protagonista di «Nel tempo di mezzo», secondo romanzo della trilogia nuorese che lo scrittore Marcello Fois ha iniziato con «Stirpe», è nato a Trieste, ma suo padre era sardo, perciò lascia il continente incontro alle sue origini. Il ritorno a Nuoro s’impone come una presa di coscienza della propria identità. Vincenzo arriva in Sardegna per conoscere il nonno Michele Angelo e il resto della famiglia, passata attraverso sventure e drammi che ne hanno segnato il destino. Ben presto però si lascia coinvolgere da un sentimento che si traduce in assuefazione ai luoghi e alla gente. E quando l’amore per Cecilia lo perderà in una dimensione sconosciuta, il suo orgoglio sarà pungolato e sottoposto alla volubilità femminile. «Questo è il secondo tomo della trilogia che sto scrivendo – commenta Marcello Fois, che con questo romanzo ha realizzato una non facile impresa, essendo finalista ai due maggiori premi letterari italiani, lo Strega e il Campiello -, ma ogni libro è autonomo, e sono tre isole che insieme fanno un piccolo continente. E’ un progetto che ho sempre avuto: raccontare un posto più che la gente che ci abitava. Ma forse, quello che m’interessa di più è il rapporto fra l’uomo e la terra piuttosto che le vicende di questa gente. Una sardità più fisica che mentale quella di Vincenzo. Lui è puro, perché non ha pregiudizi né positivi né negativi sulla sua origine. E’ onesto intellettualmente, e per me è una specie di prototipo dell’uomo che si sceglie la sua identità. Lui vuole farsi sardo, decide di diventare un isolano, calpesta il suo territorio e fisicamente si mette in contatto con lui, capisce com’è fatto, cosa c’è dentro».
Non c’è qualcosa di enfatico in questo?
Da un certo punto di vista volevo enfatizzare diversi aspetti del libro. Senza enfasi il romanzo non ha respiro né storia e a me interessava arrivare a un punto fermo. Com’è successo in ''Stirpe'', quando tutto sembrava spento, si riaccende una scintilla di speranza. Così in questo c’è un dato meccanico che salva l’ultimo figlio grazie all’invenzione dell’incubatrice che coincide con i tempi della storia che racconto. Io sono uno dei primi figli del progresso medico, perché venendo da una madre che aveva grandi difficoltà a portare a termine una gravidanza, sono stato fatto nascere in anticipo per correggere la natura dissipatrice.
Quanto le somiglia Vincenzo?
Questo è il mio libro a più alta densità autobiografica. Tutto quello che sembra assurdo è vero, tutto quello che sembra vero me lo sono inventato. Questa è la mappa del romanzo. Sono il figlio unico di una famiglia i cui zii e zie avevano tantissimi figli. La famiglia numerosa era importante per costruire lavoro e generare forza in casa. Mia madre, per una serie di circostanze, non ha potuto avere altri figli oltre me, e Vincenzo è l’unico personaggio di cui abbia mai scritto in vita mia, che ha lo stesso nome dell’essere a cui mi riferisco: mio padre.
La ricostruzione quasi biblica della Sardegna in certi passaggi è  desunta dall’eco della sua memoria?
 Io la ricordo così, e mi sono convinto scrivendo, che la modernità della Sardegna, oggi passa attraverso il ricordarsi di quella arcaicità che era il rapporto semplice e diretto fra gli uomini e la terra. Credo che parte della crisi attuale dipenda dal fatto che i sardi, quella forma di rapporto ce lo siamo dimenticato e ci siamo autocolonizzati. Non sono un passatista o nostalgico, ma gran parte delle difficoltà dei sardi dipendono dal fatto che non ci conosciamo.
Questa modernità lei la ricorda con la lotta antimalarica in tutta la Sardegna con il Ddt.
La lotta antimalarica è una prova mitica che Vincenzo deve superare per essere ammesso nella comunità sarda. E per questo deve abbattere dei mostri, le cavallette, condanna biblica per i sardi, e le zanzare che ci hanno indebolito facendo bottino del nostro sangue in modo vampiresco. Mio padre uno dei primi lavori che fece da ragazzo fu lavorare nelle squadre della fondazione Rockefeller e per noi a casa c’era sempre il mito del piretro, pompette di latta con il quale spruzzavamo quel prodotto un po’ tossico ma miracoloso. In sostanza, il mio libro è anche un omaggio alla paternità.
Qual è  la Nuoro che trova oggi?
Trovo un disastro. Abbiamo fatto molte conquiste sul piano della sussistenza, ma abbiamo ceduto molto sul piano della cultura e della sobrietà. Siamo diventati volgari, lagnosi: invece eravamo sobri, efficaci. Lo dico senza rimpianti del tipo si stava meglio prima. Sotto molti aspetti si sta meglio oggi, tutti abbiamo il bagno in casa e le scarpe, ma culturalmente siamo sprofondati nel nulla. Con la terra, al turismo abbiamo venduto anche la nostra integrità.
Nel tempo di mezzo - Einaudi, pag. 263, 20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

VIAGGI

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

di Roberto Longoni

Lealtrenotizie

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19

elezioni 2017

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19  Video

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

2commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

3commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

9commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

1commento

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse